Narrativa italiana Romanzi Nebbia e cenere
 

Nebbia e cenere Nebbia e cenere

Nebbia e cenere

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Bruno guida lo scuolabus, lucido e metodico, e non passa mai dalle parti della vecchia casa di famiglia, bruciata per un misterioso incendio dove è morta sua sorella Anna, che tutti in paese chiamavano 'l'indemoniata'. Bruno ha un dolore, Serena, la ragazza che l'ha lasciato, e che lui continua a cercare, seguendo le tracce del suo successo nel mondo. Bruno ha molti amici, i bambini e le bambine che porta sull'autobus, come Francesco, Martina, Christian e Chiara, e attraverso loro rivive la sua infanzia. Bruno riesce a vedere bene la strada, anche nella nebbia. Ma c'è qualcosa che Bruno non riesce assolutamente a vedere, e che può travolgere tutto, anche i suoi piccoli amici, se qualcuno non riuscirà a fermarla.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Nebbia e cenere 2014-10-09 14:12:23 Donnie*Darko
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Donnie*Darko Opinione inserita da Donnie*Darko    09 Ottobre, 2014
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Nebbia nella mente

E' sempre quella provincia in apparenza accogliente e gioviale, lontana dalla frenesia cittadina, a far da sfondo alle storie di Eraldo Baldini. L'autore in questo caso si spoglia delle tanto care atmosfere soprannaturali per comporre un thriller dell'anima, in cui analizza alla perfezione, con logica e credibilità, l'ossessione di un uomo, uno come tanti.
Non è uno stolto ma un intellettuale mancato, lavora come autista di scuolabus in un piccolo paese dell' entroterra romagnolo svolgendo alla perfezione il compito assegnatogli.
Bruno il suo nome, deluso dalla vita senza darlo (troppo) a vedere, si macera dentro lungi dall' accettare i fallimenti di cui è responsabile.
Un' aurea funesta sembra accompagnarlo di continuo negandogli il diritto alla felicità mentre l'amatissima Serena continua a balenargli in testa, divenendo panacea illusoria e morbosa dei suoi tanti affanni. Ma la giovane lo ha scaricato da tempo, se ne è andata cercando fortuna altrove.
Gli restano solo i bimbi come amici, simboli di un momento in cui il rammarico e la nostalgia sono sentimenti ignoti o quasi. Il suo è un isolamento inconsapevole da un mondo adulto che l'ha ferito da ragazzino ed ora, cresciuto a tutti gli effetti con quel cuore spezzato che continua a sanguinargli nel petto, sembra prendere le distanze da qualcosa che continua a ritenere incomprensibile.
La nebbia lo circonda, lo intossica, ne ottunde i sentimenti per alcuni periodi, quando la foschia si dirada l'angoscia prende il sopravvento rischiando di ridurre in cenere l'affetto guadagnatosi negli anni da parte di quella piccola comunità chiassosa e scatenata.
Baldini lascia parlare in prima persona il protagonista; ne esce un ritratto preoccupante, in disfacimento, ossessionato dalla mancanza di un amore ritenuto suo di diritto.
Il romanzo trasuda solitudine ma anche un'ironia tipica dell'autore: soprattutto la prima parte è piuttosto scanzonata per poi trascendere in toni dark all'interno dei quali l'autore si immerge mediante una prosa ipnotica, quasi sorniona, tanto da sfiorare il tedio nella parte centrale.
L'epilogo -accettabile seppur pronosticabile con largo anticipo- sembra eccessivamente repentino.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
Nebbia e cenere 2008-11-11 03:48:03 kabubi81
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da kabubi81    11 Novembre, 2008

Tra la nebbia padana..

La storia di Bruno, autista di scuolabus trentenne, alle prese con i problemi dei bambini che porta ogni giorno a destinazione, ma soprattutto con i propri... in particolare con un' inquietudine di fondo che non lo abbandona mai da quando invece l' ha fatto la sua adorata Serena, e che lo porterà su una strada senza ritorno... Il libro è scritto bene e il protagonista è a suo modo affascinante... peccato per il finale, che mi è sembrato un po' tirato via, e per il non aver approfondito abbastanza le storie di alcuni personaggi secondari... Comunque piacevole.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Caffè corretto
L'appartamento del silenzio
Lingua madre
Per sempre, altrove
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Le mogli hanno sempre ragione
Ellissi
Nonostante tutte
La meccanica del divano
Conservatorio di Santa Teresa
Beati gli inquieti