Narrativa italiana Romanzi Il sale sulla ferita
 

Il sale sulla ferita Il sale sulla ferita

Il sale sulla ferita

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Nella Berlino divisa dal Muro, due compaesani sardi, di Fraus, s'incontrano per caso dopo vent'anni, scatenando i ricordi, in particolare della vita e della morte del fratello di uno dei due, un camionista emigrato come tanti altri isolano, in quegli anni. L'altro compaesano è uno studioso della vita contadina, che in seguito a questo incontro si propone di ricostruire i tempi e i modi della scomparsa di Benito Palmas, avvenuta nel periodo dell'occupazione delle terre tra gli anni Quaranta e Cinquanta. Il narratore viene così a scoprire, dopo più di vent'anni dagli eventi, cose nuove e inaspettate di Benito e dei tempi in cui è morto, fino a capire che anche lui è implicato a suo modo in quella tragedia, molto di più di quanto avrebbe mai potuto pensare. Quella morte riapre una ferita su cui il ricordo è come sale che brucia, sale sulla ferita del passato che ritorna, almeno per chi vuole e può ricordare.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.9
Stile 
 
4.7  (3)
Contenuto 
 
5.0  (3)
Piacevolezza 
 
5.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il sale sulla ferita 2021-11-25 21:48:31 Laura V.
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Laura V. Opinione inserita da Laura V.    25 Novembre, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una storia di radici e un autore indimenticabile

All’inizio pensavo si trattasse di una storia d’emigrazione, una di quelle che, da figlia curiosa di un ex "Gastarbeiter", mi sento in dovere di leggere. Ben presto però mi è apparso chiaro che i discorsi della notte berlinese non conducevano ad altro luogo se non in Sardegna e al piccolo paese dove attendeva una tomba, chiusa e vuota, al pari di una vecchia ferita, aperta e piena di domande che devono essere fatte, “anche quando non sperano risposta”.
"Il sale sulla ferita" di Giulio Angioni (1939-2017) una storia di radici e di un mondo contadino fatto di padroni e servi, di occupazione di terre, di contrapposizioni da secondo dopoguerra e di rapporti umani che sapevano andare oltre queste ultime.
Una narrazione emozionante, coinvolgente, ammaliante che procede attraverso un passo avanti e due indietro, un dire e non dire, chiacchiere e ricordi che non sempre s’incastrano perfettamente come i pezzi di un puzzle.
Un mondo per buona parte svanito, perso nella colonna di fumo avvistata all'improvviso una sera d’estate dalla collina delle ombre o dietro il volo libero dei falchi che tanto amava il giovane Benito Palmas, martire consacrato tale dalle distorsioni della memoria collettiva e personaggio che non è più possibile dimenticare.
E che cosa rimane dunque alla fine? Un morto male, come afferma qualcuno, e un grande romanzo che induce a riflettere.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il sale sulla ferita 2011-12-06 19:25:24 Nur
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Nur Opinione inserita da Nur    06 Dicembre, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La ferita

Ho amato intensamente questo libro, oltre le cinque stelle. Per me questo è il più denso, serio, dolente e intelligente libro sulla fine del mondo contadino in Europa. Che questa fine sia vista in Sardegna, dove troppi vanno ancora a ricercarla, lo rende ancora più interessante. Ne porto dentro la commozione, insieme con la vertigine da mutamento epocale. Forse chi non coglie questo e altro quanto me, è perché è troppo cittadino. Ma qui c'è anche la città, tutta la città, che senza la campagna non c'è mai stata. L'ambiguità dei ricordi intorno al personaggio principale (il giovane che muore) è giocata con amorevole acume, mai visto prima, almeno non io. E certi momenti di poesia, come il bue che muore, sono struggenti, evocativi di millenni di civiltà contadina mediterranea, indimentucabili. E ha ragione Goffredo Fofi. Questo è sale, dale vero, che fa male sulla ferita, per chi ce l'ha. E io, modestamente, ce l'ho.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A chiunque
Trovi utile questa opinione? 
190
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il sale sulla ferita 2011-12-06 09:57:57 taxan
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
taxan Opinione inserita da taxan    06 Dicembre, 2011
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Risvolti

Un bel risvolto di copertina di Goffredo Fofi per questo romanzo che racconta con ironia e commozione certi risvolti della storia recente che ha visto la fine in Italia, e altrove, del cosiddetto mondo contadino o civiltà contadina, quella "cantata" da Verga e da Levi, che però andava raccontata anche così, dal di dentro, e da un dentro vero e vissuto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Libri
Trovi utile questa opinione? 
112
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Domani e per sempre
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Il Duca
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Ritratto di donna