Narrativa italiana Romanzi Il tempo materiale
 

Il tempo materiale Il tempo materiale

Il tempo materiale

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Nel 1978, in una Palermo preistorica e selvaggia, tre ragazzini pieni di passione e ideologia si affacciano al mondo per la prima volta. Tra loro c'è Nimbo - precoce, impaziente, ferino - che attraversa il geroglifico della città convinto di essere un eletto. Da Palermo, Nimbo e i suoi amici sentono il vento di Roma nell’annus horribilis della storia repubblicana - le Brigate Rosse e il sequestro Moro - e, disgustati dal provincialismo senza scampo dell’Italia, si scollano lentamente dalla realtà fondando una loro cellula terrorista. Per Nimbo è l'inizio di una discesa notturna che porterà lui e il suo gruppo a progettare attentati con una disperante lucidità, riproducendo in scala tutto il peso tragico di quegli anni. Il tempo materiale è un romanzo crudele e commovente, che fotografa il nostro paese nell'attimo in cui perse definitivamente l’innocenza; il racconto di una generazione che, nell'incessante rielaborare la propria esperienza, ha sempre rinviato il momento del dolore. Perché il tempo materiale è anche il tempo mancante, quello in cui si sarebbe dovuto amare, e non lo si è fatto.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il tempo materiale 2021-01-19 18:18:14 AriMonda
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
AriMonda Opinione inserita da AriMonda    19 Gennaio, 2021
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il viaggio del linguaggio

Il tempo materiale è un romanzo complesso, difficile e metaforico.

Il protagonista del romanzo è un bambino di Palermo, di un 11 anni, che si presenta con l'appellativo di Nimbo, il quale assieme ai compagni di classe decide di formare una cellula terroristica ispirata alle Brigate Rosse.
I tre ragazzini subiscono il fascino degli avvenimenti storici che ruotano attorno al 1978, al sequestro e alla morte di Aldo Moro, vengono stregati dai comunicati delle Brigate Rosse che ascoltano in televisione e leggono sui giornali, si lasciano ispirare e irretire.
Di fronte all'ironia, all'ipocrisia e alla strumentalizzazione che la società italiana mette in atto di fronte ai gravi fatti politici e sociali, lasciandosi inebetire dalla moda dei costumi, della canzone e del cinema, Nimbo insieme ai suoi "compagni" decide di mettere in atto un tentativo di eversione, una piccola lotta armata.

La prima parte del romanzo è occupata dalla teoria, dai discorsi e dagli incontri nella radura per ragionare sugli eventi e sull'identità,
La seconda parte del libro è invece concreta e pratica, vede i protagonisti all'opera, cercando di riprodurre in scala gli atroci avvenimenti di intimidazione e di violenza degli anni di piombo. Con una strategia lucida e per nulla infantile, i ragazzi seminano il panico a scuola e non solo, fino ad arrivare all'atto estremo.

Ma "Il tempo materiale" è innanzitutto una riflessione sul linguaggio, sull'autenticità e sulle possibilità che questo può assumere, una continuo interrogarsi sul valore della parola e della vita. La riflessione sorvola e supera la questione della lotta armata e del brigatismo, lo capiamo immediatamente, nel momento in cui leggiamo le parole e i pensieri di Nimbo, assolutamente implausibili per un bambino di 11 anni e non appena conosciamo la bambina di cui si innamora, una bambina muta.

Il testo non è semplice, a tratti procede veloce e con un ritmo sostenuto, in altri momenti rallenta, si sofferma, si ripiega su se stesso. L'impressione generale e finale, per questo, resta sospesa.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Domani e per sempre
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Mordi e fuggi. Il romanzo delle BR
Lingua madre
Per sempre, altrove
Il Duca
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro