Narrativa italiana Romanzi La piuma del martin pescatore
 

La piuma del martin pescatore La piuma del martin pescatore

La piuma del martin pescatore

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La prima parte del romanzo si dipana sullo sfondo della Seconda guerra mondiale. La piccola Malvina vive la sua amara realtà di paese, di freddo e di fame. Più tardi, adolescente, scoprirà una Torino ancora devastata dalla guerra e affamata, in cui affiorano i primi fermenti di rinascita. Per lei Torino è la capitale del mondo, l'altra faccia della luna. Malvina è timida e testarda e affronta uno dopo l'altro i passaggi che la vita le presenta, con ansia e caparbietà. La paura e il coraggio convivono in lei e giocano a rimpiattino tra di loro. La storia della protagonista si intreccia con quella delle tre sorelle, della madre, delle amiche, delle Tòte Falletti e di madama Imelda, famoso soprano torinese.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La piuma del martin pescatore 2019-11-01 18:07:55 ornella donna
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    01 Novembre, 2019
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La piuma del martin pescatore

Graziella Ardizzone, ha lavorato come chirurgo a Torino all’ospedale Molinette. Ora in pensione, abita in una grande cascina in compagnia del marito, tanti gatti e un cane. Ha pubblicato: Non si rubano le fragole, Un’indagine con i baffi, e La piuma del martin pescatore, quest’ultimo un libro di grande fascino e di un lirismo senza pari.
Racconta, con intensità e sentimento, la storia di Malvina, l’ultima di quattro sorelle, che vive in un piccolo paesino di provincia all’epoca della seconda Guerra Mondiale. La mamma emigrata dal Veneto si è inserita con fatica in una realtà chiusa e bigotta, rimasta vedova si ritrova a dover fare i lavori più umili pur di assicurare almeno la soddisfazione dei bisogni primari delle sue figlie. Va a servizio, raccoglie legnetti nel bosco per scaldarsi, va a lavare le lenzuola per la moglie del dottore nelle acque gelide dell’acquaio che le deturpano tutte le mani, fa la spigolatrice nei campi di grano. Lavora ed accetta la sua condizione con accondiscendenza, ma soprattutto con umiltà. E quando viene insidiata da Toni, un uomo sposato con prole, non esita a combatterlo con fierezza e coraggio, nonostante le cattive dicerie del paese le remino contro. Sono anni duri e difficili, di grande povertà, sopportati sempre con grande umiltà e indiscussa dignità. Il tempo passa e le ferite si rimarginano un po’. Malvina pur essendo ancora giovanissima viene chiamata a servizio a Torino da una ricca famiglia borghese. E’ la rinascita, in una Torino ferita dalla guerra appena trascorsa, mostra i segni della tragedia, ma per la nostra giovane protagonista è:
“la capitale del mondo, l’altra faccia della luna.”
Inizia così, con un anelito di speranza e di riscatto, l’adolescenza di Malvina che ben presto andrà ad imparare il mestiere di sarta nell’atelier delle Tote Falletti, e dove incontrerà, apprezzata e considerata, nientemeno che madama Imelda, famoso soprano torinese. E la sua vita muterà espressione. Un romanzo che si legge di un fiato. Una storia di coraggio e di redenzione, narrata con stile preciso e forte. Una lettura che torna indietro nel tempo, in un passato di difficoltà e di stenti, ma anche di grandi valori morali ed etici. Una narrazione di grande spessore e di intensità figurativa. I personaggi, riccamente caratterizzati, godono di un lirismo e di un pathos profondo. Dunque una lettura avvincente che conduce il lettore con sapienza, all’interno di un mondo ancestrale, ricco di valori pregnanti, che fungono da monito educativo per la generazioni a venire e che non può che trascinare in un vortice di emozioni e sentimenti. Una trama che si posa leggera come una piuma sulle menti dei lettori percorrendo un lungo viaggio di riscatto e dignità umana, a dir poco stupefacente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
consigliati anche gli altri libri della scrittrice, per esempio Non si rubano le fragole, un'indagine coi baffi.
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri