Narrativa italiana Romanzi L'ultimo arrivato
 

L'ultimo arrivato L'ultimo arrivato

L'ultimo arrivato

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Negli anni Cinquanta a spostarsi dal Meridione al Nord in cerca di lavoro non erano solo uomini e donne, ma anche bambini. Il fenomeno dell’emigrazione infantile coinvolge migliaia di ragazzini che dicevano addio ai genitori. Questo romanzo è la storia di uno di loro, Ninetto, che abbandona la Sicilia e si reca a Milano. Ninetto parte e fugge, lascia dietro di sé una madre ridotta al silenzio e un padre che preferisce saperlo lontano ma con almeno un cenno di futuro. Quando arriva a destinazione, si spalanca il nuovo mondo. Ninetto si getta in quella città sconosciuta con foga, cerca, chiede, ottiene un lavoro. E tutto gli accade come per la prima volta, il viaggio in treno o la corsa sul tram, l’avventurarsi per quartieri e periferie, scoprire la bellezza delle donne, incontrare nuovi amici, esporsi all’inganno di chi si credeva un compagno di strada, scivolare in un gesto violento dalle conseguenze amare.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
3.7
Stile 
 
3.5  (4)
Contenuto 
 
3.8  (4)
Piacevolezza 
 
3.8  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
L'ultimo arrivato 2019-01-01 09:52:08 Renzo Montagnoli
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Renzo Montagnoli Opinione inserita da Renzo Montagnoli    01 Gennaio, 2019
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

In cerca di fortuna

In un’epoca di grandi migrazioni, dall’Africa alle nostre coste, non poteva mancare un libro che parlasse di un fenomeno analogo, proprio degli anni cinquanta quando masse di mano d’opera si trasferirono dal nostro meridione al nord in cerca di lavoro, e fra questi abbastanza di frequente c’erano dei minori in compagnia di un parente o di un paesano. L’emigrazione infantile pertanto costituisce un’altra caratteristica di questo flusso sud-nord, coinvolgendo migliaia di ragazzini che spinti dalla miseria e sorretti dalla speranza lasciavano i genitori e la piccola realtà in cui fino ad allora avevano vissuto per approdare alle metropoli dell’Italia settentrionale.
In questo contesto Marco Balzano ci racconta la storia di Ninetto Giacalone, conosciuto da tutti come “pelleossa” per la notevole magrezza dovuta agli stenti patiti, ma ciò nonostante sostanzialmente sano, a differenza della madre che, vittima di un ictus cerebrale, non è mai riuscita a tornare alla normalità ed è condannata a vivere, anche per decisione del marito, in un ospizio. Di questo incidente di salute vittima indiretta è stato anche Ninetto, costretto ad abbandonare la scuola per lavorare nei campi e infine partito per Milano insieme con il paesano Giuvà, un bonaccione che non si tira mai indietro quando c’è da faticare. A causa della sua minore età gli inizi sono difficili, con lavori precari fino alla grande occasione, cioè l’assunzione all’Alfa Romeo. Ovviamente la storia non si ferma qui, ma prosegue con tanti eventi, fra cui uno che segnerà in modo indelebile la sua esistenza, ma ritengo non siano necessarie altre notizie in merito, lasciando al lettore il piacere di scoprirle.
Devo dire che, dopo aver letto Resto qui, mi attendevo di più, soprattutto speravo che l’autore non cadesse in certi stereotipi dell’immigrazione meridionale al nord, ma si vede che è difficile raccontare qualcosa di nuovo in proposito, così che il romanzo, fra l’altro commovente anche oltre misura, si presenta come un prodotto ben confezionato, ma incapace di lasciare una traccia significativa in chi legge. Se la trama appare più gratificante dei contenuti, perché maggiori approfondimenti avrebbero non poco giovato all’opera, di pregevole resta lo stile, snello, immediato, una caratteristica dell’autore che ho riscontrato anche in Resto qui. L’ultimo arrivato è stato premiato con il Campiello e non a caso, perché è un’opera per certi versi furba e accattivante, che tuttavia riesce superiore, come qualità, a quella media, invero modesta, dei libri editi attualmente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore

L'ultimo arrivato 2018-03-17 05:37:25 evelyn73
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
evelyn73 Opinione inserita da evelyn73    17 Marzo, 2018
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

il valore della cultura

Una piacevolissima scoperta. Preso a caso al supermercato, si è rivelato un libro scorrevole, piacevole, emozionante, dolce, intenso, denso di sentimenti. In primo piano la profondità delle persone che hanno vissuto drammi personali e familiari, la debolezza e la forza dell'essere umano, il valore della cultura, l'importanza di trasmettere la propria storia alle generazioni successive quale insegnamento di vita e per non dimenticare gli sforzi di chi ci ha preceduto. Unica cosa mi ha dato un po' fastidio l'uso - in tutto il romanzo - del pronome "gli" riferito al genere femminile, ma forse è per calare anche la "parlata" nel contesto sociale di tutta la vicenda.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'ultimo arrivato 2015-10-28 05:21:55 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    28 Ottobre, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Premio Campiello 2015

“L’ultimo arrivato” di Marco Balzano è Ninetto (“Prima di chiamarmi pelleossa, mi chiamavano strillone”), che racconta la sua storia di immigrato a Milano.

Cresciuto nella povertà (“Eravamo sempre sporchi di strada”) e nel disagio familiare (“Mamma mia stava ogni giorno più stordita”), Ninetto adora Vincenzo, il suo insegnante delle scuole elementari, che gli comunica l’amore per la poesia grazie a Pascoli e l’interesse per l’ideologia grazie a Rousseau.
Senza che lui ne comprenda appieno le ragioni, il padre affida Ninetto a un compaesano, che lo conduce nella Milano del miracolo economico (“Quando la miseria ti sembra un cavallone che ti vuole ingoiare è meglio che fai fagotto e te ne parti, punto e basta”), ove il bimbo intraprende diverse attività lavorative (“Ormai sei grande, tieni tredici anni compiuti!... una frase che se la dici oggi chiamano il Telefono Azzurro”).
Un matrimonio d’amore sarà l’occasione per ritornare provvisoriamente al paesello (“Il viaggio lungo, mio padre trasandato, il matrimonio come due ladri, mamma mia abbandonata…”), ma la vita attende il giovane a Milano.
Poi Ninetto, per gelosia, commette una sciocchezza imperdonabile (“Poi non ho più pianto fino a quando sono entrato in carcere”)…

Il romanzo è commovente (“Il dolore tiene insieme più di ogni altra cosa”) sia perché attraversa efficacemente le dinamiche psicologiche del protagonista e i fenomeni sociali - l’emigrazione, il caporalato – che i corsi e ricorsi storici tragicamente ripropongono, sia perché Marco Balzano, milanese e docente di scuola media, riesce a identificarsi pienamente nel suo personaggio siciliano e ingenuamente innamorato della cultura (“Questo signor Camus autore de Lo straniero… Come ha fatto a raccontare la mia storia raccontandone una sua”).

Giudizio finale: retrospettivo, ma implicitamente attuale, vibrante

Bruno Elpis

P.S. A questo link potete leggere l’intervista che ho realizzato con l’autore http://www.brunoelpis.it/le-interviste/1288-intervista-a-marco-balzano-vincitore-del-premio-campiello-2105

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Le poesie di Pascoli, Rousseau, Lo straniero di Camus, opere citate nel romanzo
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
L'ultimo arrivato 2015-09-30 18:49:55 ant
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
ant Opinione inserita da ant    30 Settembre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ninetto e la sua difficile esistenza

Un libro che narra della vita difficile di Ninetto, bambino di 9 anni che si trasferisce dalla Sicilia a Milano nel 1959. Non viene tralasciato niente di quelle che sono le sensazioni più intime del protagonista,come l'angoscia per aver lasciato gli studi e il suo adorato maestro Vincenzo, la povertà estrema della sua famiglia, le condizioni pietose in cui è costetto a vivere appena arrivato a Milano. Allo stesso tempo vengono esaltate però la semplicità e la notevole forza di volontà e di adattamento di Ninetto , i tanti lavori svolti prima di entrare all'Alfa di Arese, i primi approcci con Maddalena che poi diventerà sua moglie e poi l'autore alterna momenti del presente e del passato, con un'ombra che graverà per sempre nella vita di Ninetto a causa di un episodio che ne segnerà il resto dei suoi giorni.
Concludo estrapolando un passaggio, in cui si parla di amicizia ,che mi ha colpito(p85):
...""amici ne avevo pochi, anzi pochissimi, e mi confermavano sempre più che mio padre Rosario aveva ragione"gli amici non esistono, esistono solo persone con cui passare un po' di tempo quando non vuoi pensare alle scassature di minchia"...amici veri mi sa che si può essere solo da picciriddi , quando si è puliti dentro e non si fanno calcoli di interesse né altre oscenità""
Molto intenso, bello

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri