Narrativa italiana Romanzi Il ritorno di Pricò
 

Il ritorno di Pricò Il ritorno di Pricò

Il ritorno di Pricò

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Italia, anni Settanta: Pricò Rutelli è un giovane uomo, giornalista di professione. Abita nel Ponente ligure. Ancora scapolo (o single, come si direbbe oggi). Il giornale è la sua vita. E c’è un motivo preciso. Nato in Italia, non ha mai conosciuto il padre, partigiano ammazzato dai tedeschi durante il processo di liberazione prima che Pricò stesso nascesse. Daniele la Corte ancora una volta interroga il processo resistenziale, e stavolta lo fa a partire dalla retrospettiva sugli anni Settanta, cogliendo anche le sfumature dei destini di due pesi come Italia e Argentina: per affondare la sua indagine giornalistica a ritroso. Questa volta, la storia è spezzata, franta in tantissimi rivoli, in vicende che hanno un comune destino, quello della lotta per la libertà. Pricò, a tratti alter ego dell’autore stesso, è un giovane innamorato delle belle auto, delle donne che incontra, degli ideali più puri che possano albergare in chi cerca sempre qualcosa. Ed è sempre al servizio degli altri.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il ritorno di Pricò 2021-04-17 17:17:23 ornella donna
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    17 Aprile, 2021
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I bambini ci guardano

Daniele La Corte, dopo aver pubblicato La casa di Geppe, Il coraggio di Cion, Resistenza svelata, torna a parlare al suo amato pubblico con Il ritorno di Pricò.
Chi è Pricò? Pricò è ancora un bambino di sette anni, rimasto orfano di padre, che emigra in Argentina, raggiungendo lo zio che già vi abitava. Suo padre, Sebastiano Rutelli,
“Aveva soltanto 27 anni quando era stato trucidato. Era geometra, ma amava la meccanica. Adorava i motori. Specie le auto. Era stato il primo ribelle a rubare una Volswagen Typ 82 dopo averla bloccata sulla strada che costeggiava il bosco. (…) e quando rispondeva si limitava soltanto a ripetere cose come: “Lo hanno ucciso i tedeschi durante una battaglia.”
Perciò:
“Viveva di ricordi. Annotava spesso su un piccolo quaderno ogni cosa che gli accadeva intorno. Indelebile nella sua mente, il fischio intenso e cupo della nave che lentamente si staccava dalla banchina. Rivedeva il porto. Rivedeva Genova, tra costa e collina, che pareva salutare mesta quel carico di disperati pronti all’avventura Oltreoceano. “
Doveva il suo nome ad una casualità, la madre
“Non sapeva nulla di Pricò, del romanzo. Non sapeva che l’autore era un certo Cesare Giulio Viola. Per Rosita un invito a nozze. Un motivo per parlare, per dialogare, per ripercorrere la genesi di quel battesimo. (…) Se pur in maniera diversa, anche il suo Pricò soffriva per qualcosa che aveva perso. O meglio, per qualcosa che non aveva mai avuto.”
Divenuto cronista di successo, Pricò, decide di fare chiarezza sulle circostanze della morte paterna, e torna in Italia. Siamo negli anni ’70 e nella redazione in cui va a lavorare lo chiamano “L’Argentino”, perché è un migrante di ritorno. Lo aiutano, comunque, in una ricerca difficile che affonda le sue radici in un grave clima di omertà, composto da tante persone che vogliono solo dimenticare brutture di ogni genere. Ma lui è testardo, e lo deve alla memoria di suo padre. Riuscirà a scoprire la verità su di una uccisione coperta da tanta oscurità? E a che prezzo?
Daniele La Corte aggiunge un importante tassello ai suoi studi , condotti con molta perspicacia, sulla Resistenza italiana. Con uno stile giornalistico, preciso e ricercato, racconta un periodo oscuro della storia del nostro Paese, ma lo fa in modo differente. Attraverso lo sguardo di un bambino divenuto adulto che ha sete e fame di verità. Perché, sembra affermare l’autore:
“I bambini ci guardano , ricordando il celebre film diretto da Vittorio De Sica e il romanzo di Cesare Giulio Viola: i bambini ci guardano, e corrono con noi la Storia.”
Un racconto saggio, scritto con perizia di metodo e frutto di una ricerca approfondita, dedicato agli adulti e ai più giovani, per imparare a ricordare sempre e a non dimenticare mai. Un inno sotterraneo, ma forte ed urlante, alla libertà, condotto con passione e perizia narrativa non comune.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri