Narrativa italiana Romanzi I nomi che diamo alle cose
 

I nomi che diamo alle cose I nomi che diamo alle cose

I nomi che diamo alle cose

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Spesso quando si desidera distrattamente qualcosa si finisce per ottenerlo senza sapere che farsene. È quello che scopre Anna, quarant'anni, un passato prossimo doloroso e irrisolto, un presente di lavoro-passione e leggerezza forzata, quando Iride Bandini, celebre autrice per ragazzi conosciuta anni prima, le lascia in eredità una piccola casa, la portineria della sua proprietà: un curioso, eccessivo gesto di gratitudine che invita Anna a cambiare vita senza rifletterci troppo. Dalla città alla campagna, passato un primo periodo in solitario nuovi legami s'impongono, si rendono necessari: un capomastro gentile e devoto, l'ex segretaria e il figlio irrequieto della scrittrice, uno sceicco che non è uno sceicco, una coppia di contadini con bambine, tutti sembrano volere qualcosa da Anna, come se la sua presenza in quel luogo non fosse quasi casuale ma richiesta.



Recensione della Redazione QLibri

 
I nomi che diamo alle cose 2016-02-07 09:17:58 sonia fascendini
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    07 Febbraio, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

A ciascuno il suo mestiere

Il primo capitolo di questo romanzo mi ha intrigato parecchio, peccato che è stato l'unica parte del libro a farmi questo effetto.
Un funerake: un uomo fa il discorso di commiato in chiesa, con davanti la bara ricolma di fiori, e lo conclude dando del mostro alla cara estinta. Sorpresa nella sorpresa si tratta del figlio. In più, non ci sembra che gli altri intervenuti alla cerimonia se n'abbiano poi tanto a male.
Con una serie di flashback e salti temporali la Masini ci fa entrare nel mondo di Anna, una corretrice di bozze, e di un paesino sulle sponde del lago di Garda. Storie nuove di amori illeciti, di cambi di vita, di amicizie improbabili si intrecciano con storie di vecchi amori illeciti, vecchi cambi di vita ed antiche amicizie improbabili. Il colpo di scena, con la rivelazione che ci spiega tutto, arriva circa a metà del romanzo. Dapprima lo intuiamo da soli, nonostante sia talmente assurdo da essere incredibile, poi sono gli stessi protagonisti a confermarci che la nostra pensata è stata coretta. Il finale è solo un tirare le fila del resto del romanzo, quasi un nuovo inizio verso cosa? Altri amori proibiti, altre amicizie bizzarre?
La trama di questo libro mi ha ricordato i romanzi di Charlotte Link, senza però la ricchezza descrittiva dei personaggi e la precisione espositiva di questi ultimi. In sostaza la Masini ha introdoto tutti gli elementi cari all'autrice tedesca: una giovane donna dalla vita complicata si trova per varie ragioni a trasferirsi in una casa nuova piena di storie e fantasmi. si incontra con un'anziana signora che le racconta a spizzichi e bocconi la sua vita nella quale c'è un qualche segreto. Le due vicende per certi versi si somigliano aiutando la più giovane a prendere una decisione rimandata da tempo.
La novità che c'è in questo volume e che alla fine fine mi porta a dare un giudizio positivo è la presenza di alcuni racconti per bambini che ho trovato molto belli. La Masini nasce come autrice per l'infanzia e solo da poco si è cimentata anche con la letteratura pr adulti. Attraverso l'espediente di una vecchia scatola piena di appunti è riuscita a inserire in questo romanzo anche quello che secondo me è il migliore dei suoi talenti.
Non mi piace molto, invece in generale il suo modo di scrivere. Alcune parti, soprattutto le descrizioni dei paesaggi e degli scorci del lago sono molto belle: sembra di trovarcisi dentro, di sentire i rumori e di vedere i colori che Anna ha davanti. Altre volte invece ho trovato le sue descrizioni prolisse e inconcludenti. Sembra quasi di trovarsi davanti ad una dimostrazione di forza: ecco metto in campo tutta la mia abilità letteraria. Per quanto riguarda la trama. troppi personaggi, uno più improbabile dell'altro, un'infinità di luoghi comuni sugli abitanti dei piccoli borghi e sul loro essere burberi/ottusi.
Tutt'altra cosa i racconti per bambini: trame semplici, ma efficaci con un linguaggio chiaro e diretto adatto sia ai bambini che agli adulti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chi piace Charlotte Link
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Gelosia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Su un letto di fiori
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La mia vita con i gatti
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.4 (2)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.5 (3)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
3.8 (3)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri