Narrativa italiana Romanzi Il figlio della santa
 

Il figlio della santa Il figlio della santa

Il figlio della santa

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La trama e le recensioni di Il figlio della santa, romanzo di Antonia Iaccarino edito da Fandango. All’indomani della inspiegabile scomparsa di sua madre, V. – giovane pittore agli esordi di una promettente carriera – attraversa l’Oceano su un mercantile e approda in una città sconosciuta dell’America Latina nella quale si confinerà per i successivi quindici anni vivendo come in sonno, nel rifiuto della pittura e nell’incapacità di distinguere i colori. È questo l’antefatto di una storia che narra del suo risveglio da un letargo scelto per sottrarsi alla vita: un viaggio di ritorno attraverso il dedalo dei ricordi rimossi che lo riporterà dopo tanto tempo alla città da cui era fuggito. Proprio qui, nel luogo dove tutto ha avuto origine, in una Napoli labirintica e barocca, familiare e straniante assieme, personaggi del suo passato, simili a un coro irridente e tragico, ricomporranno il vero volto di una madre multiforme e folle, e il colossale equivoco di cui V. scoprirà di essere rimasto preda.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il figlio della santa 2011-08-28 12:42:20 SS
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da SS    28 Agosto, 2011

quando la scrittura diventa anche architettura

Un libro dalle tinte forti, una storia coinvolgente e appassionante. La storia di una madre e un figlio: due animi solitari, lontani nel tempo e nello spazio ma così profondamente vicini.

Una lettura bella e coinvolgente, alle volte lenta in cui la minuzia dei particolari è l’emblema della vita che scorre fiacca nelle città, nel porto e nelle strade chiuse tra edifici fatiscenti. La città appare protagonista del libro e riflette l’animo dei personaggi, connotato da una profonda inquietudine e un continuo senso di estraniazione.

La Iaccarino dimostra tutta la sua abilità nel descrivere una trama in cui la profonda conoscenza dell’arte e dell’architettura si legano alla scrittura e il cui risultato è un romanzo che suscita profonda emozioni e tanta compassione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il figlio della santa 2011-07-25 09:45:34 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    25 Luglio, 2011
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Di quando la Madonna fuggì dalla Cantata dei Pasto

"Son sogni,e come tali, ombre e chimere.
Ma dì pur che sognavi..."
Nella Cantata dei pastori queste sono le prime parole che Armenzio rivolge
al figlio Benino che, destato, scopre che a Betlemme un Sogno sta diventando realtà.Questo romanzo è la storia di un "risveglio", è il racconto di un ritorno alla realtà da parte di un uomo che, colpito duramente dal destino, si era difeso fuggendo via dal dolore, negando alla propria coscienza ciò che era evidente a tutti. Virgilio Viviani, un giovane pittore napoletano, alla vigilia di Natale, durante la tradizionale Cantata dei pastori dove la mamma, Esther, era solita interpretare la Vergine Maria e per questa sua intensa e rituale interpretazione soprannominata "la Santa",assiste sbigottito all'uscita di senno della madre che annuncia a tutti dal palco,non la venuta di nostro Signore, ma il suo tentativo di suicidarsi e di uccidere così il figlio che lei stessa portava in grembo. Virgilio quel Natale insegue invano nei vicoli di Napoli, la madre impazzita. In seguito decide di imbarcarsi e per quindici anni si rifugia in Sud America dove grazie al ricavato della vendita dei suoi quadri riesce a ritagliarsi un'esistenza più che dignitosa. Ma la ferita che ha lasciato dentro quest'uomo la "Santa", nonostante il tempo trascorso continua a sanguinare e per fermare quest'emorraggia di sentimenti ,Virgilio dovrà ritornare nel ventre di Napoli, gravido di ricordi e inseguire come i pastori la sua stella: Esther in ebraico, sarà solo ritrovandola che tutta la sua esistenza rinascerà sotto una nuova luce,ma continuando ad adoperare questa metafora , vista la passione dei personaggi per la Cantata, nella stalla Virgilio/Benino non troverà più la Madonna...non è più tenpo di Sante.
Antonia Iaccarino che abbiamo imparato ad apprezzare come sceneggiatrice di film su tutti "Jimmy della collina" e "Tutto torna" firma un romanzo introspettivo e struggente come può essere solo la scoperta, da parte di un figlio, della vera natura della persona più amata:la madre.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
letteratura italiana contemporanea
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Domani e per sempre
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Il Duca
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Ritratto di donna