L'amore L'amore

L'amore

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Nell’arco di una giornata, che sembra qualunque e si scopre invece particolare, lo sposo rie­voca i suoi amori, da quelli acerbi della giovinezza fino all’ultimo, senza malizia, pieno di dolcezza e comprensione. “È notte, ci sono due sposi.” Inizia così, dalla notte, il racconto della giornata di uno sposo, che in ventiquattr’ore ripercorre i suoi amori, tenendo però sempre fermo – come punto di partenza e di arrivo – l’ultimo, quello incontrato in età matura. È alla sua sposa che la sera racconta un “fatterello”, e a lei piace che quel fatterello riguardi uno dei suoi amori passati, la “delicata materia di ciò che è già stato”. E allora ecco comparire la Mara, che lui portava sulla bici sopra il monte Muzzerone, perché si sedessero su quel dente di falesia a picco sul mare ad ascoltare la radio, “tirare fuori dalla bisaccia us army due panini con la coppa di testa e due birrette appena tiepide, e schiacciare il tasto play per farle sentire dove vai quando poi resti sola, senza ali tu lo sai non si vola”. Quando si fa mattino, la sposa esce di casa per recarsi al lavoro e lui, rimasto solo – il suo mestiere è scrivere articoli di giornale, ma per aiutare alcuni lavoratori si è trovato un secondo impiego e compra minerale di zinco raffinato sui mercati mondiali –, non smette di ricordare e di chiedersi: “Dove ho imparato a dire ti amo?”. Mentre lavora, si occupa dell’orto, cucina, inforca la bicicletta, le ore della giornata scorrono, viene il pomeriggio e cala la sera, torna la notte, riemergono dal passato, con struggimento, con dolore, con dolcezza, la “Mara marosa marina figlia del pesciaiolo”, la Padoan con la sua coda di cavallo – suo primo amore, quando era ancora un ragazzino, figlio del popolo –, la Gabri e la luxemburghiana Chiaretta, i cui fatterelli tanto piacciono alla sposa, e poi Ida la bislunga. È per lei, scoprirà il lettore, che lo sposo si è spinto a ripercorrere il suo lungo “allenamento a dire ti amo ti amo ti amo”.

Recensione della Redazione QLibri

 
L'amore 2018-09-05 15:35:05 ornella donna
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    05 Settembre, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lo Sposo la Sposa

Maurizio Maggiani, dopo aver pubblicato nel 2016 La Zecca e la rosa, torna con un nuovo libro: L’amore. Un testo in cui si celebra e si declina l’amore. L’amore, un po’ particolare, tra due persone: lo Sposo e la Sposa. Il testa narra con elegia e sapienza narrativa, di una giornata che pare qualunque, ma si scopre alla fine non esserlo, in cui un uomo racconta alla sua sposa il suo percorso di vita amorosa. L’amore: parola il cui significato è inseguito, indagato, ma sempre molto lontano e distante, perché in fondo mai del tutto compreso nella sua intima essenza.
L’amore che:
“ha costante bisogno di portare qualcosa che manca, di dare quello che non c’è.”.
E allora:
“quanto dolore amata mia per arrivare fin qui, e sono zoppo e quasi cieco per quanta strada ho fatto, per tutto quello che ho visto sulla strada. E quanta gioia, quanta allegria, e quanti decenni di sconsideratezza. Sì, anche questo è un fatto, i due sposi si amano senza peccato alcuno, e tutti i loro baci e tutto questo dirsi amato e amata è senza malizia e senza smanceria, è detto e fatto con candore.”
Lo sposo lavora, è occupato in ben due lavori: compra minerale di zinco sui mercati mondiali e scrive articoli di giornale. Ma non solo: coltiva l’orto, cucina ottimi manicaretti, va in bicicletta, e pensa. Pensa ai suoi vecchi amori, quelli che sono stati e non sono più, quelli che a sera tarda per farla addormentare, racconta, alla sposa nel “fatterello”:
“un fatterello per farla addormentare. E’ un capriccio della sposa, un capriccio che imbarazza lo sposo. Lo sposo non ama raccontare fatterelli, non a quell’ora della notte, non con le sue cose lasciate ammezzo in soggiorno. Peraltro non ama l’idea dei fatterelli in genere, pensa lo sposo di non avere all’occorrenza che dei fatti di una certa rilevanza da raccontare, fatti notevoli che richiederebbero ben altre circostanze e cure e attenzioni per essere narrati.”.
Ed ecco allora una galleria infinita di donne: dalla “Mari marina marosa, figlia del pesciaiolo”, alla Padoan, alla Patri, alla luxemburghiana Chiaretta a Ida la Bislunga, la più fascinosa, quella che ha sposato un maharajah, detta la Perla di Labuan, per cui:
“una volta avevo una ragazza con le fattezze di una cerbiattolona, si chiama Ida ed era alta e flessuosa, aveva in verità l’andatura e gli occhi di una giovane femmina di cervo, ed era leziosa e silvestre, bislunga ed imprevista.”
Un libro che è, anche, una canzone:
“Mi hai insegnato a volerti bene, hai voluto la mia vita, ecco, ti appartiene.”,
rigorosamente sentita da quel mangianastri, tanto amato e ora tanto rimpianto. E su tutto vola veloce il giudizio della Storia, dei fatti, dell’anarchia, della rivoluzione, narrato da un figlio del popolo, per cui:
“Giustizia proletaria, quante volte l’ha urlata, ritmicamente, slancio incalzante, quante volte l’ha agognata nei tempi del fervore, tempi di giovinezza in dissidio, popolo in rivolta, l’ordine è assassinio, apprestiamoci a prendere il potere. “.
Un testo la cui lettura non mi ha proprio entusiasmato, con quei protagonisti senza nome, che ho percepito lontani, privi di materialità e di essenza. Scritto con un’ottima prosa, molto poetica ed elegiaca. Manca di qualcosa, lascia con una mancanza, percepita e mai soddisfatta. Buono l’argomentare di amore e sfondo storico, ma troppo etereo, vuoto, inessenziale, incompleto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato a chi ha amato Alessandro Baricco, La sposa giovane.
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'unica storia
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo che trema
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Isola di neve
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Khalil
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una di luna
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
M. Il figlio del secolo
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo giro della notte
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La coda del diavolo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Peccato mortale. Un'indagine del commissario De Luca
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'innocente
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'idiota
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
I colori dell'incendio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri