I divoratori I divoratori

I divoratori

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Non è una serata come le altre nel prestigioso Palazzo Senso, ristorante gourmet dell'Hotel Principe di Savoia di Milano. I piatti concepiti dallo chef Franco Ceravolo, monumento della gastronomia italiana, atterrano con grazia sui tavoli finemente apparecchiati, trasportando i clienti in un universo sensoriale stroboscopico impossibile da dimenticare. Ma nell'aria serpeggia una strana eccitazione e tutti gli occhi sono puntati verso il centro della sala, lì dove siede "una creatura di perfezione impossibile, ancestrale, l'uomo più bello che si sia mai visto". È Daniel William King, stella assoluta di Hollywood, accompagnato dalla sua bellissima moglie: la coppia di attori più ammirata, invidiata e fotografata del momento, ville da copertina, premi internazionali, figli naturali e figli adottati, ricchezza, successo e due volti assicurati per cifre che basterebbero a pagare un Pollock da Sotheby's: una grandiosa famiglia tradizionale. Condividere con loro il tempo e lo spazio di una cena non è un'opportunità o un colpo di fortuna, ma una responsabilità, un peso capace di cambiare le carte in tavola. A scoprirlo, loro malgrado, saranno Elena e Saverio – che stanno trascorrendo un avventato weekend insieme dopo essersi incontrati al funerale di una comune amica –, Giordano e Frida – uno stimato professore universitario e una sua lettrice di trent'anni più giovane – e un gruppo oscenamente rumoroso, seduto più in fondo, in disparte – la grottesca famiglia del maître, che grazie a una soffiata del figlio non si è fatta sfuggire l'occasione di osservare da vicino Mr e Mrs King. Durante il pasto, mentre in cucina e agli altri tavoli si consumano cattiverie, epifanie e piccoli traumi, al tavolo dei due divi si svolge la scena madre, perché nel cervello dell'attore più bello del mondo, all'oscuro dello sguardo altrui e lontano dalla liturgia dello spettacolo, si annida da tempo un minuscolo seme di follia, "una specie di fungo, una macchia che comincia ad allargarsi" e che devierà senza scampo le traiettorie delle vite di ciascuno dei protagonisti.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I divoratori 2021-04-28 09:37:24 Antonella76
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    28 Aprile, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Tutti divorati e divoratori. Tutti infelici.

La vita è feroce, affamata, non risparmia niente e nessuno.
C'è chi è abituato ad essere "pasto" per gli altri, chi ha messo la propria vita in un piatto, il piatto più bello e costoso possibile ovviamente, e si lascia divorare senza pietà da chiunque, per vanità, per bramosia di successo, per contratto.
Il suo sapore non è genuino, è finto, come finta è la sua esistenza patinata.
Piacere ad ogni costo è faticoso, stancante, sfibrante... ad un certo punto si ha il bisogno di chiudersi in un bagno e tirare fuori il peggio, o forse il meglio... di sicuro "il vero".

Ma c'è anche chi è inconsapevole di mettere in atto e di subire questo aspetto famelico dell'esistenza.
Fino a quando non si ritrova faccia a faccia con i propri istinti, fino a quando non si ritrova nel piatto le briciole dei propri fallimenti.

Tutto accade nell'arco di una cena.
Una grande abbuffata la cui portata principale è costituita da loro, le celebrità hollywoodiane, ma i cui contorni, le esistenze comuni, sono la parte più viva e saporita della cena, perché non artefatti, non costruiti a tavolino, perché ignari di essere cibo per le loro debolezze, vittime della loro stessa fame.
Fame di realizzazione, di riscatto sociale, fame di potere, fame di piacere, di sedurre, o anche solo incapacità di proteggersi, e quindi, per questo, destinati ad essere fatti a pezzi, divorati e masticati dai sensi di colpa, dai rimpianti, o semplicemente da una vita che non dà molte seconde occasioni.

Tutti divorati da se stessi, spolpati da una vita che, in fondo, per nessuno di loro, è andata come avrebbero voluto.
Tutti divorati e divoratori. Tutti infelici.

L'essere umano contemporaneo di Sgambati è cinico, meschino, affascinato dal sopruso, autodistruttivo.
Sostanzialmente solo e disperato.
Poco emozionale e molto cerebrale, esattamente come il romanzo.

Un libro sicuramente originale, scritto bene, chirurgico, attento al dettaglio.
Che fa pensare.
Però, per me, ha un grande difetto: l'eccessiva caduta nel "mondo delle celebrità reali".
L'ho trovato troppo infarcito di veri personaggi dello spettacolo, del cinema, della musica (da Fabio Fazio e Filippa Lagerbäck a Charlize Theron e Damien Hirst, passando per una lunga serie di citazioni: Jude Law, Hugh Grant, Saviano, Bono, David Letterman, ecc.).
Questo voler inserire nella narrazione persone vere, famose, ha tolto al romanzo il suo respiro universale, relegandolo ad un tempo piccolo, molto circoscritto.
Il nostro adesso. Qui e ora.
Avrei preferito meno riferimenti celebri, meno scimmiottamenti (la coppia hollywoodiana è troppo esplicitamente simile a Brad Pitt e Angelina Jolie, lo chef stellato è una versione letteraria di Cracco...).

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Urla sempre, primavera
Valutazione Redazione QLibri
 
2.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il vino dei morti
Valutazione Redazione QLibri
 
1.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
E verrà un altro inverno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La rinnegata
Valutazione Utenti
 
3.9 (2)
Alabama
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
A grandezza naturale
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto la cenere
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sanguina ancora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il gioco della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri