Narrativa italiana Romanzi La distanza da Helsinki
 

La distanza da Helsinki La distanza da Helsinki

La distanza da Helsinki

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Quando si diventa davvero grandi? Quanto coraggio ci vuole per fare il grande passo e uscire dall’adolescenza una volta per tutte? Viola e Kimi hanno sedici anni, e non lo sanno ancora. Lei è italiana, lui finlandese. Lei socievole e intraprendente, lui con gli occhi fissi sul libro che sta leggendo, come se il mondo intorno non ci fosse. Entrambi hanno un segreto che li rende molto diversi dagli altri. Viola ha perso la madre, Kimi è affetto da una indefinibile forma di autismo. Lei non vuole, o meglio, non vorrebbe che quello che le è successo condizionasse la sua vita, lui percepisce la realtà soltanto attraverso le note di un pianoforte. Si incontrano a un corso d’inglese a Londra, e da quel momento, ogni anno, a luglio, si incontreranno attraverso l’Europa, mentre la vita scorre loro accanto. Fino a quando, sedici anni dopo il primo incontro, entrambi riceveranno un invito che li porterà a prendere un’altra decisione, che cambierà per sempre le loro vite. Un romanzo sulla necessità e la voglia di crescere. Un romanzo sulle occasioni che la vita ci offre, e non sempre riusciamo a cogliere. E soprattutto, un romanzo sul coraggio e sulle prove che bisogna superare per poter dire di essere veramente vivi.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La distanza da Helsinki 2014-06-12 18:30:23 giuse 1754
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
giuse 1754 Opinione inserita da giuse 1754    12 Giugno, 2014
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La vita non è che una sequenza infinita di "Slidin

Devo ammettere che l’incipit del romanzo, con l’uso insistito di segmenti nominali, separati spessissimo dal punto, mi aveva innervosito. Mi aveva dato l’impressione di essere di fronte a un espediente letterario per attirare l’attenzione, senza che ve ne fosse una vera necessità, e questo mi era dispiaciuto. Avevo provato simpatia per Raffaella Silvestri, guardando Masterpiece, il primo talent letterario che l’ha vista finalista. Potrei addirittura dire che avevo sviluppato una certa empatia, cresciuta di pari passo con l’antipatia di quasi tutti gli altri concorrenti e di parte del pubblico. E’ la stessa antipatia che il primo della classe, il saputello, suscita nel resto della scolaresca. E’ che, a volte, il primo della classe è anche una persona molto sensibile, con il suo bagaglio di sofferenze e di fragilità di cui non riesce a far partecipi gli altri, attirando altra malevolenza. E capita, allora, che reagisca con aggressività, e con determinazione insegua i suoi obiettivi. Era scattata una sorta di identificazione, insomma, al di là del gap generazionale, o forse proprio per questo.
Come un genitore putativo avrei voluto che Raffaella realizzasse le sue aspirazioni, cosa in cui io ho fallito per incapacità o per scelte di vita diverse.
Continuando a leggere, questo stile volutamente frammentato si è un poco ammorbidito, pur rimanendo incisivo e fortemente evocativo, e allora mi sono lasciata trasportare nella storia. Fondamentalmente è un romanzo di formazione, e l’autrice accompagna, affianca mi verrebbe da dire, Viola e Kimi, i due protagonisti, attraverso l’adolescenza e la piena maturità, oltre i trent’anni: il tempo delle scelte, il momento della svolta verso una o l’altra direzione.
Sono due persone particolari, Viola e, soprattutto, Kimi. Italiana lei, di Helsinki lui, entrambi hanno perso precocemente la madre, entrambi si sentono “diversi”, come forse la maggior parte degli adolescenti crede di essere. Ma che sia un comune sentire lo si capisce solo molto tempo dopo. Il tempo delle mele è spesso segnato dalla sensazione dell’isolamento dal compatto gruppo degli “altri”. In Kimi, però, tutto è amplificato da una forma particolare di autismo, che lo fa sentire in sintonia con la propria anima solo a contatto con la musica, la “sua” musica, dove il corpo, quel corpo in cui si sente isolato, diventa, attraverso le mani sulla tastiera, un ponte con cui comunica il proprio universo interiore: “…invece lui è lì che non si vergogna, che ha con il pianoforte quel rapporto diretto ed esclusivo, ed è lì che lui può esprimere tutto, tutte quelle emozioni, tutte quelle espressioni del volto che lo rendono vero e vivo e umano, e che lontano, nella vita di tutti i giorni, non esistono più.”
La definizione di Viola è un po’ più sfuggente, si intuisce comunque un contrasto tra il suo voler essere assolutamente “ normale” e la sua attrazione verso tutto ciò che “ rende la gente non figa, non giusta”. E’ chiaro che due persone così non potranno mai incontrarsi davvero, unire le loro vite per far nascere un’entità nuova. Troppo diversi eppure troppo uguali, ma il vero ostacolo è la paura di Kimi, il limite invalicabile che lui pone tra se stesso e gli altri. Questo libro mi ha ricordato molto “La solitudine dei numeri primi” di Paolo Giordano, e come quel libro anche questo, alla fine, mi è piaciuto tanto. Mi ha commossa, mi ha fatto pensare, sono stata trattenuta sulle pagine nella speranza, inutile, di un lieto fine che era giusto non ci fosse.
Raffaella Silvestri è riuscita a raccontare la difficoltà di scegliere la strada giusta, di avere il coraggio di imboccare una delle tante porte. Alla fine la vita non è che una sequenza infinita di “Sliding doors” attraverso cui destreggiarsi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La solitudine dei numeri primi
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri