Narrativa italiana Romanzi Non è vero che non siamo stati felici
 

Non è vero che non siamo stati felici Non è vero che non siamo stati felici

Non è vero che non siamo stati felici

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Si smette di essere figli quando si intraprende la carriera del genitore. Eppure mai come in quel momento si ha bisogno della mamma: per sapere come si fa a diventarlo a propria volta, o forse più semplicemente per non sentirsi troppo soli. E se la mamma non c’è più perché la morte ha tolto la sua carta dal mazzo, sfilarsi dall’infanzia per crescere tre bambini diventa un’avventura. Ambientato tra la Versilia degli anni Ottanta e Novanta, Cracovia e Berlino, Non è vero che non siamo stati felici racconta, con rara incandescenza emotiva ma anche con divertita poesia, uno scombinato apprendistato. Quello che la protagonista mette in scena è una sorta di piccolo circo che si sposta per l’Europa: ha due cani (due bracchi ungheresi) e tre bambini, chiamati Gauguin, Scoiattola e Caravaggio. Non c’è cartellone, ogni sera s’improvvisa. A lei − che si rivolge per scritto alla madre, non potendole parlare − tocca il compito di scegliere il luogo e montare il tendone. Soprattutto, le tocca il numero di magia più spericolato: convincere i bimbi che il mondo sia un bel posto, a dispetto della nostalgia che le tormenta il cuore. Heimat, dicono i tedeschi, è il posto da cui si proviene e a cui si apparterrà per sempre. È quello il luogo che, viaggiando di stato in stato e di lingua in lingua, la piccola comunità di questo romanzo ha messo come nord alla sua bussola. Per poi rendersi conto, banalmente, che non è la geografia a dare la risposta. Heimat è la mamma: non c’è altra provenienza originaria, e dunque non c’è altra possibile destinazione. Non è vero che non siamo stati felici è una lunga lettera − disperata, folle, sorprendente, magica − a una madre mai morta. Perché, si potrebbe dire, una mamma non muore mai: non è certo il destino, con i suoi scherzi puerili, a farci diventare orfani.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Non è vero che non siamo stati felici 2020-04-02 16:22:06 Mian88
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    02 Aprile, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ella.

«Se guardo avanti vedo l’orizzonte alla mia altezza, è solo molto lontano. Ho imparato anche a non avere paura di guardare avanti, di pensare al futuro. […] Negli anni in cui non ero capace di alzare lo sguardo e cercarlo, lui mi teneva sempre sott’occhio. È il mio orizzonte, che altro deve fare se non starmi attaccato. Come la mia direzione, lei sa dove sono io, sono io che non la riconosco e il giorno in cui riuscirò a prenderla ci incontreremo e mi dirà Finalmente. Forse. Quindi, oggi, se durante questo tragitto mi dovesse capitare di trovare la chiave allora saprei dove andare se forse scomparirebbero anche il lago e il bosco, chissà se forse anche di loro non rimarrebbe soltanto una cicatrice, un tatuaggio e con una toppa addosso a memoria di un percorso compiuto comincerei la Vita Nuova. Perché non è vero che non siamo stati felici e in ossequio al passato riconoscerei anche a quella toppa una mano di crema ogni mattina, toccandomi con queste dita lunghe e ossute, così simili alle tue.»

Non è vero che non siamo stati felici, mamma. Non è vero che non abbiamo abitato il nostro reciproco cuore. Non è vero che quella carta che è stata sfilata dal mazzo ha significato una fine definitiva. Non è vero che il lutto si supera così, dall’oggi al domani. Non è vero che andare avanti è facile. Non è vero che restare lo sia altrettanto. Non è vero che chi resta dimentica. Chi resta sanguina. Chi resta deve fare i conti con quel vuoto, con quella struggente malinconia, con quella perenne nostalgia. Deve trovare le proprie scarpe per camminare in quel mondo così uguale allo ieri, eppure così diverso. Per insegnare, per trasmettere, per dedicare una luce a quei figli affinché possano vederlo quale un bel posto. E allora parti. Parti per l’Europa, scrivi le tue lettere perché non hai altro modo per parlare con lei, monti la tua tenda. Ti sposti tra la Versilia degli anni Ottanta e Novanta, tra Cracovia e Berlino. E cerchi. Cerchi di vincere la sua assenza per colmarla con nuova essenza. E proprio per questo fuggi. Fuggi perché è più facile, fuggi perché devi recidere quel cordone ombelicale. Tuttavia, il dolore resta. Smetti di pronunciare alcune parole, temi di ricordare. Poi arrivano loro, i tuoi figli. Arrivano i libri. Arriva lo studio. Arriva la scrittura. E il dolore che ancora c’è perché il dolore non se ne va mai, smette di fare paura. Adesso puoi affrontarlo. Adesso puoi reimparare a respirare. Adesso puoi provare a stare in equilibrio. Un nuovo equilibrio. Trovi la tua chiave. Quella che apre tutte le serrature e che al contempo ha il potere di chiuderle.
E scrivi, butti giù, esterni. In un flusso di coscienza poetico e pieno di metafore, con uno stile disincantato che è intriso di rabbia, di dolore, di impotenza, ma che è anche ironico e che sa ricucire il ricordo e tenerlo vivo. Uno stile che si evolve, muta, che è impregnato di emozione allo stato puro e che per questo può non essere semplice da leggere perché da quell’emozione sei completamente travolto. Ed è giusto che sia così. Ed è giusto che ella viva.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
A tutti coloro che hanno vissuto una così grande perdita, a tutti coloro che cercano un romanzo che sia emozione.
Trovi utile questa opinione? 
180
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
La città dei vivi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri