Narrativa italiana Romanzi Non luogo a procedere
 

Non luogo a procedere Non luogo a procedere

Non luogo a procedere

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Claudio Magris si confronta con l’ossessione della guerra di ogni tempo e paese, quasi indistinguibile dalla vita stessa: una guerra universale, rossa di sangue, nera come le stive delle navi negriere, blu come il mare che inghiotte tesori e destini, grigia come il fumo dei corpi bruciati, bianca come la calce che copre il sepolcro. «Non luogo a procedere» è la storia di un grottesco Museo della violenza, delle sue sale e delle sue armi ognuna delle quali racconta vicende d’amore e delirio, e dell’uomo che sacrifica la vita alla sua maniacale costruzione; è la storia di una donna erede dell’esilio ebraico e della schiavitù dei neri; è la storia del mistero di un delitto rimosso tra le mura del forno crematorio nazista della Risiera di San Sabba, a Trieste. Magris racconta così l’epos travolgente di tragedie, colpe, silenzi dell’amore e dell’orrore.



Recensione della Redazione QLibri

 
Non luogo a procedere 2015-11-01 20:49:21 Rollo Tommasi
Voto medio 
 
2.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
2.0
Rollo Tommasi Opinione inserita da Rollo Tommasi    01 Novembre, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Racconto di armi e di inermi

“La morte si addice ai musei. A tutti, non solo a un Museo della Guerra. Ogni esposizione – quadri, sculture, oggetti macchinari – è una natura morta e la gente che si affolla nelle sale, riempiendole e svuotandole come ombre, si esercita al futuro soggiorno definitivo nel grande Museo dell'umanità, del mondo, in cui ognuno è una natura morta. Facce come frutta staccata dall'albero e poggiata recline su un piatto.”

La morte, esibita, può togliere alla morte stessa i suoi adepti?
E' l'ossessione di un personaggio indicato nel romanzo semplicemente con il pronome “lui”: nei suoi magazzini ha collezionato strumenti di morte (dalle asce degli indigeni Chamacoco ai sistemi di puntamento delle testate nucleari); ha trascorso persino il viaggio di nozze a scavare con il piccone nei campi dove si era combattuta la guerra di trincea del primo conflitto mondiale, disseppellendo elmetti e vecchi fucili. Con il preciso intento di farne un museo della guerra, dove possano materializzarsi gli orrori, le follie, gli eccidi, le sofferenze, e tutto attraverso i metalli, i legni, tutti quei materiali che hanno preso forma di morte, perché quella forma è stata loro data dall'uomo.
Poi, una sfortunata notte, buona parte dei magazzini salta in aria, e lui con essa.
E' Luisa a proseguire quel visionario progetto pacifista: il Museo della guerra, contro ogni guerra. Luisa che ha a che fare in qualche modo con la guerra – anche lei – portando in eredità tradimenti e rancori della terra friulana martoriata dall'occupazione nazista...

Claudio Magris parte dalla reale figura di un professore triestino – come spiega nella nota a margine del volume – e dal progetto di un Museo della guerra, che condurrà lo stesso (nel 1974) alla rocambolesca morte raccontata nel romanzo.
Il resto della storia è unicamente frutto di fantasia, compresa la figura di Luisa.
E' una storia composita, in cui si alternano – e si compongono nel comune denominatore delle guerre di diversi tempi e luoghi – frammenti della storia di Luisa, della storia di “lui”, e della Storia. Tra questi ultimi, assume peso preponderante quanto accaduto alla Risiera di San Sabba (uno dei lager nazisti in Italia, a Trieste, dove vennero eliminati numerosi prigionieri politici ed ebrei).
Il punto debole di questa lettura “alta” e complessa sembra essere proprio nel modo di richiamare così tante storie: la scelta dell'erudizione – sfoggiata nella sostanza e nella forma del libro – ruba spazio all'immediatezza del racconto e alla possibilità di leggere in unica successione i diversi episodi di orrore che si sono svolti a latitudini lontanissime tra loro. Un'idea di partenza così importante avrebbe meritato un racconto più emozionale: l'orrore della guerra va assorbito attraverso il senso di nausea. Il tentativo di proporlo alla testa del lettore ha in sé il pericolo di tenere quest'ultimo a distanza.

“ La guerra c'entra poco con l'odio, nessuno dei due ha bisogno dell'altro. Bombe cadono sulla testa di gente che non si odia affatto, tant'è vero che a guerra finita quelli che le tiravano e quelli che le prendevano in testa si stringono la mano e ci si ritrova nelle nostalgiche riunioni dei commilitoni ex nemici anche a nome di chi è caduto, si scopron le tombe, si levano i morti e si danno la mano. L'odio è più vero, più puro della guerra (...)”

“Comunque lui forse aveva ragione, l'infinito bene c'è, da sempre.”

Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
2.6
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
3.5  (2)
Piacevolezza 
 
2.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Non luogo a procedere 2021-05-15 18:13:53 anna rosa di giovanni
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
2.0
anna rosa di giovanni Opinione inserita da anna rosa di giovanni    15 Mag, 2021
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

p. 355: "Chi non è innocente è colpevole"

NON LUOGO A PROCEDERE di CLAUDIO MAGRIS (2015).
L’altro giorno mi è capitato di vedere l’immagine di una povera pecora vicina a soccombere a causa dell’enorme vello che nessuno negli ultimi anni le aveva tosato, e mi sono detta: “Ecco, anche questo romanzo di Magris starebbe molto molto meglio se fosse … beh, diciamo sforbiciato!”. Sì, perché gli ingredienti per un buon o persino ottimo romanzo ci sono: maestria linguistica, una storia originale, solide conoscenze storiche. Però il carico di parole e di elementi che entrano nella narrazione mi è sembrato eccessivo - cosa che non mi viene in mente di dire leggendo Hugo Balzac Zola Proust – tanto da spegnere l’emozione, come peraltro ha segnalato chi ha già espresso la sua opinione su quest’opera. O forse bisogna semplicemente essere lettori più pazienti di me.

Cosa racconta Magris in questo romanzo? Racconta, pur senza mai nominarlo se non nella Nota finale (“LUI” nel romanzo), LA STORIA (VERA) DI DIEGO DE HENRIQUEZ, però nel contesto di questa storia particolare racconta tanti altri destini legati a Trieste, la città natale dell’autore, parte, fino alla fine della Grande guerra, di un impero praticamente mondiale, quello austro-ungarico, che si estendeva dall’Europa dell’Est al Nuovo Mondo, destini che dovrebbero formare un mosaico in cui appaia che tutto è interconnesso da sempre, ma anche che tutto è guerra (però … “giocare alla guerra. Giocare per non farla” p. 36), però poi in particolare che i Triestini hanno voluto rimuovere le loro responsabilità nei confronti degli ebrei negli anni del nazifascismo. Un po’ tante cose, mi sembra, troppe per integrarsi coerentemente fra loro.

Già la figura storica di Diego de Henriquez, il protagonista, offre molta materia per farne un romanzo. Nato a Trieste nel 1909 “da una famiglia di ascendenza nobiliare spagnola e di tradizioni legate alla Marina Imperiale Asburgica” (wikipedia; vedi anche p. 28-29), fin dagli anni della Seconda guerra collezionò materiale bellico - dai panzer alle foto ai libri di guerra - in vista della fondazione, che realmente ebbe luogo dopo mille difficoltà, di un “MUSEO DELLA GUERRA PER LA PACE”, a cui egli sacrificò tempo denaro e salute. Leggendo la storia di de Henriquez nel sito del Museo, constato che Magris non si discosta dai fatti nonostante la rivendicazione della libertà di invenzione del romanziere contenuta nella Nota: realmente de Henriquez dedicò la sua vita al Museo, realmente vi fissò la sua dimora, realmente morì nell’incendio del 1974, che costituisce il finale del libro e non può non evocare il finale di “Autodafé” di Canetti anche se il senso è profondamente diverso (nel rogo di Magris muore colui che vuole testimoniare della colpa della città e con lui bruciano i taccuini coi nomi dei colpevoli). Poi è chiaro che ogni biografia richiede immaginazione. Nel caso di quest’uomo, poi, ce ne vuole parecchia ...

Per aiutare a farsi un’idea della complessità della visione di Diego de Henriquez e di come dunque Magris abbia dovuto far lavorare la sua immaginazione di romanziere per parlarne, trascrivo dal sito del Museo il passaggio seguente, perché nel romanzo “lui” esprime ripetutamente questi concetti: “Diego de Henriquez arrivò a sviluppare una concezione del tutto particolare, di non facile comprensione, e cioè quella dell’abolizione della morte e del male dal futuro e dal passato tramite lo svincolamento dallo spazio-tempo o inversione del tempo. (...) Leggendo la storia scritta si diveniva compartecipi di fatti paralleli che (...) assumevano la connotazione della contemporaneità”. Se anche si legge, sempre nel sito del Museo, come Diego de Henriquez denominò il Museo per un certo periodo (e quelle parole si ritrovano tali e quali nel romanzo), si vede bene che si tratta più di “illuminazioni” che di idee cartesiane, che Magris interpreta, giustamente a mio avviso, come visione sincretica o analogica - non so quale delle due parole è da preferire - che stabilisce paralleli fra cose apparentemente lontane fra loro, come per esempio tra una vittoria del Praga sul Borussia Dortmund e la vittoria del ceko Ziska sull’imperatore Sigismondo a Vitkov 519 anni prima (p. 129) o tra la cimice e il carro armato sovietico T-34 e tra le cimici e gli zingari e gli ebrei (p. 211-212).

Il problema, se così vogliamo chiamarlo, è che questo pensiero sincretico o analogico Magris lo fa suo sia accogliendo nel romanzo molteplici storie (per esempio quella dello scienziato praghese A. V. Fric e dell’indio paraguayano Cervuis Piosad Mendoza, quella di Otto Schimek, quella di Massimiliano del Messico, quella di Luisa di Navarrete) sia stabilendo lui stesso paralleli fra fenomeni di natura diversa, due fenomeni sopra tutti gli altri: LA SHOAH E LA TRATTA DEGLI SCHIAVI AFRICANI.

Come riesce Magris a riunire questi due fenomeni così lontani tra loro nel tempo? Mediante il personaggio (fittizio) della giovane donna incaricata di prendere in consegna da “lui”, per sistemarlo, il materiale da esporre nel futuro museo: LUISA SIMEONI BROOKS (a proposito di questo nome ho avuto anch’io la mia brava illuminazione: Vuoi vedere - mi sono detta - che Magris aveva in mente “lui+sa”? Ma vabbè, l’ho sparata lì), figlia di una donna la cui madre si salvò dal lager forse per aver denunciato altri ebrei, e di un soldato americano di colore, e quindi discendente di africani deportati in America. È lei che racconta di de Henriquez alla terza persona, ma talvolta è il cosiddetto narratore esterno o onnisciente o anche de Henriquez stesso, di cui Luisa trascrive i taccuini, autorizzata comunque a scrivere di lui dicendo “io” …

Come si vede, il discorso è fin troppo ampio se non ingarbugliato: da una parte c’è la condanna della guerra, attraverso la descrizione minuziosa e certo non neutra dei materiali bellici di ogni genere da esporre nel Museo, sala dopo sala, dall’altra parte c’è la denuncia di una realtà particolare, ossia l’ignavia, il collaborazionismo e le complicità anche postbelliche fra nazisti, Triestini collaborazionisti o semplicemente compiacenti e anglo-americani, con tanto di nomi e dettagli storici, giacchè Diego de Henriquez ricopiava per davvero le scritte che gli ebrei rinchiusi nella Risiera scrivevano sui muri e che poi furono cancellate con un’opportuna mano di calce ... Però non ho abbastanza conoscenze per dire in che misura Diego de Henriquez fosse impegnato in una sua guerra personale contro la rimozione delle responsabilità dei Triestini dopo la guerra. Ora, a proposito della sovrabbondanza di parole cui accennavo più in alto, ho avuto un dubbio maligno: non è che Magris in qualche modo voglia compensare con un profluvio di parole peraltro il più possibile icastiche (notare anche la frequenza dell’immagine della mazza) il fatto che denunci ben settant’anni dopo la guerra l’ignavia dei suoi conterranei che volsero la testa dall’altra parte o addirittura ci lucrarono quando tanti vennero rinchiusi e bruciati nella Risiera di San Sabba? Anche perchè ho avuto fin da subito l’impressione che le sue parole siano più sarcastiche che sinceramente indignate per quanto accadde in quegli anni, e che insomma l’opera non sia da lui veramente sentita, ma risponda a un suo bisogno di scrivere. Comunque sia, tornando a quanto dicevo all’inizio, è un peccato che l’autore abbia voluto mettere così tante cose in questo libro, perché le pagine in cui trova la giusta misura, come quelle del capitolo Storia di Luisa VIII, sono bellissime e ti dici : “Caspita! É proprio così, ha ragione!”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
La pelle e Kaputt di Malaparte, malgrado tutte le differenze
Trovi utile questa opinione? 
70
Segnala questa recensione ad un moderatore
Non luogo a procedere 2015-11-07 07:16:09 annamariabalzano43
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
2.0
annamariabalzano43 Opinione inserita da annamariabalzano43    07 Novembre, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ares per Irene

Ares per Irene. La guerra per la pace. Raccogliere armi e documenti di ogni genere che attestino gli orrori della guerra e con essi allestire un museo che possa divenire luogo di profonda riflessione, volta al consolidamento di una pace duratura, è il fine che si propone il protagonista dell’ultimo romanzo di Claudio Magris “Non luogo a procedere “.
È Trieste il teatro di questo racconto polifonico, Trieste, bella e offesa nella sua dignità durante l’occupazione nazista.
Dopo il misterioso incendio che porta alla morte dell’eccentrico collezionista e alla distruzione del museo, è Luisa a dover riordinare il materiale recuperato, Luisa, erede di un compito difficile e erede di realtà e esistenze drammatiche.
La brutalità della guerra, la sua spietata ferocia non risiede unicamente in quelle armi costruite per seminare morte e distruzione, ma traspare dai documenti, dagli scritti, dai graffiti lasciati dai prigionieri, ebrei, dissidenti del regime, partigiani, sui muri della Risiera di San Sabba, trasformata in prigione e lugubre forno crematorio, muri che sarebbero poi diventati sepolcri imbiancati.
Riordinare le carte è per Luisa, figlia di un’ebrea e di un sergente afroamericano approdato a Trieste nel momento della liberazione, erede dunque di una duplice emarginazione, occasione per ripercorrere momenti felici della sua infanzia e ricostruire parte della vita di sua madre e di sua nonna Deborah e rielaborarne il doloroso segreto. Sì perché il dolore non è generato solo dalla perdita e dalla mancanza, il dolore nasce anche dalla conoscenza e dalla consapevolezza che una vile debolezza può trasformarsi in tradimento o delazione. La verità si radica nei pensieri di Luisa, come si era radicata nella mente di sua madre.
Ma la guerra è anche questo. La paura è un sentimento talmente umano e comprensibile, che può portare a comportamenti ignobili. Se non perdonare si può comprendere.
Certamente il pathos che traspare nei bellissimi capitoli dedicati a Luisa è raggelato dall’alternanza con i documenti riguardanti la descrizione delle armi o con gli episodi relativi ai Chamacoco e a Luisa di Navarrete. Anche queste storie nella storia raccontano, tuttavia, di minoranze perseguitate, di vita e di morte, di sangue e passione.
È sempre Trieste, comunque, con il suo lungomare che per molto tempo conservò l’odore delle ciminiere della Risiera, con il suo bellissimo castello di Miramare che aveva ospitato Massimiliano d’Asburgo, ma che fu sede dei festeggiamenti per il compleanno di Hitler, è Trieste sullo sfondo e in primo piano al tempo stesso. Per parlarne con dolore, con amore, con speranza. Nonostante si sia concluso tutto con un “ Non luogo a procedere”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri