Narrativa italiana Romanzi Il partigiano Johnny
 

Il partigiano Johnny Il partigiano Johnny

Il partigiano Johnny

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Johnny, la Resistenza e le Langhe sono i tre protagonisti a pari titolo di questo romanzo, trovato tra le carte di Fenoglio dopo la morte. Cronaca della guerra partigiana, epopea antieroica in cui l'autore proietta la propria esperienza in una visione drammatica, Il partigiano Johnny rivela un significato umano che va ben aldilà di quello storico-politico. Dalla formazione delle prime bande fino all'estate del '44 e alla presa di Alba seguiamo l'odissea di Johnny e dei suoi compagni fra gli ozi forzati nei casali, le imboscate contro gli automezzi fascisti, le puntate per giustiziare una spia in pianura, le battaglie campali, i rapporti tra le varie formazioni ribelli.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il partigiano Johnny 2013-08-08 07:20:00 dmcgianluca
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
dmcgianluca Opinione inserita da dmcgianluca    08 Agosto, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Incompiuto

Difficile dire bello, di certo è un libro interessante. Impossibile trascendere dal fatto che l'autore non fece in tempo, o non volle, pubblicarlo finito. Il risultato proposto da Einaudi è il frutto di un lavoro di congiunzione di un paio di racconti e di due versioni del romanzo stesso. Fatta questa premessa il libro è un viaggio nella resistenza; un viaggio romantico e fantastico fatto accompagnati da un uomo che era indubbiamente fuori dagli schemi, che ci racconta e si racconta (il protagonista era forse la visione romantica di sé stesso) attraverso un linguaggio parallelo, in parte inventato, in parte reale, con una grossa componente inglese, e un'altra in "italietto" (italiano+dialetto), che ha dato origine al cosiddetto "fenglese". Ne risente la piacevolezza della lettura, che risulta difficile, concentrata, iterativa. Ma, al contrario, il contenuto è colossale, impareggiabile, visionario.
Mi pare che ci sia tutto... buona lettura

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il partigiano Johnny 2008-09-04 21:10:23 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
3.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    04 Settembre, 2008
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un romanzo eccellente, ma...

Ritengo indispensabile una doverosa premessa: questo romanzo è stato pubblicato postumo (Fenoglio era deceduto senza completare l’opera) in una versione che mescolava, in modo del tutto arbitrario, due diverse stesure, con tutte le inevitabili lacune e contraddizioni.

Peraltro l’edizione di Einaudi ha fatto propria delle due la seconda, quella che viene più universalmente accettata come la più coerente con lo spirito dell’autore.

In ogni caso la mancanza di un imprimatur ufficiale da parte dello scrittore finisce con il lasciare un po’ l’amaro in bocca, perché si avverte anche in questa versione l’incompiutezza che si riflette poi in una conclusione che si intuisce, ma non si legge.

Ciò premesso mi sembra di aver ritratto dalla lettura più di un’impressione non legata solo all’aspetto storico della resistenza, ma anche a una sua proiezione negli anni a venire.

Johnny è un partigiano che partecipa alla guerra di liberazione con una visione del tutto individuale delle problematiche e con uno spirito quasi da novello Robin Hood che gli dona immediatamente una naturale simpatia.

Peraltro, se l’aspetto storico è di grande rilievo, non bisogna dimenticare che Fenoglio è riuscito a imprimere alla narrazione una notevole forza immaginifica, in certi momenti addirittura da pellicola cinematografica; inoltre il tema è stato svolto in modo tale da conferire all’opera significati di carattere universale, con la guerra di liberazione che finisce con l’essere il pretesto per ricercare il fine stesso dell’esistenza.

Da molti è stato definito il più riuscito romanzo sulla resistenza, ma in tutta sincerità mi sembra inferiore a La messa dell’uomo disarmato, di Luisito Bianchi, che pure affronta significati universali, ma in modo più chiaro e convincente.

Con ciò non intendo dire che Il partigiano Johhny sia un’opera non riuscita, ma che è solo di eccellente livello, senza raggiungere i vertici propri di un capolavoro.

Se poi aggiungiamo il linguaggio usato (al riguardo il volume di Einaudi riporta un interessante saggio di Dante Isella) accetto termini nuovi coniati dall’autore, pur con riserve per qualcuno, ma non sopporto che ci siano periodi parte in italiano e parte in inglese, quando il ricorso a questa lingua non trova nessuna giustificazione. E’ un sistema che indispettisce e che tende ad astrarre dalla lettura di un’opera che, pur con tutti i limiti sopra accennati, è meritevole della massima attenzione.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
51
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Le mogli hanno sempre ragione
Ellissi
Nonostante tutte
La meccanica del divano
Conservatorio di Santa Teresa
Beati gli inquieti