Narrativa italiana Romanzi Le stelle non sono lontane
 

Le stelle non sono lontane Le stelle non sono lontane

Le stelle non sono lontane

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La trama e le recensioni di Le stelle non sono lontane, romanzo di Candida Morvillo edito da Bompiani. Carmela è una ragazza calabrese, povera e ambiziosa, che sogna di diventare una star televisiva e che lascia la famiglia e cambia nome (diventando Astrid) per realizzare il suo sogno a Roma. Il romanzo segue la protagonista nel corso di tre giornate decisive: quella dell'attribuzione dei ruoli nei palinsesti tv, quella della festa di compleanno del potentissimo "presidente" (politico e re delle feste e della televisione) e quella della crisi definitiva di Astrid/Carmela di fronte ai compromessi decisivi e più umilianti cui il mondo dello spettacolo la costringe. Accanto alla protagonista, altri personaggi parte dell'universo umano discutibile che si muove intorno al mondo della tv: due donne, la volgare Gloria Green, ormai a fine carriera, che finirà per trionfare sulle rivali e la giovane e disperata contessina Beatrice Saint Bon di Moncada; e Giangi - un ricco cripto-gay, che per anni si vanta delle sue conquiste femminili. Passando di esperienza in esperienza, Astrid volge dall'entusiasmo al disgusto: forse avevano ragione i suoi genitori, con la loro dura vita di fatiche e piccole autentiche felicità...



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.0  (1)
Contenuto 
 
2.0  (1)
Piacevolezza 
 
3.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Le stelle non sono lontane 2014-04-23 09:31:58 LuigiDeRosa
Voto medio 
 
2.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
3.0
LuigiDeRosa Opinione inserita da LuigiDeRosa    23 Aprile, 2014
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Cenerentola e il caimano

"Il Cerchio è chiuso". Ho pensato a questo dopo aver letto il romanzo di Candida Morvillo. "Il cerchio " ha cominciato a tratteggiarlo nel 2008 Roberto D'Agostino con il suo "Cafonal", con foto e boutade taglienti, infatti, il "Dagospia" nazionale ha svelato quello che si sussurrava accadesse nei palazzi romani. Il potere più becero celebrava sè stesso "attovagliato" s'ingozzava in feste popolate da parvenù, donne rifatte, traffichini d'ogni genere, imprenditori in cerca di politici e politici saltimbanchi. Nel 2013 poi è giunta negli scaffali delle librerie "La Grande Bellezza",Jep Gambardella, erede del Divo Giulio e Tony Pagoda, ha impersonato, grazie al genio di Paolo Sorrentino, il totale disfacimento di una società che ormai è sul baratro, basta un alito di vento in più e i castelli di sabbia e quelli di "rabbia" che la compongono cadranno giù come la Lehman Brothers. Una società che ha superato il complesso di Edipo non assassinando più il padre, ma abbandonandolo davanti alla TV con la badante straniera a rincoglionirsi di affari e pacchi, così da obliarne anche la memoria, perchè l'ha trasformato in un sepolto vivo.
L'Italia di Jep Gambardella non ha più una guida di spessore morale, mi viene in mente un Alcide De Gasperi. E' una società liquida come dice Bauman, e in quest'acqua stagnante stiamo affogando tutti. L'Astrid/Carmela di Candida Morvillo porta sulla scena la donna che arranca dietro l'uomo di potere, annaspa in sogni di successo facile facile fatto delle mille luci degli studi televisivi e del glamour haute couture. La ragazzina calabrese che ha provato la fame vera aspira alla fama che sazia, ma comprende subito che l'Italia "velina e briatora" di oggi non è paese di principi azzurri, al massimo di Barbablù cripto gay e Papuzzi sessisti che "si credono potenti e non sanno che il potere è sempre in prestito".
Il testo della Morvillo è scorrevole, trovo apprezzabile la scelta di non ricorrere a quegli odiosi anglicismi, glam, must, gloss etc che spesso chi, come lei che ha lavorato nelle redazioni dei magazine, adopera a piene mani per descrivere il mondo delle starlette appesantendo così il tessuto narrativo. Ho trovato assai indovinato anche l'uso dei vezzeggiativi , papuzzo, puffino, Giangi etc che rendono più verosimile il mondo dell'effimero, questa "fiera delle vanità" di inizio Secondo millennio ricostruita nel romanzo. Non è più il tempo delle Anna Karenina, nè delle Teresa Raquin o Madame Bovary, oggi le eroine letterarie si chiamano Andrea Sachs e Miranda Priestley , il mondo ha scelto di avere e non di essere, veste decisamente Prada, come il diavolo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri