Narrativa italiana Romanzi Il prato in fondo al mare
 

Il prato in fondo al mare Il prato in fondo al mare

Il prato in fondo al mare

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Cesare Garboli 4 marzo 1861: parte da Palermo il battello a vapore Ercole, con a bordo Ippolito Nievo, in viaggio verso Napoli per riportare i documenti della spedizione garibaldina dei Mille cui aveva preso parte. Ma la nave Ercole nel corso di una violenta tempesta scompare nel nulla. Nessun superstite, nessuna traccia, nessuna inchiesta che riesca a capire cosa è accaduto. 5 marzo 1961: in occasione del centenario della scomparsa di Ippolito Nievo, Stanisalo, suo pronipote, viene abbagliato da un flash, che interpreta come un invito a riaprire le indagini su quella morte misteriosa. Stanislao Nievo dedica dieci anni della sua vita a raccogliere i materiali utili per ricostruire le fila di questo capitolo di storia patria. Così la vicenda di Nievo si sdoppia e si aggroviglia in tante storie diverse, e le ricerche non sono meno avventurose e romanzesche della fine leggendaria del vascello Ercole.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il prato in fondo al mare 2016-09-06 00:13:59 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    06 Settembre, 2016
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L’uomo era bruno, silenzioso e soave

Con “Il prato in fondo al mare”, Stanislao Nievo, nipote di Ippolito, vinse il premio Campiello nel 1975.
In questo romanzo Stanislao s’interroga sulla sorte dell’illustre antenato (“L’uomo era bruno, silenzioso e soave”), che perse la vita a soli ventinove anni durante il naufragio dell’Ercole, il vascello che doveva riportare a Genova l’autore delle “Confessioni di un italiano” con gli ultimi garibaldini rimasti in Sicilia dopo la spedizione dei Mille.

L’indagine personale che il nipote conduce (“Ha preso avvio cento anni dopo la scomparsa dell’Ercole, la nuova indagine”) esplora le possibili cause del misterioso inabissarsi del naviglio: “Sette tesi diverse. Non una coincideva con le altre… Una vera idra dalle sette teste, un’altra fatica d’Ercole in questa storia piena di analogie e di abbagli”.

Dopo la ricostruzione immaginata della tempesta nella quale incappò l’Ercole, Stanislao percorre tutte le vie – compresa quella dei sogni - per restituire alla storia una verità che sembra trafugata dagli abissi del Tirreno.
Lo scrittore approfitta di alcune immersioni sperimentali di batiscafi per perlustrare le profondità nelle quali anche i sensitivi indicano il probabile, oscuro destino dell’imbarcazione.
Nell’ultima discesa, la verità sembra a portata di sommergibile… poi un incontro con una creatura degli abissi, il cinto di Venere (“Uno ctenoforo straordinariamente diafano… Incredibile, sembra di plastica, guarda, si vede lo scheletro dentro”. “Lascialo andare, liberalo, urlai”) induce ad abbandonare l’obiettivo, che sembra sgretolarsi con i reperti del relitto, quasi a tutela dell’immensa solitudine dell’artista…

L’opera è composita: è una ricostruzione di fantasia, una descrizione meravigliata e naturalistica, una cavalcata sottomarina nella mitologia classica, un tributo a uno scrittore-poeta prematuramente scomparso.

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... "Le confessioni di un italiano" di Ippolito N., antenato di Stanislao
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Pimpernel. Una storia d'amore
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita è un romanzo
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
Come foglie di tè
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Annette e la signora bionda e altri racconti
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il metodo del dottor Fonseca
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il dono di Antonia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Quello che manca
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una Cadillac rosso fuoco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Riccardino
Valutazione Utenti
 
4.7 (5)
La linea del sangue
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri