Narrativa italiana Romanzi Il trono vuoto
 

Il trono vuoto Il trono vuoto

Il trono vuoto

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Il segretario del maggiore partito d'opposizione, Salvatore Oliveri, dopo il crollo dei sondaggi e l'ennesima, violenta, contestazione, decide di scomparire e si rifugia in segreto a Parigi, in casa di un'amica che non vede da trent'anni, Danielle, una segretaria di edizione conosciuta all'epoca in cui ancora accarezzava l'idea di fare il regista. Unici, e parziali, depositari della scomoda verità, Andrea Bottini, collaboratore di Oliveri, e Anna, la moglie dell'onorevole, in realtà continuano ad arrovellarsi sul perché della fuga e sulla possibile identità di un eventuale complice. Bottini propone ad Anna di usare il fratello gemello di Oliveri, un filosofo geniale segnato da una depressione bipolare, come sostituto dello scomparso. Il filosofo si trasferirà a casa sua, avviando uno strano mènage e un'involontaria carriera politica. Un affresco sull'Italia di oggi, una favola filosofica sulla politica e i misteri della vita.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il trono vuoto 2017-06-29 10:30:18 Mario Inisi
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    29 Giugno, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bello il libro, bellissimo il film

Enrico Olivieri, segretario del maggior partito d'opposizione, credo il partito socialista, dopo una spiacevole contestazione e conseguente crollo di consensi, si allontana senza dare spiegazioni a parte un misero biglietto, lasciando il suo partito nei guai. Unica soluzione sembra al braccio destro del segretario, il fedele Bottini, sostituirlo con il fratello gemello, brillante filosofo e letterato. Il fratello Giovanni detto Ernani, appena uscito da un manicomio, pare la versione migliore del politico avendo dalla sua una affascinante verve luciferina. Mentre Enrico era di una onestà deprimente, un pessimo comunicatore, l'opposto si può dire del fratello gemello. Brillante, colto, usa le parole per dire e non dire lasciando un velo di sottintesi che prendono all'amo l'interlocutore. Il romanzo ripropone il copione di Oltre il giardino, con il novello Chance che invece che citazioni botaniche fa citazioni letterarie e filosofiche acutissime, che spiazzano l'interlocutore.

A Enrico verrà detto da un esperto di comunicazione :
"Lei è uno dei pochi che abbia cercato di praticare una politica anticomunicativa, e così facendo si è sottoposto a un calvario ulteriore: non solo a quello implicito nella sua parabola di potente, anche a quello di chi da potente vuole disfarsi del carisma."
Credo che Andò abbia voluto accostare la figura del grande politico perdente, Enrico Olivieri appunto, a quella di ALdo Moro, che lui definisce il peggiore comunicatore della storia. Pessimo comunicatore perchè onesto, quindi triste, quindi costretto a togliere illusioni alla gente che chiede alla politica nuove illusioni.
"Noi uomini politici di un’epoca post-politica siamo solo capaci di amministrare l’esiguità di un margine talmente stretto da somigliare al nulla. Adeguandosi a questo nulla, la sinistra ha perso la propria anima e ha consegnato il nostro paese alla morte. La nostra politica coincide con la necrologia delle illusioni che muovono il mondo.

La fuga di Enrico nasce dalla presa di coscienza di non avere più nulla da dare, e forse dalla sfiducia anche propria nella politica. Non per niente a fine romanzo dirà a Bottini che nemmeno lui crede in niente avendo affidato il partito a un pazzo.
“Come un estraneo sono comparso / come un estraneo me ne vado. / Scacciatemi pure, o cani che vegliate / non fate ch’io riposi nella pace notturna! /Io ho finito di sognare: / Che ci sto a fare fra coloro che dormono?”

Il libro è bello, ma il film è mille volte più bello. Si vede che Andò è un regista perchè riesce tramite il film a esprimersi al meglio anche attraverso gli sguardi, i sorrisi e i silenzi. Tra l'altro il finale del film è meraviglioso, grazie al sorriso enigmatico del bravissimo Toni Servillo. Il finale del film rimanda alla frase citata da Ernani:
"È la mia questa figura di spalle che se ne va nella pioggia?"

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Oltre il giardino
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri