Narrativa italiana Romanzi La ragazza perduta
 

La ragazza perduta La ragazza perduta

La ragazza perduta

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Questa è una bellissima storia d'amore. Definito da Geno Pampaloni, al suo apparire, uno dei racconti più intensi e memorabili del Novecento, La ragazza perduta è il ritorno prezioso di un testo salutato dalla critica come un capolavoro. Per questo motivo riproporlo ora, in una riscrittura dell'autore, s'impone con la forza dirompente delle cose necessarie.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La ragazza perduta 2015-12-08 16:35:13 katia46
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
katia46 Opinione inserita da katia46    08 Dicembre, 2015
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Piccolo gioiello

La ragazza perduta di Salvatore Mannuzzu è un piccolo gioiello da custodire, da tenere sempre a portata di mano e sfogliare, con calma.
E' un breve racconto: un regalo di compleanno di un marito alla moglie che lo accusa di non amarla più. Quando scende la sera, quella del tempo interiore, quella che chiude il giorno e anche le stagioni della vita, un uomo legge alla sua amata una storia d'amore che ha appena finito di scrivere. Cercando nelle parole di riannodare l'intesa di un tempo.
E' una scrittura elegante quella che snoda i ricordi, che parla di Zezi, la moglie inquieta, ma non ampollosa, al contrario. Non sfocia in un sentimentalismo sdolcinato. Lo stile ricercato si muove leggero, con venerazione, non appesantisce quella che più di un racconto è una splendida lirica. Si respira una leggera nostalgia, a tratti anche malinconia, " di quanto si vorrebbe richiamare in vita, e non si può, e di quanto invano si vorrebbe non fosse stato". Il tempo scolora e consuma, cambia le cose, lascia rimpianti e consapevolezza. "Ho imparato: nessuna cosa rimane se stessa, né mai è stata se non nel groviglio delle altre; da esso forse si può riprendere lo posta che sembrava perduta".
La memoria come un ponte per congiungersi a quel "prima" scintillante, che non si dimentica, che non scolora.
La brevità del racconto è in parte un pregio, i dialoghi sono serrati, ma al tempo stesso un difetto, perché si perde il presente: sappiamo come si sono conosciuti, come il giudice è arrivato in Sardegna, ma del presente non sappiamo nulla, come se solo la ricerca di un tempo ormai perduto, nostalgico, avesse valore, possibilità di ricreare, di riannodare.
E' comunque un piccolo capolavoro.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
150
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (2)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Domani e per sempre
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Il Duca
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Ritratto di donna