Narrativa italiana Romanzi La giovinezza
 

La giovinezza La giovinezza

La giovinezza

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


L’amicizia, il desiderio, l’arte, l’avventura di due amici che sfidano il passare del tempo. «Dell’infanzia non mi ricordo proprio niente. Solo una cosa continuo a ricordarla.» «Quale?» «Il momento preciso in cui ho imparato ad andare in bicicletta. Che felicità! E stamattina, come per incanto, per la prima volta, mi sono ricordato anche il momento successivo.» «Il momento in cui sei caduto.» «Come cazzo fai a saperlo?» «È stato così per tutti. Impari a fare una cosa, sei felice, e ti dimentichi di frenare.» «Non è una grande metafora della vita?» «Ora non traiamo conclusioni affrettate, Mick.» Proprio allora un ragazzino di undici anni passa in sella a una mountain bike. Fa tutta la strada su una sola ruota, in velocità, silenzioso come un fantasma. I due amici si voltano a guardarlo, estasiati. Poi Fred riflette e dice: «Sai una cosa Mick?». «Cosa?» «Io e te, secondo me, non moriremo mai.»

Recensione della Redazione QLibri

 
La giovinezza 2015-05-29 22:06:39 Valerio91
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    30 Mag, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La giovinezza non è nella carne

Dopo l’immenso successo de “La grande bellezza”, Paolo Sorrentino prova a mantenersi sulla cresta dell’onda con “Youth – La giovinezza”. Quella che mi appresto a recensire è la sceneggiatura del film, dunque non ci troviamo alle prese con un romanzo vero e proprio, anche se quasi come tale questa si legge e la lettura risulta abbastanza piacevole. Certo non ci si possono aspettare approfondimenti o digressioni che non siano strettamente “visive”. Sta di fatto che, sono sincero, questa lettura ha stimolato in me la voglia di vedere il film, accendendo la curiosità di scoprire come il grande Michael Caine ha interpretato l’interessante protagonista di questo romanzo, l’ormai vecchio ma ancora acclamato musicista Fred Ballinger.

In un lussuoso albergo sono riunite tante personalità tanto diverse eppure così simili tra loro, seppure non si sa ben dire perché. Musicisti, registi, sceneggiatori, attori, calciatori (credo che Sorrentino ci abbia regalato una versione esageratamente obesa del grande Diego Armando Maradona). Il contenuto si può in parte intuire dal titolo; ci troveremo di fronte a una profonda riflessione sugli stati d’animo che pervadono l’uomo nelle diverse fasi della vita, ognuna incarnata da alcuni dei personaggi presentatici, padroni di un destino individuale differente eppure accomunato da qualcosa che è caratteristico di un punto preciso dell’esistenza umana. Ed è chiara una cosa e una soltanto: la giovinezza non è nella carne, ma nella mente. I giovani vedono tutto vicino, e stanno guardando il futuro, mentre i vecchi vedono tutto lontano, ma stanno guardando il passato. La vecchiaia porta con sé la tendenza a guardare soltanto il passato, a ricercarlo come un rifugio; oramai è troppo tardi per occuparsi del futuro, ne è rimasto talmente poco che non varrebbe nemmeno la pena preoccuparsene. Meglio cullarsi nei piaceri del passato. Ma è proprio nel momento in cui si crede che sia troppo tardi per fare qualsiasi cosa che si cessa di esistere, che si smette di vivere, che si diventa realmente “vecchi”. Bisogna sognare, inseguire, agire indipendentemente da tutto, anche dalla carne inclemente che non può evitare di deteriorarsi, ed è quella la vera giovinezza.
Giovinezza è la voglia e la determinazione a continuare ad essere.

"In mezzo ai fiumi delle saune e dei bagni turchi, corpi nudi di tutte le età sembrano morti e abbandonati, in controluce, al caldo, al sudore. Corpi tonici e lucidi, corpi abbondanti e rotondi, corpi vecchissimi e sfasciati. Così è fatta la fatica del benessere. Così, alcuni provano ad allungare il futuro e a inseguire goffamente il passato della giovinezza."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri