Narrativa italiana Romanzi In nome della madre
 

In nome della madre In nome della madre

In nome della madre

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

L'adolescenza di Miriam/Maria smette da un'ora all'altra. Un annuncio le mette il figlio in grembo. Qui c'è la storia di una ragazza, operaia della divinità, narrata da lei stessa. L'amore smisurato di Giuseppe per la sposa promessa e consegnata a tutt'altro. Miriam/Maria, ebrea di Galilea, travolge ogni costume e legge. Esaurirà il suo compito partorendo da sola in una stalla. Ha taciuto. Qui narra la gravidanza avventurosa, la fede del suo uomo, il viaggio e la perfetta schiusa del suo grembo. La storia resta misteriosa e sacra, ma con le corde vocali di una madre incudine, fabbrica di scintille.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
4.5  (6)
Contenuto 
 
4.7  (6)
Piacevolezza 
 
4.5  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
In nome della madre 2016-09-27 07:58:41 Meredith
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Meredith Opinione inserita da Meredith    27 Settembre, 2016
  -   Guarda tutte le mie opinioni

UNA LEZIONE DI VITA

Questo libro affronta uno dei più grandi dogmi della fede cattolica: l’Annunciazione. A primo acchito può
sembrare un libro da leggere solo durante il periodo natalizio ed invece, a mio avviso, è un libro
“sempreverde”, nonostante il tema trattato. In secondo luogo può sembrare un libro per soli credenti, ma io
lo consiglio vivamente anche a chi non lo è.
Il fatto che la Vergine Maria abbia concepito il bambin Gesù per opera e virtù dello Spirito Santo può essere
un evento più o meno condivisibile; ciò che però Erri ha eseguito in maniera magistrale è stato un excursus
dell’umile percorso che Giuseppe e Maria hanno affrontato dal concepimento fino alla nascita. Molto spesso
una giovane madre ha il timore di mettere al mondo il proprio figlio, vorrebbe tenerlo custodito sotto una
campana di vetro, perché crede che il mondo lì fuori sia troppo impervio, perché teme che il proprio figlio
possa non sopravvivere alla selezione darwiniana, alla selezione dei più forti. Maria si è distinta per la sua
forza e il suo grande amore e ha compiuto il passo più grande, ma anche quello più doloroso per una madre:
riconoscere che i figli non sono nostri, ma del mondo, lasciarli spiccare il volo, anche se questo comporta che
essi muoiano sulla croce. Il bambin Gesù era un figlio del mondo, destinato a compiere grandi opere, ma in
fondo tutti noi lo siamo. È questo il messaggio che Erri ci lascia: tutti, nessuno escluso, può fare della propria
vita un’opera d’arte.
Maria ha avuto al suo fianco Giuseppe, un uomo come pochi. Ho provato a traslare la figura di Giuseppe
nella vita reale e l’ho immaginato come un uomo che accetta di crescere un figlio che non è biologicamente
suo, bensì di un altro uomo. Credo che questo sia un gesto di grande amore nei confronti di Maria: accogliere
e crescere quel bambino come se fosse suo ed esserne orgoglioso. Non è facile, solo chi è mosso da un
grande e autentico sentimento è in grado di farlo.
Ho amato questo libro, perché non è solo una parabola religiosa, ma è soprattutto una grande lezione di vita.
Proprio per questo lo consiglio anche a chi, come me, non è del tutto credente o non lo è affatto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
In nome della madre 2014-03-18 14:18:19 maria76
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
maria76 Opinione inserita da maria76    18 Marzo, 2014
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cammeo di De Luca

Leggendolo mi è venuto in mente il volto della Vergine Annunciata di Antonello da Messina: l'obbedienza, l'umiltà e la paura.
L’intensità dell’amore è nel dialogo tenero, consapevole ma anche disperato con un figlio che non sarà più solo suo quando verrà al mondo.
Una mamma qualsiasi consapevole che non potrà continuare ad esserlo.
Un libro coraggioso, etico, apparentemente laico ma di una profondissima religiosità.
Colpisce l’accuratezza della psicologia femminile come se Erri De Luca avesse conosciuto l’intensità e la pienezza della maternità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
60
Segnala questa recensione ad un moderatore
In nome della madre 2012-12-04 11:00:44 topodibiblioteca
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
topodibiblioteca Opinione inserita da topodibiblioteca    04 Dicembre, 2012
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Madre coraggio

In nome della madre comincia la vita. Così (giustamente) Erri De Luca scrive in quarta di copertina. Questa infatti è la storia di una futura madre che vive con un mix di felicità ed apprensione la sua maternità. Il punto è che non si tratta di una madre qualsiasi. Lei infatti è Miriam/Maria ed il figlio che metterà al mondo sarà ovviamente Gesù.

De Luca, con il suo inconfondibile stile, parte da ciò che rivelano i Vangeli di Matteo e Luca e da qui costruisce una storia che ben riflette le credenze, le leggi, gli usi ed i costumi dell'epoca. Credo che non si possa affermare che quello che si legge sia invenzione perché anche se certe cose non si trovano nei Vangeli, rispecchiano una realtà assolutamente attendibile. Maria rimane incinta prima del matrimonio e Giuseppe avrebbe tutto il diritto di ripudiarla come prescritto dalla legge ebraica. I saggi, i dotti, il popolo, sparlano dietro a Maria, considerano questa donna scandalosa, una svergognata perché non credono alla sua divina maternità, e così basta poco affinché tutti prendano le distanze da lei e la isolino. Solo Giuseppe continua a credere fermamente in lei, ad appoggiarla, a camminare a testa alta senza alcun timore ! E così sarà fino al termine della sua maternità, fino alla nascita del bambino in una grotta di Betlemme dove i genitori si erano recati per il "celebre" censimento.

Per leggere ed apprezzare questo libro non importa necessariamente avere fede. L'opera infatti è innanzitutto lo splendido ritratto di una donna unica come Maria che diventa un punto di riferimento per il marito, perché dotata di grande forza e grande coraggio. Una donna designata dall'alto che non si limita ad accettare il proprio destino ma che è in grado di superare tutte le difficoltà, emergendo quindi come un esempio soprattutto in un'epoca in cui la donna veniva considerata meno di zero. Infine questo libro è un atto d'amore a 360 gradi che coinvolge Giuseppe, Maria e le famiglie dei due sposi, perché sarà proprio questo amore a fare superare le difficoltà esistenti.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
De Luca ma anche a chi si vuole approcciare a questo autore.
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
In nome della madre 2012-06-21 11:57:22 pitulina
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
pitulina Opinione inserita da pitulina    21 Giugno, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Piena di grazia

Queste sono le storie d'amore più belle del mondo, sì, al plurale! Perchè in una sola storia si racchiudono i più grandi esempi d'amore che l'uomo possa mai immaginare:
1) L'amore enorme di una donna semplice e umile per il suo Dio, un amore così smisurato da non temere ciò che le accadrà nel momento in cui accetterà la sua proposta, un amore che la rende beata tra tutte le donne
2) L'amore di quella stessa donna per un figlio che sa essere suo ma che sa anche non "completamente" suo, che sa sin dal principio che le verrà strappato, che sarà umiliato, che soffrirà più di tutti gli altri uomini sulla faccia della terra, che non sarà come gli altri bambini perchè lui sarà speciale...e prega, Maria, prega...non di poter evitare il destino, prega semplicemente che il destino avvenga il più tardi possibile per far si che il dolore sia un pochino più sopportabile
3) L'amore di un uomo, Giuseppe, verso la sua donna, un amore così grande e puro che mai ha messo in dubbio i fatti così come Maria glieli ha riferiti, un amore così grande che nel momento del dubbio e della paura (quando la cosa più sensata da fare era scappare via)Giuseppe è rimasto per fare da padre terreno a quel bimbo che sapeva non essere suo ma che altrettanto sapeva aveva bisogno di lui.
Premesso che io sono credente (a modo mio, ma sempre credente), mi sono sempre chiesta come si debba pregare...ho sempre pensato che Dio abbia così tante richieste che io per farmi sentire non mi posso limitare al Padre Nostro o all'Ave Maria (anche se bellissimi, quelle preghiere le dicono tutti!), e alla fine mi sono sempre ritrovata a non sapere mai cosa "dire" a Dio perchè reputavo il tutto così banale; ebbene, questo libro mi ha aperto gli occhi su una cosa semplicissima eppure spesso dimenticata: Maria, Miriam o la Madonnina che dir si voglia ERA UNA DONNA! Questa che può sembrare la scoperta dell'acqua calda a me, personalmente, è sembrata una rivelazione...se era una donna avrà certamente avuto anche lei le sue paure, le sue speranze, le sue illusioni, le sue delusioni, le sue emozioni e tutto il resto. Tutto questo me l'ha fatta sentire ancora più vicina a me e d'ora in avanti, quando sentirò il bisogno di rivolgermi a lei, cercherò di farlo come se stessi chiacchierando con la mia più cara amica.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
per il periodo di Natale
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
In nome della madre 2012-04-24 15:49:35 cri
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da cri    24 Aprile, 2012

una grande emozione

l'ho letto perchè incuriosita dal fatto che un uomo avesse scritto di un'esperienza a lui interdetta; vi ho trovato infine un atto d'amore, di fede, verso quello che per un uomo è un doppio mistero: quello della gravidanza/parto e quella dell'assenza dell'uomo nella generazione di Gesù
ne è uscito un romanzo intensamente spirituale, capace di infondere coraggio puro in chi, come me, è credente.
in fin dei conti, non importa se nelle sensazioni del parto colà descritte una donna che ha partorito magari non ritrova il pathos vissuto; quello che è grande, in questo libretto, è che l'Autore, magari senza volerlo, nell'umanizzare la storia di Maria, in realtà ha lasciato uscire da sè un toccante, commovente afflato "Spirituale" che una persona benedetta dalla Fede, riconosce in realtà come "Religioso".

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
In nome della madre 2012-04-01 18:55:17 marina
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da marina    01 Aprile, 2012

con gli occhi di una donna

Non sono una grande lettrice dell'autore perchè preferisco altri generi, ma qui non di generi si tratta ma solamente di un libro scritto benissimo, con delicatezza e dolcezza su un tema grande, grandissimo quale è la Natività.
E' un libro belissimo, poetico ma anche terribilmente umano che consiglio di leggete a tutti poichè se ne esce arricchiti ed in fondo è questo che un lettore chiede ad un libro.
Marina

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
consigliato a chi piace leggere bei libri
Trovi utile questa opinione? 
42
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il castagno dei cento cavalli
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Sulla pietra
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'ultimo conclave
Valutazione Utenti
 
1.3 (1)
Il bacio del calabrone
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Stivali di velluto
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una morte onorevole
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
You like it darker. Salto nel buio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Eredi Piedivico e famiglia
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Pioggia per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.3 (3)
Legami
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Renegades. Verità svelate
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una primavera troppo lunga
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Un millimetro di meraviglia
Nannina
Chiudi gli occhi, Nina
Il nostro grande niente
Chi dice e chi tace
Cuore nero
L'età fragile
Il rumore delle cose nuove
Vieni tu giorno nella notte
Giù nella valle
Abel
Il vento soffia dove vuole
La collana di cristallo
Romanzo senza umani
Resisti, cuore
La cerimonia dell'addio