Narrativa italiana Romanzi Ognuno potrebbe
 

Ognuno potrebbe Ognuno potrebbe

Ognuno potrebbe

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Perché la parola "io" è diventata un'ossessione? Giulio non lo sopporta, e soprattutto non lo capisce. Si sente fuori posto e fuori tempo. Ma di questa sua estraneità non si compiace: sospetta di essere un "rompiballe stabile", come lo definisce la fidanzata Agnese. In un'imprecisata pianura che fu industriale e non è quasi più niente, Giulio si aggira in attesa che qualcosa accada. Per esempio che qualcuno gli spieghi a cosa servono, se non a perdersi meglio, le rotonde stradali; o che qualcuno compri il capannone di suo padre, che fu un grande ebanista. Ognuno potrebbe è il rimuginare sconsolato e comico di un vero e proprio eroe dell'insofferenza. Un viaggio senza partenza e senza arrivo che tocca molte delle stazioni di una società in piena crisi. Nella quale la morte del lavoro e della sua potenza materiale ha lasciato una voragine che il narcisismo digitale non basta a riempire.

Recensione della Redazione QLibri

 
Ognuno potrebbe 2015-11-05 19:01:37 Mian88
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    05 Novembre, 2015
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Io. Io. Io.

Giulio Maria, figlio di Giulio e di Maria, ha trentasei anni è un antropologo ricercatore che fa parte di un gruppo che si occupa dello studio dell’esultanza dei calciatori. Il suo è un contratto a termine, una specie di dottorato ma non proprio un dottorato, una borsa di studio che di fatto proprio borsa di studio non è, così come non è un master, uno stage o un tirocinio. Settecento Euro al mese per circa due anni sono il suo guadagno e a questi si sommano i risparmi – sempre più esigui – di famiglia. Fidanzato con Agnese da più di 4 anni, che quasi sembra aver instaurato una relazione con l'egofono più che con il giovane tante sono le chiamate, whattsappate, messaggiate che la stessa intrattiene con tutti tranne che con il compagno, l'uomo vive in mezzo ai tanti, è un ragazzo invecchiato senza arte né parte, con ancora l'indefinitezza di un giovane e già con la disillusione di un anziano, insoddisfatto e indifferente in quel mondo di futilità.
Non riesce a darsi una spiegazione Giulio dei tanti perché che giorno dopo giorno dettano i ritmi di quella società smembrata, lapidata, derubata, arraffata da quei ladri che oggi accusano col medesimo epiteto altri loro simili, altre e alte istituzioni, pur di non prendersi la responsabilità delle cose.
Perché la parola “io” è diventata più importante del noi? Perché ognuno si sente in dovere di fare spettacolo del proprio vivere, narrando, ostacolando, sommergendo con le proprie parole, con il proprio ciabattare le esistenze degli altri? Perché l'ognuno ha perso di significato? Perché il lontano sta diventando più importante del vicino tanto che conta più intrattenere una relazione di qualsiasi genere con una persona a Timbuctù che con quella che abbiamo al nostro fianco? Perché l'apparenza è divenuta legge e i valori si sono persi nei meandri di un non luogo senza dove e senza quando? Perché a tutto ciò gli uomini sono indifferenti e apatici?
Queste sono solo alcune delle domande che Michele Serra, tramite la voce di Giulio, sussurra al lettore.
Seppur sia un romanzo di appena 152 pagine, “Ognuno potrebbe” racchiude in sé significative massime nonché spunti di riflessione. La sensazione durante la lettura è infatti quella di trovarsi dinanzi ad una fotografia, chi legge riconosce nelle affermazioni dei vari protagonisti, nelle circostanze narrate, esperienze appartenenti al proprio vissuto tanto che vi si ricollega con la mente, ci si sofferma.
Stilisticamente parlando lo scritto è caratterizzato da un linguaggio forbito nonché da grande acume, ironia, e sottile sarcasmo. Un libro che nella sua brevità è sinceramente dissacrante.
Con quest'ultima opera l'autore mette allo specchio l'anima della realtà odierna. E' un componimento dal quale non si resta immuni, è capace di far sorridere ma anche di smuovere chi lo tiene tra le mani.
Da leggersi un poco alla volta così da apprezzarne metafore, sfumature, colori, ilarità. Adatto altresì a tutti coloro che cercano testi di un certo spessore e contenuto.

«E quale sarebbe la sostanza della questione? Mi dice. La sostanza della questione è che il lontano sta diventando molto più importante del vicino, le dico. E siccome il vicino è la realtà materiale, e il lontano solo un'astrazione, noi stiamo facendo deperire ciò che abbiamo a vantaggio di ciò che ci illudiamo di avere. »

«La mia opinione è che ognuno dovrebbe fare un passo indietro. Da tutti i punti di vista. Anche fisicamente. Darsi un poco di spazio, e dandoselo, darne anche a chi gli sta intorno. Come c'è un frattempo tra un'azione e l'altra, così dovrebbe esserci un fralluogo tra una persona e l'altra. E come il frattempo, così il fralluogo serve a dare fiato. Un passo indietro e una parola di meno. A cominciare da me che sto decisamente parlando troppo di me stesso. »

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a chi cerca romanzi di spessore, metaforici, concreti, su cui riflettere e muniti di un linguaggio forbito come pochi di questi tempi.
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Recensione Utenti

Nessuna opinione inserita ancora. Scrivi tu la prima!

Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Assolutamente musica
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Lo stato dell'unione. Scene da un matrimonio
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Una vecchia storia. Nuova versione
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La palude dei fuochi erranti
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il treno dei bambini
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
La bambina del lago
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pittore di anime
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Rosamund
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
I testamenti
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
L'istituto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Impossibile
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima notte di Aurora
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti di QLibri