Narrativa italiana Romanzi La signora di Ellis Island
 

La signora di Ellis Island La signora di Ellis Island

La signora di Ellis Island

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La storia di Giuseppe è la storia di ogni uomo che ha il coraggio di deviare la rotta del proprio destino. Una saga che attraversa un secolo di storia. È il 1902 e molti italiani partono a cercare fortuna in America. Anche Giuseppe, ventun anni, figlio maggiore di una famiglia contadina dell'Aspromonte, lascia tutto quello che ha e attraversa l'oceano, con la promessa di tornare. Sbarcato a Ellis Island, non supera le visite di controllo e viene isolato in attesa di essere rispedito indietro. Ma gli appare una signora vestita d'azzurro e con un bimbo in braccio, che gli spalanca le porte dell'America. Dopo cinque anni nell'aria viziata delle miniere e delle fonderie, Giuseppe torna in Calabria. La convinzione di aver ricevuto un miracolo lo scorta per l'intera vita e guida ogni sua decisione. L'incontro con la signora di Ellis Island cambia inaspettatamente le sorti di tutta la famiglia.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.9
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
5.0  (2)
Piacevolezza 
 
5.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
La signora di Ellis Island 2012-05-28 08:39:23 Brenno
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Brenno Opinione inserita da Brenno    28 Mag, 2012
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un capolavoro. Lo spaccato di 50 anni d'Italia.

Una sorpresa incredibile questo libro. Anzi quest'opera, perchè abbraccia il lettore, lo trascina in pura poesia, fà vibrare cuore anima fino all'ultima pagina.
Uno spaccato dell'Italia dei primi del 900, mezzo secolo di storia di una famiglia del sud Italia. Le pene, il riscatto, la voglia di uscire dall'immutabilità.
Un'opera straordinaria, scritta in maniera perfetta. Dove ogni personaggio entra nel cuore e difficilmente uscirà. Un'opera che mi porterò dentro, per il sublime raccontare del riscatto, della sofferenza, della paura e delle ambizioni.
Gangemi scrive un'opera unica, anche nello stile perfetto, nel ritmo impostato perfetto. Nella caratterizzazione dei luoghi, dei personaggi, tutto semplicemente perfetto.
Difficilmente si arriverà a leggere qualcos'altro di pari spessore ed intensità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Consigliato e basta, un capolavoro
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
La signora di Ellis Island 2011-10-31 17:57:49 Rosanna
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Rosanna    31 Ottobre, 2011

La bellezza di una saga

Il libro di Mimmo Gangemi è memoria storica e affettiva, riscoperta delle radici ed evocazione di profumi e ricordi dimenticati che i più fortunati di noi attingono dai racconti familiari, quando attenti ascoltavamo meravigliati e stupiti la sapienza, la saggezza e l'esperienza dei nonni, i tanti Giuseppe emigrati alla Merica o altrove per fuggire la miseria di una vita avara e rincorrere il sogno di un domani migliore da acquisire col denaro risparmiato sopravvivendo ai margini più infimi della società, in paesi sconosciuti, civiltà con usi e lingue incomprensibili, terre il cui miraggio di ricchezza diveniva realtà per pochi, il cui benessere era prerogativa degli indigeni non certo degli ultimi, gli immigrati sprofondati nelle mimiere, condannati ad esistere in quanto forza lavoro, braccia, entità amorfe senza diritti, in un susseguirsi di giorni sopportabili soltanto grazie alla memoria e al sogno del ritorno a casa. E' bello il libro di Gangemi. Non solo perchè è ben scritto, non soltanto perchè a tratti rasenta la poesia umanamente più intima. E' bello perchè è tangibile il lavoro immane e ben riuscito che c'è dietro. E' bello perchè racconta sapientemente una storia che ci appartiene, perchè mostra la dignità, la fede, il coraggio, la disperazione, la forza, la speranza, il senso forte delle radici, il nucleo familiare come rifugio, dedizione, responsabilità, affetto primigenio e istintivo, vissuto senza enfasi. E, senza enfasi, ed è un ulteriore merito, è raccontata e vissuta la fede profonda sulla quale il protagonista poggia le proprie certezze e i propri dubbi. Una fede pulita, arcaica, scevra dai consueti orpelli da ironica superstizione, protagonista, essa stessa, dell'opera e guida quasi velata, non ingombrante del cammino compiuto da Giuseppe e , attraverso lui, dalle generazioni successive. Persino la trincea, la morte infantile, il distacco dei figli, sono narrati con la naturalezza e la maestria chi chi non ha bisogno di enfatizzare perchè ha il dono di una scrittura sapiente che emoziona chi legge. Perchè chi legge riesce a vedere i colori del mare, a guardare la possanza degli ulivi, a sentire il profumo dell'olio, la fragranza della terra, l'olezzo della miseria, la protervia di una borghesia destinata a finire, il dolore della perdita, lo sconforto del dubbio, la bellezza del paesaggio, l'umiltà di personaggi la cui dignità abbiamo smarrito, spesso proporzionalmente al raggiunto benessere al quale essi anelavano.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
91
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

In tua assenza
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La banda dei colpevoli
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La mappa nera
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La quarta profezia
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La vita paga il sabato
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Obscuritas
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli avversari
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Le sorelle Lacroix
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultimo figlio
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Questo post è stato rimosso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
I killeri non vanno in pensione
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Voci in fuga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Domani e per sempre
Nova
Sonetaula
L'alba sepolta
Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Il Duca
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Ritratto di donna