Narrativa italiana Romanzi Lezione di nuoto
 

Lezione di nuoto Lezione di nuoto

Lezione di nuoto

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Estate 1920, Saint-Coulomb, Bretagna. La scrittrice Colette trascorre le vacanze in una casa sul mare, vicino a Saint-Malo. L’accompagna un gruppo di amici, intellettuali e scrittori come lei. Le giornate scorrono pigre tra gite in auto, giochi sulla spiaggia, cene, conversazioni, partite a carte. Libera, anticonformista, anticipatrice dei tempi, Colette è forte, curiosa della vita, trasgressiva, e domina, a volte anche con gesti di crudeltà, sugli altri. Così è dispotica, anche se per amore, nei confronti dell’amica-segretaria Hélène Picard, che vessa e strapazza più che altro per proteggerla da se stessa e dalla depressione, e si comporta duramente con la figlia Bel-Gazou, di otto anni, scatenata e ribelle. Colette ama soprattutto perdersi in lunghe nuotate, che le ricordano l’infanzia, quando nuotava in compagnia del padre. Per lei il contatto con l’acqua è piacere e voluttà. Ed è durante questa vacanza che decide di insegnare a nuotare a Bertrand, figlio del suo secondo marito, Henry de Jouvenel, un sedicenne alto e magro, affascinante nella sua timidezza, lettore vorace, ma che detesta Chéri, il romanzo di Colette che sembra anticipare lo svolgimento della loro storia.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Lezione di nuoto 2013-11-17 11:06:40 giuse 1754
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
giuse 1754 Opinione inserita da giuse 1754    17 Novembre, 2013
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Lezione di nuoto e d'amore


Valentina Fortichiari ha collaborato con diverse case editrici soprattutto come saggista, approfondendo in particolare Guido Morselli e Zavattini. Ultimamente ha diretto l’ufficio stampa di Longanesi, lasciato pochi mesi fa per dedicarsi completamente agli studi e alla scrittura.
La sua prima opera narrativa è il romanzo “Lezione di nuoto”, ed. Guanda, a metà tra la biografia della scrittrice francese Colette (Saint-Sauveur-en-Puisaye, 28.1.1873- Parigi, 3.8.1954) e l’invenzione narrativa.
Più in particolare l’autrice racconta di una vacanza estiva nella casa di Rozven, in Bretagna, dove Colette ha riunito alcuni amici, artisti e intellettuali che trascorreranno la fredda estate bretone con lei, la segretaria Hèlene, la figlia Colette Bel-Gazou e Bertrand, figlio sedicenne del suo secondo marito.
Colette si occupa della cucina, del lavoro con l’amico Leopold, della vivacissima figlia (poco), e di scuotere più o meno affettuosamente l’infelice Hèlene, che scrive poesie e si strugge nell’infelice amore per Francis, lì presente con la legittima moglie.
Soprattutto si prende cura di Bertrand, organizza la sua educazione letteraria, gli dà lezioni di nuoto (disciplina in cui Colette eccelle, come d’altronde l’autrice) e soprattutto lo inizia all’amore con una relazione quasi incestuosa e “scandalosa” per la differenza d’età.
La prosa è raffinatissima e pulita, il tratteggio dei personaggi efficace. Ottimo il lavoro di cesello e limatura, ma, a volte, la troppa pulizia nuoce all’amore.
Alla presentazione del libro l’autrice ha tenuto a sottolineare che ha cercato di descrivere le scene d’amore senza scadere nella volgarità e devo dire che ci è riuscita fin troppo bene.
Colette nella realtà è stato un personaggio talmente disinibito e individualista da andare oltre la liberazione femminile e il femminismo, che è passato da relazioni eterosessuali e tre mariti a rapporti omosessuali (famoso quella con la contessa “Missy” che le donò la tenuta di Rozven, dove si svolge la vicenda narrata) ed effettivamente non si è fatta mancare la perla della relazione con un minorenne, come ci narra la Fortichiari. Questa relazione durò ben cinque anni e si risolse quando Bertrand si innamorò di una ragazza della sua età.
Qualche approfondimento dei sentimenti, per forza di cosa contrastanti e conflittuali, di un rapporto tanto anomalo ed eventualmente qualche cenno di sano ed esplicito erotismo avrebbero potuto delineare meglio il carattere di questa affascinante donna molto sopra le righe. Tanto che, alla fine del libro, che peraltro si chiude con un piccolo colpo di scena, rimaniamo con un certo senso di incompiutezza,…come se ci fossimo fermati al petting.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Lezione di nuoto 2010-11-27 12:06:37 rebeccarordeel
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
rebeccarordeel Opinione inserita da rebeccarordeel    27 Novembre, 2010
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le acque gelide della Bretagna aprono il cuore

Una donna che ama le parole e l’acqua nello stesso modo viscerale: è Colette, scrittrice coraggiosa e anticonformista. Un soggiorno sulla costa magica della Bretagna, i colori sfavillanti, i profumi delle erbe, la magia di un piccolo consesso di amici intellettuali: cornice perfetta per la nascita di una passione oltre tutte le convenzioni.

“Ho trovato nel Salento un posto da cui guardare il mare e desiderare solo di nuotare e di scrivere.”
Così mi racconta Valentina Fortichiari, autrice di “Lezione di nuoto” edito da Guanda lo scorso anno, e a me fa venire in mente la Bretagna, luogo in cui è ambientato, appunto, questo libro: non certo per la somiglianza fisica dei luoghi (non potrebbe forse esserci lontananza più grande tra il freddo nord della Francia e la terra rovente del nostro sud Italia) quanto, piuttosto, per un amore, comune all’autrice e a Colette, che di questo racconto è protagonista indiscussa, quello per l’acqua. La Fortichiari, nuotatrice agonistica ai tempi, e Colette, esperta conoscitrice del potere liberatorio di questo elemento, che decide di invitare il figlio di primo letto di suo marito a trascorrere una vacanza con lei e con il suo gruppo di amici letterati proprio nella sua casa sulla costa bretone.
Il romanzo (è il 1920 e siamo nella villa di Rozven in Bretagna, lasciata a Colette dall'amica Missy) apre uno squarcio sull’inizio di quello che diventerà poi un lungo rapporto di passione e d’amore: Colette insegna a Bertrand a nuotare e, sciogliendo con sapiente maestria quel nodo di insicurezza e di timorosa reverenza che tiene avvinto il giovane cuore di lui, lo lega in un coinvolgimento che parte dal contatto dei corpi nell’acqua e arriva alla mente nell’innamoramento per la parola scritta.
In quella mitica vacanza, sotto il riverbero del sole e circonfusi dagli aromi della cucina di Colette, anche la compagnia di intellettuali e artisti contribuisce a disvelare sentimenti estremi, come quello della piccola figlia di Colette, sempre in cerca di attenzione da una mamma che sembra non avere abbastanza energie anche per lei, come quello della fedele segretaria e amica di Colette, consumata in un amore senza speranza, e infine come quello dell’autrice per lo spazio acquatico, concentrata, allo stesso modo, nel movimento fluido del nuotare e dello scrivere.
Non tragga in inganno la raffinatezza nell’uso della lingua: la Fortichiari ci mette a parte di passioni forti e vitali, senza riserve, seppure con grande eleganza. Il libro si legge d’un fiato, alla riscoperta di un personaggio oggi un po’ trascurato come è quello di Colette, il cui coraggio e la cui forza meritano invece la giusta considerazione, e ci chiama al diritto di amare e di volere tutto. Salvo poi pagarne le conseguenze.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri