Narrativa italiana Romanzi La nuda verità
 

La nuda verità La nuda verità

La nuda verità

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Donatella Mugghiarti è medico, lavora in un grande ospedale pubblico di Roma, ha uno studio privato, abita in una casa tutta bianca sulla quale si arrampica un glicine. Vive sola, detesta i colleghi, non ama cucinare o mangiare, non beve, non dorme mai nuda perché non ha intimità con se stessa. E infatti, Donatella, che non ha mai amato una persona, non può amare l'idea di curare gli altri, e non riesce a stare vicino ai pazienti. A chi guarisce, ai parenti, agli amici di chi muore. Quando scoppia un'inchiesta giornalistica sulla Malaumanità negli ospedali della Capitale, Donatella non capisce quanto la cosa la riguardi perché, nonostante odi il corpo degli altri e il proprio, ha incontrato Stefano, che commercia in vini, si appassiona a tutti, ama mangiare, ama i corpi. Stefano l'ha rapita eroticamente per condurla in un luogo dove lei non è mai stata, e dove mai avrebbe pensato di trovarsi: la coppia. Tuttavia, questa storia non ha due protagonisti, ma tre, e il terzo - un'altra donna - non si vede. Così, passo dopo passo, talvolta a passo di danza, sedotta dal fascino di Stefano e allarmata dai suoi tradimenti, Donatella si trova invischiata in un gioco di specchi in cui realtà e finzione, privato e pubblico, amore e morte, paziente e medico, innocenza e colpa si scambiano continuamente i ruoli.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
2.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La nuda verità 2019-02-28 17:08:38 Antonella76
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    28 Febbraio, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La verità ci lascia nudi...



La Cenciarelli ha scritto un libro in cui non salva proprio nessuno, ha costruito dei personaggi indigesti con il "peggio" degli uomini e delle donne e li ha fatti interagire fra loro, dando vita ad una sorta di esperimento sociale in cui tutti perdono.

La verità è che puoi essere intelligente, indipendente e realizzata quanto vuoi, ma se soccombi psicologicamente ai giochetti infami di uomini anaffettivi senza dignità alcuna, allora hai perso.
La verità è che puoi essere brillante, fascinoso, seducente e colto quanto ti pare, ma se ti manca il coraggio delle tue azioni e se sei affetto da machismo con degenerazioni narcisistiche, allora hai perso.
La verità è che puoi essere stata ferita, stare dalla parte della ragione e urlare la tua sete di giustizia al mondo con tutta la voce che hai, ma se per farlo sei disposta a giocare sporco, allora hai perso.
In queste pagine tutti perdono tutto, chi la dignità, chi il lavoro, chi la vita...

Quanto più sei rigido nei confronti del mondo, quanto più rifiuti di prendere coscienza del tuo corpo, tanto più andrai in frantumi al primo tocco.
Quanto più cerchi di coprire le tue fragilità con spesse coperte di cinismo e distacco, tanto più ti ritroverai nudo, a terra, tremante e ghiacciato dalla stessa freddezza che hai sempre elargito al tuo prossimo.
Quanto più cercherai di usare la debolezza altrui, tanto più sarai usato...e umiliato.
Una legge del contrappasso che non perdona nessuno.

Un libro che parla di vendetta, di odio, di potere, di malattia e di malaumanità.
Un libro che parla dei nostri limiti, oltrepassando i quali, rischiamo di ritrovarci nudi, indifesi, e di guardare in faccia quella parte di noi che ci fa paura perché non sapevamo neanche ci appartenesse.

Estremamente realistico, nel senso proprio di un realismo portato all'eccesso.
E la scrittura è schietta, diretta, apparentemente semplice, ma dura...esattamente come coloro che popolano il libro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

La nuda verità 2019-01-10 08:26:15 ornella donna
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    10 Gennaio, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un gioco di specchi ad alta crudeltà

Gaja Cenciarelli, vive e lavora a Roma. Ha scritto romanzi, racconti ed insegna lingua e letteratura inglese. Con la casa editrice Marsilio pubblica La nuda verità, un testo che mi ha lasciato molto perplessa e anche disorientata. Un romanzo sull’amore, ma anche sulla vendetta, sull’odio, sulla malattia. La Nuda Veritas è anche un’opera di Kint, che dovrebbe rispecchiare appieno le caratteristiche della dottoressa Donatella Mugghiani, per cui:
“Guarda la dea guerriera, con elmo e corazza dorate. Una lancia nella sinistra. Una donna nuda nella destra. “
Ma chi è veramente Donatella? E’ un medico oncologo, molto preparata e professionale, molto fredda, al limite dell’indifferenza, con i propri pazienti che si rivolgono a lei più per le sue capacità professionali che umane, anche se:
“Pensavano che non se ne sarebbe accorta, ma lei si accorge sempre di tutto. E’ questo che non capiscono. Donatella capisce tutto e si accorge di tutto e non le sfugge niente, nemmeno con chi esce la sua segretaria.”
Ad una cena tra colleghi incontra Stefano, uno strano individuo, molto bello ed affascinante, ama in ugual misura le donne e i vini, molto ricco, possiede Andromeda, cane di pastore tedesco, ed Ettore, un grosso gatto con i quali parla al telefono. Donatella se ne innamora perdutamente, anche se lui gioca con lei e con i suoi sentimenti, attirandola in un vortice estremo e senza pietà. Contemporaneamente compie lo stesso gioco di seduzione con la stessa segretaria della dottoressa, Francesca, una ragazza madre, con molti limiti e difficoltà. E gioco forza per Donatella perdere i contatti con la realtà. Ormai :
“Odia il suo lavoro.Non capisce niente di quello che è successo nelle ultime ventiquattr’ore, e Stefano le direbbe: “Smettila, Atena. Non tutto si può capire con la testa.” E piange. Non capisce quel regalo. Non capisce chi è quella donna che va in giro a fare domande su di lei.”.
Un libro duro, spietato, cattivo. Nessuno vince in questa assurda lotta che gioca coi sentimenti delle persone, che mette in luce uno specchio crudo e pesante sui medici e sul loro comportamento deontologico, sulla politica che si presta a cattivi investimenti. Una prosa veloce, elettrica contraddistingue questo romanzo, dalla trama conflittuale che a tratti disorienta, ma affascina con intima crudeltà e cattiveria.


Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Guardando il sole
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Il cuore e la tenebra
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cuori fanatici. Amore e ragione
Valutazione Redazione QLibri
 
1.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Certe fortune
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'isola dell'abbandono
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I nomi epiceni
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Elevation
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sospettato
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Fedeltà
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
2.3 (3)
Noi siamo tempesta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Morto che cammina
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri