Narrativa italiana Romanzi L'ultima estate dello scricciolo
 

L'ultima estate dello scricciolo L'ultima estate dello scricciolo

L'ultima estate dello scricciolo

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Nel villaggio immaginario dell'entroterra ligure a ridosso della frontiera francese del '62 riprende la narrazione sotto lo sguardo puntuale del piccolo Guido, troppo curioso per accontentarsi delle emozioni ricevute dalla realtà quotidiana. Tuttavia, di là di ogni possibile prospettiva, in questo libro di ricordi e formazione si celebra soprattutto la personalità di Caniçò, soprannome di nonno Costantino, l'eroe del paese occitano nelle Alpi Marittime di confine citato fin dalle prime pagine dell'opera precedente, "Il colore della lavanda". Il racconto arricchito di tanti episodi pregni di usi, suggestioni e colori della tradizione passata si snoda in un solo, splendido, giorno d'inizio estate di oltre cinquant'anni fa, vissuto in allegria da molti personaggi di quel romanzo epico e nelle storie interpretate da nuove e toccanti figure di quel mondo d'altri tempi. L'intreccio delle novelle s'incrocia fra le memorie del nipote e di suo nonno, indicato spesso anche con il diminutivo di Cunstantì, rimasti pressoché fianco a fianco per l'intera giornata.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'ultima estate dello scricciolo 2017-12-06 10:01:11 ornella donna
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    06 Dicembre, 2017
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'eroismo di nonno Costantino

Vito Antonio Gastaldi firma L’ultima estate dello scricciolo, un libro che ha creato un vero e proprio dittico con la sua opera d’esordio, Il colore della lavanda.
Vito Antonio Gastaldi è nato nella Riviera Ligure di Ponente a ridosso della storica frontiera francese solcata dall’antica Ligne Maginot Alpine, e ha trascorso l’infanzia nel paese occitano immaginario mutuato dal borgo natio in cui ha ambientato parte dei suoi romanzi. Verso la fine degli anni ’70, si è trasferito a Torino, coniugando lavoro con gli studi universitari. Ha provato, nel 2012, ad ampliare i suoi orizzonti e ha tracciato un percorso di vita nuovo per dedicarsi a ciò che gli era sempre piaciuto: scrivere romanzi.
Ora L’ultima estate dello scricciolo è il secondo volume della saga popolare ambientata in un piccolo villaggio occitano dell’entroterra ligure, vicino alla vecchia frontiera francese, “pres de la mer”, di oltre cinquant’anni fa. Protagonista è sempre il piccolo Guido, che si affaccia alla vita con una curiosità speciale e mille domande. E chi più di nonno Costantino, detto Canicò, può fornirgli risposte dettagliate? Lui che nel piccolo paese è considerato una sorta di “eroe”, per le sue gesta, i suoi eroismi in tempo di guerra, dove ha salvato molte vite umane, e si è distinto per la sua generosità e per il suo altruismo. Ed ecco allora mille racconti, mille vicende, mille narrazioni di un tempo che fu e che non è più, lontano, ma ricco di fascino e di intrigo.
Il racconto che diventa fiaba popolare, intessuto da sentimenti e valori puri, semplici, ma pregnanti e fondamentali. Ed ecco allora il racconto della costruzione di un tavolo compiuta con semplici assi di recupero, che diventa il paradigma per parlare di un mondo intessuto da profondi sentimenti di solidarietà tra persone, emblema di un purismo e di un’epica di alto grado.
Una prosa semplice, ma ricca e vivace, ricca di dialoghi, che rende la lettura curiosa e trascinante senza sosta. Una trama coinvolgente, quindi, e metaforica di pregio, per un vissuto contadino, duro e problematico per certi versi, ma anche ricco di buoni sentimenti e di umanità. Un elogio, anche, dei valori pregnanti della famiglia e dell’amore, all’interno di una società da ricostruire, una fenice risorta dalla ceneri devastanti della guerra.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Dove c'è fumo
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il settimo peccato
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
A bocce ferme
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La morte mi è vicina
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Sotto il falò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La famiglia Aubrey
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sbirre
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
Le sorelle Donguri
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il purgatorio dell'angelo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.7 (3)
Corpus Christi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ogni respiro
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ospite
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri