Narrativa italiana Romanzi Il giudice meschino
 

Il giudice meschino Il giudice meschino

Il giudice meschino

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Un giudice muore per mano di balordi. E i balordi muoiono per mano della 'ndrangheta, che non tollera si disturbi il prosperare dei suoi affari. Almeno, così sembra. Alberto Lenzi, magistrato scioperato e donnaiolo, colpito dalla morte del collega e amico, si tuffa a capofitto nelle indagini. Lo instradano in una diversa direzione le sibilline, gustose parabole di don Mico Rota, capobastone della 'ndrangheta, e il fortuito emergere di elementi legati a un traffico di rifiuti tossici. Una «commedia umana» dove si muovono personaggi verissimi, contraddittori, sfaccettati, che inseguendo il proprio meschino tornaconto arrivano tuttavia a svelare una realtà che va molto oltre la 'ndrangheta.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 7

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.3  (7)
Contenuto 
 
4.6  (7)
Piacevolezza 
 
4.6  (7)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il giudice meschino 2016-12-10 22:59:45 pinucciobello
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
pinucciobello Opinione inserita da pinucciobello    11 Dicembre, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Coro greco

Venni in possesso dio questo libro praticamente per caso, anni fa dalla più piccola delle mie figlie che ne aveva viste una trentina di copie sulla scrivania della sua professoressa di italiano che lo voleva far leggere agli studenti dell'ultimo anno. Ricevutone una copia in regalo, appena a casa lo lesse tutto d'un fiato, poi lo passò a me, che solitamente preferisco scegliere da solo i libri da leggere. Ma, come molti padri possono capire, è difficile rifiutare un consiglio di un figlio. Quasi controvoglia iniziai a leggerlo e mi accorsi ben presto che la lettura risulatava piacevolmente scorrevole e non solo per me che ho una diretta conoscenza dei meccanismi comportamentali di un certo tipo di personaggi per "contiguità territoriale". Bei personaggi, bel ritmo e confesso che anche la versione televisiva, vista anni dopo, pur stravolgendo la storia aveva parecchi lati positivi. Nel libro ni era piaciuta la funzione assegnata al circolo del paese con i commenti sugli ultimi accadimenti, mi ha ricordato l'intermezzo dei cori nelle tragedie classiche che aiutano la comprensione o suggeriscono gli avvenimenti che stanno per accadere allo spettatore. Gradevolissimo. Da consigliare.
Comunque da allora ho imparato che non bisogna mai credere che i figli, già da adolescenti, siano ancora degli sprovveduti e privi di autonoma capacità di giudizio.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il giudice meschino 2015-06-23 13:45:33 Bruno Izzo
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Izzo Opinione inserita da Bruno Izzo    23 Giugno, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Meglio meschino che infame

“Il giudice meschino” è uno dei romanzi più conosciuti dell’ingegnere-scrittore calabrese Mimmo Gangemi; e la popolarità di questo pregevole romanzo è stata accresciuta dall’omonima fiction che ne è stata tratta, interpretata da Luca Zingaretti, l’attore che normalmente interpreta il Montalbano di Camilleri, passando qui da commissario a giudice, quindi.
Questo non è, come si potrebbe credere, un romanzo sulla ‘ndrangheta, la nota organizzazione criminale calabrese, o meglio non è solo un romanzo di cronaca malavitosa.
Certo, Gangemi è calabrese, nato e cresciuto nel cuore del territorio che alla malavita della Calabria ha dato vita, sviluppo e notorietà, tuttavia sarebbe semplicistico etichettare Gangemi come un cronista delle malefatte dei suoi concittadini, è riduttivo credere che Gangemi narri del fenomeno malavitoso endemico nella sua terra di origine, spiegandone magari i meccanismi, i rituali, la struttura o azzardando un’analisi sociologica del fenomeno.
Tutt’altro; la ‘ndrangheta per Gangemi, pur presente e con un peso non indifferente nel suo romanzo, è semplicemente un pretesto, un pretesto per parlare di ben altre nefandezze, ben altre meschinità. Perché il titolo si riferisce sì a un giudice “meschino”, il protagonista del romanzo Alberto Lenzi, interpretato sullo schermo da Zingaretti, ma allude, e fortemente, a ben altre meschinità. Alberto Lenzi è un magistrato in servizio presso una procura calabrese, ed è un indigeno, un nativo dei luoghi dove esercita la sua professione, quindi. E dei luoghi conserva tutti i tratti esteriori peggiori: è pigro, indolente, ignavo, tende a sorvolare sui fatti di evidente matrice malavitosa che avvengono sui luoghi della sua giurisdizione, ma non per cattiveria, cattiva professionalità o, peggio ancora perché corrotto o colluso con i mafiosi che deve indagare.
No: semplicemente perché il suo vivere a diretto contatto con l’ambiente lo ha reso in un certo qual modo assuefatto al modus vivendi dei luoghi, è innato in lui una certa rassegnazione, un certo tollerare, fingere di non vedere per quieto vivere, sminuire la portata penale di fatti ed eventi pressoché quotidiani del posto, conscio che certi comportamenti, lo sconfinare spesso e volentieri nell’illecito e nell’irregolare sono divenuti una vera e propria necessità dell’esistenza, un obbligo esistenziale nato dall’assoluta incapacità sociale di uno stato assente nei suoi presidi preventivi ed invece presente sul territorio con solo connotati repressivi. Ma una repressione più simbolica che reale, tanto è oramai soccombente alla struttura capillare malavitosa, al suo tenace permearsi nelle strutture politiche, dirigenziali, civili e sociali del territorio. Privo di altri mezzi, la malavita, almeno quella più lieve, è una necessità per i calabresi, non esistono alternative quando si nasce in certi luoghi, o così o la fame, tra l’altro endemica e secolare. Lenzi lo sa perfettamente, e perciò si adegua, lascia correre i piccoli reati, le piccole ruberie, le irregolarità di vario tipo, le truffe e gli imbrogli a cui troppo spesso per assoluta mancanza di alternative sono costrette a ricorrere i nativi per sbarcare il lunario. Perciò allora Lenzi è detto meschino, il giudice meschino; intendendo con ciò non tanto che è un povero di spirito, tutt’altro, è un uomo intelligente, capace, un uomo retto e con saldi principi morali, come lo sono in genere tutti i calabresi, persone fiere, oneste, degnissime di stima e di rispetto: no, il termine meschino sta qui a significare un uomo dalla moralità elastica, un uomo che riconduce la morale ad essere ridisegnata con un profilo più basso di fronte a certe circostanze tutto sommato riconducibili ad un livello accettabile.
Alberto Lenzi è un uomo superficiale, ma non leggero o incosciente; è un donnaiolo, ma non privo di sentimento; è capace e intelligente, ma sa come spesso occorre girare la testa dall’altro lato.
Meschino in questo senso, tollerante per forza di cose: ma quando il limite è superato, quando si esce drammaticamente e crudelmente fuori dal seminato, ma non più per bisogno ma per avidità, non per vivere ma per lucrare sull’esistenza altrui, ecco che Lenzi perde il suo essere placidamente e fatalisticamente accondiscende e rivela la sua vera essenza di calabrese tosto, intransigente e tenace come la dura roccia aspra montana. Il giudice più caro amico di Lenzi è brutalmente assassinato, e il giudice meschino si scuote, si tuffa a capofitto nelle indagini: non più inefficiente, scarso, limitato, superficiale nelle piccolezze al punto da apparire vile e spregevole, ma deciso, pervicace, onesto, schierato apertamente dalla parte giusta. E si lancia nelle indagini, e si ritrova, a proprio rischio, coinvolto in una storia purtroppo non nuova, quello di un traffico illegale di rifiuti radioattivi.
Evento non nuovo, ma certamente non ancora ben reso evidente nei suoi contorni all’epoca in cui il libro fu scritto. E Gangemi a questo fa riferimento nel suo libro: ad essere meschino non è tanto il piccolo calabrese coinvolto in piccoli traffici poco puliti, esiste ben altra meschinità, esiste ben altra infamità Esiste una malavita organizzata assai più immorale di quella endemica a San Luca, a Piatì, nella piana di Gioia Tauro o al Santuario di Polsi, è una malavita immonda, lercia, insana, composta da politici, da persone fuori dalla Calabria, dei quartieri alti delle capitali, insospettabili, persone perbene eppure pesantemente intrise di malvagità ed infamia, che non esitano a fare della Calabria, una regione che potrebbe essere un paradiso incontaminato, dare pane e lavoro legittimo ai suoi onorati nativi, una discarica per gli interessi MESCHINI, queste sì, veramente meschini, di società di autentico malaffare. Se la ndrangheta calabrese è una società meschina, chi avvelena deliberatamente un’intera regione con rifiuti tossici, facendone una pericolosa, immensa discarica abusiva e assassinandone gli abitanti, soprattutto i bambini e i più deboli con le conseguenti radiazioni, è un infame, un immenso infame, disprezzato finanche dai capi onorati dell’antica ndrangheta.
Questo Alberto Lenzi lo sa, perciò preferisce schierarsi ed essere, semplicemente, il giudice meschino.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Mimmo Gangemi, Gioacchino Criaco, Corrado Alvaro, e a chi ama questa terra stupenda che è la Calabria.
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il giudice meschino 2009-12-20 16:32:51 victoria
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da victoria    20 Dicembre, 2009

Bel libro

Davvero son rimasta sorpresa da questo libro, è molto scorrevole e piacevole da leggere!!! mi ha impressionata la figura del giudice Lenzi e del boss Rota, una chiara dimostrazione di come mafia e stato vivono in perfetta simbiosi anche se stanno in barricate opposte!
lo vedrei bene per una fiction chissa e un giorno si farà...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il giudice meschino 2009-12-11 20:49:55 marco ariotta
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da marco ariotta    11 Dicembre, 2009

Però...

Una sorpresa. l'ho letto in una notte e al mattino all'università dormivo. bella la trama, belli i contenuti, credibili i personaggi. i dialoghi nel carcere tra il capobastone e il magistrato sono eccezionali. ma è davvero così la calabria? complimenti, consiglio la lettura

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il giudice meschino 2009-12-05 10:48:39 Ernesto
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Ernesto    05 Dicembre, 2009

Il giudice meschino

Appassionante romanzo di 'ndrangheta. Vero e crudo, che ben rappresenta la società calabrese nelle sue contraddizioni e sfaccettature. Una scrittura originale e gradevole quella dell'autore.

Uno dei più bei libri che ho letto negli ultimi dieci anni!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il giudice meschino 2009-11-29 18:48:35 Filippo M Brancatisano
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Filippo M Brancatisano    29 Novembre, 2009

Il giudice non è meschino

La trama ed il racconto sono intriganti. La lettura risulta godibilissima. Per la trama? Per lo sviluppo degli avvenimenti? Anche. Ma sopratutto è la parte descrittiva (abbondante) che ti intriga: i paesaggi, i caratteri, le situazioni ... risulta evidente che senza le descrizioni (amorevoli, alla Corrado Alvaro di Gente in Aspromonte)il racconto sarebbe stato molto più breve e,dal punto di vista narrativo e di denuncia, ugualmente intrigante e godibile. Ma sarebbe lo stesso libro?!?! Non credo!

Grazie Mimmo.

(Chissa se l'autore ha mai pensato di scriverlo in dialetto calabrese?!? Del resto lo stile è calabrese: il romanzo sembra scritto in calabrese e poi tradotto in italiano, conservando,però, la struttura del dialetto. Godibilissimo anche per questo).

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Consigliato a chi ha letto...
Camilleri e Alvaro
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il giudice meschino 2009-11-11 19:33:21 Franco Oliva
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Franco Oliva    11 Novembre, 2009

Il giudice meschino

Un libro stupendo: la fiction batte la realtà e, purtroppo, la realtà batte la fiction. Per capire non solo la Calabria...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Lingua madre
Per sempre, altrove
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Le mogli hanno sempre ragione
Ellissi
Nonostante tutte
La meccanica del divano
Conservatorio di Santa Teresa
Beati gli inquieti
Padri
Quaderno proibito