Il contratto Il contratto

Il contratto

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Cosa si è disposti a fare pur di conquistare la fama e il successo? Qual è il confine oltre il quale si perde, insieme alla dignità, anche se stessi? Un aspirante scrittore si troverà inaspettatamente di fronte a un bivio di faustiana memoria.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il contratto 2013-01-26 10:51:59 Bruno Elpis
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    26 Gennaio, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

“Il contratto” – Commento di Bruno Elpis

Marco Vichi, affermato scrittore di gialli e padre del commissario Bordelli, ne “Il contratto” propone un gradevole ‘racconto lungo’ (95 pagine) che fa il verso al Faust di Goethe e di Marlowe. E rivisita in chiave contemporanea e mefistofelica il tema del successo e dei compromessi che devono essere attuati per ottenerlo.
L’incipit si svolge in una festa ove un aspirante scrittore, forse un po’ alticcio, provoca una baruffa con il pianista improvvisato (“Finalmente quei debosciati si divertivano un po’, in mancanza dei cristiani mangiati dai leoni”).
Dopo una nottata agitata, gli viene prospettato un accordo – il patto con il diavolo! – che ha per oggetto la redazione di una “Divina commedia” al contrario: “… l’Inferno si sarebbe diviso in quattro buche profonde ricolme di piacere … il duca mio, apparso per guidarmi lungo le vie della verità e dunque per salvarmi dal tedio del Paradiso, sarebbe stato Leopardi …” Lo scrittore in cambio avrà “fame & fortune and everything that goes ...” (per utilizzare un verso di “We are the champions” dei Queen).
I committenti sono “gli Uffici”, personificati da un direttore che “aveva la faccia pallida e affilata, e due occhi neri da femmina”, un’assistente sexy di nome Vanessa (!), due repellenti creature: Zabulon e Abandon.
Il prodotto è un’opera in endecasillabi, tutta da gustare, stimolata da un desiderio basilare: “La creazione poetica e il desiderio di accoppiarmi per l’eternità con qualche valchiria mi avevano succhiato l’anima”.
Lo stile è ironico e accattivante, ricco di riferimenti culturali e di allusioni immediatamente fruibili (“Chi diavolo sarà a quest’ora?”, si chiede lo scrittore prima di aprire la porta!).

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
il Faust di Marlowe, il Faust di Goethe. E a chi non li ha letti!
A chi ha letto la Divina Commedia...
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Oryx e Crake
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (3)

Altri contenuti interessanti su QLibri