Narrativa italiana Romanzi L'amore necessario
 

L'amore necessario L'amore necessario

L'amore necessario

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Seduta al bar di un aeroporto, una donna inizia a scrivere all'uomo che ama e da cui si è appena separata per un viaggio che la terrà lontana, stretta alla propria solitudine e ai propri fantasmi. È una lettera lunga, come quei lunghi discorsi che nascono nel cuore e si rivolgono all'uomo desiderato, abbandonato, inseguito e sognato. Un monologo fitto che si riempie di ricordi e di figure struggenti, legate alla protagonista con il filo rosso di Amore e intrecciate a una storia intensa, fatta di abbandoni e legami impetuosi, fughe e paure, passioni delicate come l'aria limpida di un'isola in estate e relazioni drammatiche cui si cede senza riuscire a tracciare un limite e mantenerlo. Nella voce, decisa e commovente, della donna che racconta la sua esperienza dell'amore, si mescolano altre storie - di donne che soffrono per gli scherzi crudeli del cuore e che sanno però anche trovare la serenità in legami dolcissimi, e di uomini capaci di amare con dedizione giocandosi ogni cosa e perdendo tutto. E ciascuna storia, con i suoi slanci eccessivi e insensati, i suoi gesti desiderati e temuti, sempre sul punto di naufragare in inafferrabili inquietudini, lascia nel lettore un segno profondo.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'amore necessario 2011-12-26 08:52:59 floria di tosca
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
floria di tosca Opinione inserita da floria di tosca    26 Dicembre, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'amore è necessario.

“Ma se smetto, a cosa penserò? Al mio vuoto? È perché si è vuoti che ci si lascia invadere? È il vuoto in cui si galleggia che ci annega? Siamo vuoti, tutti vuoti... o sono io, io sola, a non possedere nulla? Io sola a provare la sottile, inestirpabile, vorace sensazione che la vita non sia mai quella che vivo, ma sempre un'altra? È strano, ma non ho mai avuto la forza di illudermi di essere qualcosa... La mia forza è un'altra, ambigua, intrisa di orgoglio e di vergogna. Si nutre di coraggio, si affama di paura. Conta sul cuore, per me è questo l'organo dell'intelligenza. Col cuore penso. Che esiste il mondo, me lo assicura il mio cuore animale, vivo, pulsante…”
Che il linguaggio del cuore fosse universale l’abbiamo sempre saputo. Ma ciò che dimentichiamo è che l’amore è femmina, come il sesso è maschio. Le donne parlano d’amore, sentendo di ragionare con l’organo vitale; le parole dette per amore sono tatuaggi, soda caustica versata lentamente sui ventricoli, ustioni che nessuno può curare e ferite che nessuna lingua è in grado di lenire, leccandole.
L’autrice parte da un fatto reale, realmente accaduto: una donna in aeroporto che scrive. Prima pagina.
Di certo non la lista della spesa, fatta di pelati, pasta e dentifricio.
Non poteva che essere una lettera, ed una lettera d’amore.
E questa lettera non può che arrivare a destinazione, prima o poi, nelle mani di un uomo, che legge in piedi, stagliato contro una finestra. Un uomo che fatica davanti alla coscienza di quel sentimento sbucciato dalle parole senza peso eppure macigni per le anime indegne. Un uomo assolutamente privo del pensiero emotivo, che non sa che farsene di tanta sincerità.Ultima pagina. Come accade a noi donne, ci si aspetta che il "lui" di turno capisca dalle nostre parole l'angoscia e la portata di ciò che sale piano al cuore e sgorga in un fiotto caldo di emozioni senza precedenti.
La conseguenza spesso è quella di rimettere nelle mani di questo qualcuno la speranza degli avvenimenti futuri. E - come in un copione teatrale - di prendersi palate sui denti, pericolosissime e dolorosissime.
Cara Nadia, grazie per questo passaggio in auto blu tra le anse dei sentimenti, con la colonna sonora dei ritmi del cuore ; grazie per aver dato voce, una volta ancora al fatto che, forse, solo le donne - non tutte sia chiaro - sanno esprimere i sentimenti. E grazie per aver detto, senza mezzi termini, che le cose più belle accadono ma che il loro realizzarsi è solo un dono, un miracolo, un frutto inatteso e succoso.
Di vita e di amore.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Iseline Ermann, per esempio...
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri