Narrativa italiana Romanzi Fai piano quando torni
 

Fai piano quando torni Fai piano quando torni

Fai piano quando torni

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Margherita ha trentaquattro anni e un lavoro che ama. È bella, ricca ma disperatamente incapace di superare sia la scomparsa dell’adorato papà, morto all’improvviso otto anni prima, sia l’abbandono del fidanzato che l’ha lasciata senza troppe spiegazioni. Dopo un grave incidente d’auto si risveglia in ospedale. Qui incontra una signora anziana che da poco è stata operata al femore. Anna, oggi settantaseienne – nata poverissima, «venduta» come sguattera da bambina – ha trascorso la vita in compagnia di un marito gretto e di una figlia meschina, eppure ha conservato una gioia di vivere straordinaria. Merito delle misteriose lettere che, da più di mezzo secolo, scrive e riceve ogni settimana. I mondi di queste due donne sono lontanissimi: non fossero state costrette a condividere la stessa stanza, non si sarebbero mai rivolte la parola. Dopo i primi tempestosi scontri, però, fuori dall’ospedale il cortocircuito scatenato dalla loro improbabile amicizia cambierà in meglio la vita di entrambe. Un romanzo pieno di grazia che racconta, con tono ironico e sorprendentemente leggero, il dolore della perdita e la fatica della rinascita.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Fai piano quando torni 2018-05-23 08:33:40 Mian88
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    23 Mag, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il lungo cammino per la rinascita.

Sono già quasi tre mesi che è ricoverata a seguito dell’incidente stradale e tutti, medici, amici, parenti, si chiedono come faccia ad essere ancora viva. Il suo nome è Margherita, trentaquattrenne della Bologna bene, avvocato e di buona famiglia già dalla nascita. È segnata la protagonista da un doppio trauma: la morte del padre occorsa otto anni prima e l’essere stata abbandonata da Francesco, ex fidanzato riaccasato, con cui ha convissuto per quattro lustri. Da qui il pensiero che possa aver tentato il suicidio sfiora la mente di chi le sta intorno. Eppure Margi non aveva alcuna intenzione di morire, anche se ha vissuto in uno stato di apatia, anaffettività, metallicità, anche se ha vissuto priva di stimoli per cui andare avanti per un tempo indeterminato come se fosse stata avvolta da un bolla ovattata a cui era vietato l’accesso ai non autorizzati, è successo davvero per caso. Poi un giorno come altro in quella stanza di ospedale, si accorge di una vecchietta, Anna, Annuccia per il suo Nicola, una sfoglina che si è rotta il femore e che dispensa chiacchiere e consigli per quella che diventerà la sua bambina, durante la degenza e dopo la stessa. Perché la signora Anna è una di quelle persone indistruttibili ma “non perché ha scelto solo s stessa, o perché non sente. Perché è viva. Dice di sì e mai di no. Si avvicina e non si allontana. Non cerca una giustificazione della sua esistenza se non nei minuti della sua vita. Non guarda gli altri per vedere nelle loro mancanze le sue vittorie. È solo questo. Le piace vivere. Mangia, ama, fuma.” P. 72
Ed è grazie a questo suo essere che Margherita, quasi senza rendersene conto, inizierà il suo percorso di cura dell’anima. Perché le sue ferite non soltanto quelle causate dall’incidente ma primariamente quelle che le fanno sanguinare lo spirito. Conoscerà l’amore, quello vero, un amore che ha resistito al tempo, alla lontananza, agli anni che passano, al doversi separare e all’andare avanti con quella speranza di potersi, un giorno, chissà quando, rincontrare. Perché Annuccia al suo Nicola bello in divisa non se lo è scordato mai. E in questo vortice di nuove scoperte, si renderà conto che forse, quello che credeva amore, tale non era.
Silvia Truzzi, giornalista presso “Il fatto quotidiano”, approda in libreria con un romanzo forte, intenso, atto ad esorcizzare un doppio dolore accomunato dalla matrice dell’abbandono. E vi riesce con grande maestria. Il suo è uno scritto volto a vincere questo senso di vuoto che è lasciato da chi, per una circostanza o per un’altra, ci lascia. È un elaborato in cui il lettore sogna, riflette, medita ed affronta il suo stesso dolore.
Il tutto accade con una penna lieve, fluente, che prende per mano e accompagna l’avventuriero passo dopo passo. Senza mai esagerare, senza mai andare fuori riga. Ogni tassello è finalizzato a comporre e costruire un puzzle più grande di rinascita ma anche di comprensione di noi stessi. Perché l’autrice ci invita a fare anche questo: a conoscerci e a riscoprirci.
E a questo contenuto forte, a questa penna che solletica l’anima si sommano due personaggi profondi, tangibili e concreti che non si può far a meno di amare. Per i loro pregi, per i loro difetti, per la loro umanità. Da leggere.

“«No bambina, tuo papà non è qui. Tuo papà è qui.» E fece un patetico segno indicando vagamente il cuore.
«Senta signora Anna: è mio papà e decido io dov’è»
«Se non capisci niente non è colpa mia. Io te l’ho detto e vedrai che mi darai ragione»” p. 170

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

Fai piano quando torni 2018-04-01 08:10:33 ornella donna
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    01 Aprile, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il dolore la sofferenza la rinascita

Silvia Truzzi, firma qui il suo primo romanzo: Fai piano quando torni, un romanzo in cui:
“Nei libri continuo aa cercare un sollievo, una luce nel buio. Margherita e la sua amica improbabile mi hanno ricordato come le ferite del cuore vadano affrontate e curate con coraggio, ma senza vergognarsi delle ferite che lasciano. Perché le cicatrici sono la cerniera di tenerezza che ci impedisce di sprofondare nel cinismo” (Massimo Gramellini).
Inoltre:
“La prosa di Silvia Truzzi è ipnotica. Ogni suo periodare – nei dialoghi e nelle scene- è un mantra cui chi legge porta se stesso. Ed è come quando si narra di una favola che impegna anni e anni per sbocciare tra i giorni grigi.” (Pietrangelo Buttafuoco).
Margherita è un avvocato di trentaquattro anni, è giovane e ricca, ma è disperata. Incapace sia di elaborare il lutto improvviso, conseguente alla scomparsa del padre otto anni prima, sia di accettare e di rassegnarsi all’abbandono del’ex fidanzato Francesco, che oltre a frequentare un’altra persona, l’ha lasciata senza troppe spiegazioni né motivazioni. Ha un grave incidente d’auto, e si risveglia, un po’ malconcia, in ospedale. Oltre alle ferite del corpo, ci sono quelle dell’anima che lei non si cura affatto di porvi rimedio. Si rende antipatica ed insofferente a tutto e a tutti. Ma accanto al suo letto c’è una simpatica signora settantenne che si è rotta un femore. Anna comprende subito lo stato depressivo della ragazza, ed è ben decisa a portarla in salvo. Lei, con le sue camicie da notte rosa con il pizzo e le vestaglie rosa, è:
“una di quelle persone indistruttibili. (…) Perché è, naturalmente, viva. Dice sì, mai no. (…) Le piace vivere. Mangia, fuma, ama.”
I mondi di loro due sono agli antipodi, ma ben presto il loro rapporto si tramuta in un dare ed avere che non può che portare benessere alle due donne. E poi Anna ha un segreto, che dura da più di cinquant’anni! E Margherita non resiste. Deve sapere, ma ….. Anna è astuta e assai assai divertente!
Un libro bello, in cui la sofferenza diventa maestra di vita. Il dolore esiste, ci accompagna, davanti a lui non possiamo che chinare la testa; ma esiste la rinascita e la maturazione. Gli uomini, almeno in una certa parte, non ne escono ben raffigurati:
“Agata dice che i maschi sono antropologicamente stronzi, incapaci di fare delle scelte, di dare un taglio alle cose anche in situazioni estreme. E’ la strategia della porta sempre aperta.”
Poi nella narrazione si riprendono, non temano.
Ricco di letteratura, di amore e conoscenza per i libri, di citazioni importanti come quella di Euripide, per cui non si deve:
“Non sprecare lacrime nuove per vecchi dolori”,
il testo è un’ottima lettura. Una storia di amicizia, di speranza e di rinascita. Ben scritto, con una grazia speciale, a tratti ironico e divertente, merita una buona dissertazione critica.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il detective selvaggio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il mistero degli Inca
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Marie la strabica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una perfetta bugia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La bella sconosciuta
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il confine
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il tempo dell'ipocrisia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La maledizione delle ombre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'eredità di Mrs Westaway
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Sorelle sbagliate
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una vita in parole
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri