Narrativa italiana Romanzi Il cappotto del turco
 

Il cappotto del turco Il cappotto del turco

Il cappotto del turco

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Sullo sfondo di anni molto recenti, il terzo romanzo di Cristina Comencini coglie l'essenza di due figure femminili e di due modi opposti di intendere la vita. Maria e Isabella sono sorelle e hanno trascorso l'infanzia in una famiglia portoghese, nella ricca Roma degli anni cinquanta. Dopo, sono venuti i tempi della politica, vissuta anima e corpo, e la vita dura, scandita da separazioni e ricongiungimenti. Le due donne prendono strade differenti: Isabella se ne va in giro per il mondo, Maria, assieme al suo uomo e al figlio, sta in un piccolo appartamento sempre aperto agli amici. Finché questa, approfittando della partenza del compagno per Napoli, va a vivere in una casa comoda, in un quartiere borghese. E' qui che, all'improvviso, le compare davanti un turco ricercato dalla polizia, mandato dalla sorella che l'ha conosciuto in uno dei suoi viaggi. Si chiama Mehmet e porta con sé allegria e profumo di spezie: madre e figlio ne restano affascinati. Poi, un giorno, scompare senza lasciare altro che un cappotto, appeso tra i vestiti. Ma i destini si incrociano ancora, anni dopo, nell'accecante sole mediterraneo, mentre due adolescenti ignari della vita, della politica, del turco e del suo cappotto, si tuffano assieme nel mare cristallino.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il cappotto del turco 2019-05-19 10:37:06 marinablu
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
marinablu Opinione inserita da marinablu    19 Mag, 2019
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

MARIA, ISABELLA E LA NOSTRA ITALIA

“Mi chiamo Maria e il nome di mia sorella è Isabella. Ma la differenza dei nomi è solo apparente. I nostri genitori ci avevano dato lo stesso nome: a lei Isabella Maria e a me Maria Isabella”.
Maria è la voce narrante di questo romanzo che ripercorre la storia di un’ Italia che ha visto i cambiamenti tra gli anni ’50 fino agli anni ’90 e fiutando i sentimenti e gli stili di vita dell’epoca ripercorriamo le vite di due sorelle, Maria e Isabella, le cui personalità opposte si compensano e bilanciano tanto da arricchire l’una all’altra. Maria, la maggiore tra le due, responsabile, zelante negli studi, prudente, razionale e sempre protettiva nei confronti della sorella più piccola Isabella che al contrario è avventurosa, imprevedibile, con quella leggerezza che affascina e coinvolge e che spesso si esprime come una ricerca continua ed esasperata di emozioni forti.
A fronte di un’infanzia e un’adolescenza che le vede molto unite durante il periodo del boom economico tra gli anni ‘50 e inizi anni ’60, seguono il ’68 e gli anni ’70, gli anni delle sommosse e dei cambiamenti e, prevedibilmente, è Isabella la prima ad avvicinarsi alle lotte dell’epoca coinvolgendo la sorella, ma rispettando il personaggio dalla natura incostante Isabella sarà anche la prima tra le due ad abbandonare la scena per affrontare nuove avventure girando per il mondo e lasciando Maria sola ad affrontare quel periodo duro fatto di scelte forti e di coraggio.
Per molto tempo saranno distanti le due sorelle, ma la distanza sarà solo fisica perché Isabella farà sempre in modo di essere presente nella vita di Maria, in modo diretto o indiretto come ad esempio attraverso Mehmet, un fuggitivo turco mandato da Isabella, che si presenterà a casa di Maria, così all’improvviso. Tra i due nascerà una storia d’amore profonda di quelle che non vede solo un coinvolgimento fisico ma anche mentale, “Ho parlato con lui come parlavo con te” dirà Maria a Isabella, e così come è arrivato altrettanto all’improvviso Mehmet se ne andrà lasciando a casa di Maria un cappotto che farà da filo conduttore per riunire in qualche modo le vite delle due sorelle, sono gli anni ’80, quelli successivi alle lotte di classe, alla riforma del diritto di famiglia, gli anni in cui i sessantottini rinnegano il loro passato di rivoluzionari e cercano di costruirsi uno stile di vita che persegua la stabilità economica, il benessere e l’affermazione personale.
La storia di quei quarant’anni dell’Italia che fa da sfondo in questo romanzo , è più che altro uno strumento per scadenzare le tappe fondamentali delle vite delle due protagoniste, attraverso gli umori dell’epoca viviamo le emozioni e i turbamenti di Maria e Isabella. E’ un romanzo piacevole, che si legge velocemente e che affronta un tema che in qualche modo accomuna molti di noi, gli unici esclusi forse potrebbero essere i figli unici, perché la vera storia di questo romanzo è il rapporto tra fratelli, le uniche figure davvero costanti nella nostra vita, i genitori sono di un’altra generazione, invecchiano e poi non ci sono più, gli amici col passare degli anni si costruiscono le loro famiglie e la loro vita, l’amore per il proprio coniuge nasce ma può anche finire, i figli, il cui amore è immenso ed eterno, crescono e vanno via, l’unica figura che è una costante, è tua contemporanea e con la quale si ha un legame di sangue e di passato trascorso insieme è quella del fratello e della sorella, quella persona con cui ci possono essere distanze di spazio, distanze caratteriali, ci si puo’ scontrare e non parlarsi più per molto tempo , ma c’è un filo invisibile (in questo romanzo rappresentato da un cappotto turco) che non si stacca mai, spesso è un rapporto fatto di amore e tensioni, di cose non dette, di cose dette in modo sbagliato, di conflitti in tempi di pace e ricongiungimenti nel momento del bisogno . Questo romanzo ha un sapore familiare, ma non raffigura “la famiglia del mulino bianco” bensì quella vera dove ci sono i sentimenti più istintivi di noi che si riflettono nei cicli di una vita e se la vita delle persone fosse un albero, il fratello sarebbe quel ramo che cresce in modo costante con noi, che man mano che passano gli anni si allunga e prosegue il suo percorso, ma non sarà mai così distante perché è nato dalla stessa radice da cui siamo nati noi ed è percorso dalla stessa linfa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Pietro e Paolo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Macchine come me
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il silenzio delle ragazze
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Il grande romanzo dei Vangeli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un dolore così dolce
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Dodici rose a Settembre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
La ragazza che doveva morire. Millennium 6
Valutazione Utenti
 
2.8 (2)
The chain
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La parata
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri