Narrativa italiana Romanzi La regola dei pesci
 

La regola dei pesci La regola dei pesci

La regola dei pesci

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Quando a settembre riapre la scuola, il liceo Tommaseo viene travolto da una scoperta che lascia tutti senza fiato: quattro ragazzi, gli unici maschi della quinta C, sono spariti. Erano in vacanza in Grecia, ma dal 22 luglio nessuno sa più niente di loro. E mentre un funzionario della Farnesina viene incaricato di assistere i genitori nel tentativo di capire cosa sia successo, uno dei quattro torna a casa, illeso ma chiuso in un mutismo inattaccabile. Fra di loro c'era un patto, e romperlo significherebbe tradire la fiducia degli altri. Dopo aver raccontato gli adolescenti in un romanzo che ha fatto il giro delle scuole di mezza Italia –Qualcosa c'inventeremo –, Giorgio Scianna sceglie di esplorare, senza mai giudicare, la complessa realtà di chi ha diciotto anni oggi. Perché è quella l'età in cui si prendono le misure di se stessi e del mondo, in cui la sete d'avventura si muove verso direzioni impensabili. La ribellione può assumere molte forme, tante quante sono le speranze. La regola dei pesci possiede il dono rarissimo di parlare a tutte le generazioni, rimanendo in perfetto equilibrio fra la cronaca più recente e il romanzo di formazione. Con una voce sincera e tersa, l'autore immagina che cosa può accadere quando un grido d'aiuto rimane inascoltato. «I pesci riescono a muoversi tutti insieme senza scontrarsi e senza perdere nessuno. Basta fidarsi del movimento degli altri».

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La regola dei pesci 2018-03-22 18:06:55 68
Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
68 Opinione inserita da 68    22 Marzo, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Fatti da definire e quesiti irrisolti

L’ imperscrutabile mondo adolescenziale è il cuore del romanzo, un incerto e complesso sistema relazionale contrapposto alla essenzialità narrativa, la scomparsa di quattro liceali durante una vacanza estiva tra Grecia e Turchia ed il ritorno di uno solo di loro, la voce narrante.
Lorenzo è stanco, provato, silente, dentro di se’ una inquietudine manifesta ed un patto vincolante, assalito da preoccupazione personale ( per la sorte degli amici ) ed ansia genitoriale ( per la sorte dei propri figli ), da una indagine in corso ( una possibile associazione terroristica ) ed un mistero irrisolto, una tragedia imprevista, domande ossessive e risposte negate, una vita da riprendere e ricostruire.
Di certo tutto è cambiato per sempre ma rimane anche una promessa da mantenere.
Il romanzo scorre velocemente, si avvale di una scrittura diretta e colloquiale che attraversa il mondo giovanile affrontando temi profondi, l’ amicizia, la condivisione. la paura del futuro, le relazioni famigliari, la scuola, la socialità, i pericoli della rete.
Temi attuali, a cominciare dall’ ambivalente potere associativo-dissociativo dei social da tempo imperante e compagno irrinunciabile della vita di molti, in primis del mondo adolescenziale.
La citazione finale da parte dell’ autore’ è una riflessione ed un monito su quanto questa storia riguardi noi tutti. Viviamo un’ epoca in cui ai nostri ragazzi è negato qualsiasi futuro ed idea di futuro senza il quale non è auspicabile alcuna speranza di essere, ne’ niente per cui darsi da fare, sentendosi persi ed esclusi e possibile minaccia per se’ e per gli altri.
Questo è il focus del racconto, una corresponsione giovanile estranea al mondo circostante, famigliare ma anche scolastico e sociale, elementi ritenuti altro da se’, banali, inconcludenti, inopportuni, alienanti.
Famiglie assenti, nuclei disgregati, case trasformate in semplici alloggi, terra di silenzi non condivisi ne’ pensanti e di coercizione, paure represse, ansie, ossessioni protratte, accesi singolarismi ed incomunicabilità manifesta .
E poi la scuola, quel trascinarsi di routine e programmi obsoleti, frasi fatte, rituali, nessuna capacità e volontà di ascolto, ne’ guida appassionata ed illuminante.
Non resta che un senso di appartenenza ad un gruppo ristretto, il proprio, in cui ci si riconosce pur rischiando di perdersi, inseguendo un’ idea stravagante o una pista sbagliata e pericolosa, una cerchia adolescenziale che condivide attimi e sentimenti, esperienze ed inesperienze, ideali più o meno giusti, accomunati dalle stesse manchevolezze, da voci nel silenzio, e da un desiderio di unicità che tracci una via ed una essenza ancora da definire.
Riecco il fallimento di una società ( adulta ) che continua ad interrogarsi sulla evidenza ( in alcuni casi terribilmente drammatica ) ma che non ha risposte da darsi ( solo giustificazioni ) ne’ riesce a comprendere l’ origine dei fatti, incolpando e condannando un mondo ( che pure esiste ed ha colpe specifiche ) lontano e pericoloso che solo in parte tocca la propria storia. Si individuano così nemici spesso inesistenti mettendo a tacere la voce della coscienza ed una sconfitta manifesta, proprio nei luoghi che sarebbero deputati a dialogo, empatia, educazione, ascolto, indirizzo.
In fondo questo è il monito, semplicemente complesso ma di somma importanza, ed il grido smorzato e silente ( da parte dei ragazzi ) è la ricerca di un senso, la condivisione, l’ abbandono, il desiderio, il potere dei sogni, l’appartenenza .
Al momento, ahimè, negli occhi del protagonista, solo una visione incerta e tutta da definire, il presente, racchiuso tra mare, cielo e stelle, lontano da tutto il resto….

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli affamati e i sazi
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri