Narrativa italiana Romanzi La dinastia dei dolori
 

La dinastia dei dolori La dinastia dei dolori

La dinastia dei dolori

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La bella e ingenua Emma, quando nella Roma degli anni Venti coglie l’occasione di rivoluzionare la propria vita e accetta di sposare l’integerrimo e benestante Ingegner Garnieri, non immagina che il prezzo da pagare sarà altissimo; il compromesso a cui si piega ricadrà infatti sulla sua discendenza femminile. L’esistenza agiata, apparentemente serena di Emma, si chiuderà senza scandali, ma quel ribollire sotterraneo di emozioni non si è perso. Riaffiorerà, come un fiume carsico, nella vita di sua nipote Maria: mentre, in un settembre degli anni Novanta, culla la sua neonata, improvvisamente una paura indicibile la paralizza. Inutilmente Maria cerca nel ricordo, nelle parole del diario che tiene in quei giorni di oscurità e terrore, una traccia che le permetta di uscire dal labirinto. A distanza di oltre venti anni, sarà Rita, la figlia di Maria, che riuscirà a riannodare i fili che il Tempo ha sfilacciato; ogni segreto così finalmente troverà la sua luce e la dinastia dei dolori potrà sciogliersi. Secondo, intenso romanzo di Margherita Loy, La dinastia dei dolori disegna un destino tutto femminile che, come un ponte ideale tra epoche e luoghi diversi, lega le diverse generazioni nel segno di madre e figlia.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
3.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La dinastia dei dolori 2021-03-01 09:53:12 annamariabalzano43
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
annamariabalzano43 Opinione inserita da annamariabalzano43    01 Marzo, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Moira e Ghenos

“Come stirpi di foglie, così le stirpi degli uomini. Le foglie, alcune ne getta il vento a terra, altre la selva fiorente le nutre al tempo di primavera. Così le stirpi degli uomini: una nasce, l’altra si dilegua.”
Queste le parole di Glauco nell’Iliade. (VI libro).
E ancora: “Uno paga subito, un altro dopo, e a quelli stessi che sfuggono affinché non li colga la Moira degli dei che poi in ogni caso, più tardi giunge? gli innocenti pagano le azioni, o i figli di costoro o la stirpe futura.” (Solone – Elegia alle Muse). C’è tanto della cultura classica in questo romanzo di Margherita Loy, “La dinastia dei dolori”, un racconto intenso, che vede al centro quattro generazioni di donne forti e fragili a un tempo, che si tramandano un pesante fardello di dolore e di rimpianto rassegnandosi a convivere con uno schiacciante senso di colpa, o a chiudersi nel buio di una condizione di assoluta angoscia. Un racconto radicato in una realtà quotidiana che attraversa il novecento dagli albori del fascismo fino ai giorni nostri, che vede la donna protagonista e subalterna al tempo stesso in una società che stenta a restituirle quella dignità e quella emancipazione che le spettano di diritto. Sono donne a cui si nega persino di vivere le gioie e le responsabilità della maternità, donne che non hanno la libertà di scegliere perché non hanno alcuna indipendenza economica. Così Emma, il personaggio più forte del romanzo, è costretta a barattare la sua maternità con il benessere futuro per sé e per le sue sorelle. Una scelta drammatica che la priverà dell’amore che aveva sognato. E come una forza misteriosa e imperscrutabile, come una volontà irresistibile che si identifica con la “moira” della mitologia greca, questo dolore si tramanda attraverso le generazioni per via femminile. Un destino segnato, si direbbe. E qui l’autrice si sofferma su alcune teorie scientifiche che studiano l’importanza della ereditarietà genetica anche nella sfera della psiche umana, come se i grandi dolori si imprimessero nella memoria genetica di ogni individuo e con essa si trasmettessero alle generazioni successive insieme a tutte le altre tessere che ne costituiscono il patrimonio complessivo.
Un libro che offre spunti molto interessanti di riflessione, non solo dal punto di vista sociale e filosofico, ma anche scientifico.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri