Narrativa italiana Romanzi Il Codice di Perelà
 

Il Codice di Perelà Il Codice di Perelà

Il Codice di Perelà

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


A trentatré anni un uomo di fumo esce dal camino in cui è nato, si incammina per il mondo e si ritrova – suo malgrado – esaltato e ammirato come un essere eccezionale, privo di peso, purificato grazie al fuoco da ogni interesse ed egoismo. «Vittima designata» dell’ammirazione generale, Perelà viene addirittura incaricato di redigere un nuovo Codice, che risolva tutti i problemi lasciati insoluti dalle leggi vigenti, «decrepite e grinzose». Il Codice di Perelà, che il suo autore giudicava «la mia favola più aerea, il punto più elevato della mia fantasia», è uno straordinario «antiromanzo» futurista, un’opera estrema ed eccentrica, in equilibrio tra libera creazione e allegoria, tra favola e realtà. Lo si propone qui nella versione definitiva del 1958.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il Codice di Perelà 2019-01-20 20:52:43 siti
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
siti Opinione inserita da siti    20 Gennaio, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

NUOCE GRAVEMENTE ALLA FANTASIA

“Son forse un poeta?
No, certo.
Non scrive che una parola, ben strana,
la penna dell’anima mia:
“follia”.
Son dunque un pittore?
Neanche.
Non ha che un colore
la tavolozza dell’anima mia:
“malinconia”.
Un musico, allora?
Nemmeno.
Non c’è che una nota
nella tastiera dell’anima mia:
“nostalgia”.
Son dunque... che cosa?
Io metto una lente
davanti al mio cuore
per farlo vedere alla gente.
Chi sono?
Il saltimbanco dell’anima mia.”

Forse la celebre “Chi sono”, datata 1909, può aiutare il lettore a godere del romanzo futurista in versione originale, senza correre il rischio di restare ingabbiati nel contesto socio-culturale, nelle maglie seppur larghe del Futurismo, o ancora nella biografia dell’autore. Tutte queste vie sono già state percorse dalla critica, aiutano a orientarsi, perché no, ma ritengo che qui, come in ogni altra opera d’arte, la fruizione individuale, deve essere maestra rispetto a qualsiasi altra lezione.
FOLLIA, MALINCONIA, NOSTALGIA estrapolate dalla lirica insieme agli strumenti dell’anima PENNA, TAVOLOZZA, TASTIERA, riassumono una poetica di pura negazione: né poeta, né pittore, né musìco. Semplicemente un potente strumento ottico occorre per rendere noto ciò che agita un’anima dislocata nel cuore, epicentro dell’umano sentire. L’iperbole del sentire potenziato, l’iperbole della sua rappresentazione surreale, fiabesca, generano un romanzo drammatizzato di godibile lettura e di amara ambivalenza, deprivato inoltre, come nella migliore tradizione, di una lettura univoca.
Di che si tratta? Mettiamola così, sul semplice, in un primo piano di lettura: un uomo di fumo giunge inaspettato in un paese governato da un re; la sua natura è evidente ma egli la disvela meglio non tacendo le sue origini. È stato originato in una canna fumaria al suono delle voci di tre donne, Pena, Rete, Lama, PERELÀ, e al loro svanire è scivolato lunga la canna, ha calzato un paio di scarpe ed è giunto nel paese. Accolto e benvoluto da tutti, viene addirittura invitato a redigere il nuovo codice della comunità. Un evento drammatico pone fine alla sua accettazione, repentina, quanto la sua ascesa sociale, la sua caduta che evolve in una assunzione al cielo.
Vogliamo spiegare il surreale, il metafisico, vogliamo dipanare la matassa allegorica?
Non posso e non voglio. Perelà è per me la verità, codice egli stesso per decifrare il mistero dell’uomo e della divinità. È follia, è malinconia e insieme nostalgia, guardare il cielo e scoprire un’essenza inafferrabile, cercando di scorgere, ora, anche un po’ di fumo residuo, di volatile sostanza di ciò che egli fu, non grigio fumo però, ma eterea nube. Ecco come un’opera d’arte nuoce gravemente alla fantasia, ecco la mia è ora inquinata da Perelà e guardare il cielo non sarà più la stessa cosa.

Buona lettura.

Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lena e la tempesta
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Canta, spirito, canta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
Un caso speciale per la ghostwriter
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Le maledizioni
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni riferimento è puramente casuale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Alba nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Chiedi alla notte
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Cose più grandi di noi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cronaca nera
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mars room
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
La macchina del vento
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gabbia dorata
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri