Narrativa italiana Romanzi Per nessun motivo
 

Per nessun motivo Per nessun motivo

Per nessun motivo

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Dopo venticinque anni di serena vita in comune, un fulmine si abbatte sul rapporto fra Antonio e Loredana: una lettera aperta per caso (e nascosta) da Loredana nei primi giorni del loro matrimonio, in cui Christine, l'ex fidanzata francese di Antonio, gli comunicava di essere incinta di lui. Quando Antonio ritrova la lettera non sa se odiare o comprendere la moglie per il suo silenzio, ma decide di partire per Parigi. Lì scopre che Christine è morta e sua figlia Coco ha venticinque anni e vive in un appartamento ereditato da una zia.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Per nessun motivo 2013-09-21 03:50:52 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    21 Settembre, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Non dire oggi quello che potresti dire domani…

In “Per nessun motivo” Marco Vichi, l’inventore del commissario Bordelli, abbandona per un attimo registro e copione che hanno per protagonista l’inquirente fiorentino e narra una storia a metà strada tra la commedia degli equivoci e il dramma sentimental-erotico.

Primo equivoco: Loredana ha tenuto nascosta al marito una lettera che ha intercettato nel primo anno di matrimonio. Nell’epistola ormai ingiallita Christine, l’ex fidanzata parigina di Antonio, annunciava di aver avuto una figlia da lui. Un fulmine a ciel sereno si abbatte sulla vita di Antonio (e lo incenerisce!): ha vissuto per venticinque anni sulle colline del Chianti senza conoscere la figlia. Per il pensionato, più vicino ai sessanta che ai cinquanta, non vi sono dubbi: abbandona sui due piedi l’hobby del modellismo e così – detto fatto, pronti e via - si fionda a Parigi per conoscere la figlia e assumersi le sue responsabilità.

Secondo equivoco: a Parigi, Antonio scopre che l’ex fidanzata è morta. Memore di essere scrittore di gialli, Vichi dirige il suo personaggio sulle tracce della figlia sconosciuta. Quando finalmente Antonio identifica e individua Corinne … “La prossima volta, sì. La prossima volta le avrebbe detto tutto.”… Antonio tace la sua identità, la frequenta … Ma cos’è quella strana attrazione reciproca che lega un uomo maturo a una giovane venticinquenne? Possibile che quest’ultima riconosca in lui, per istinto, il padre e decida prontamente di corrisponderlo? Antonio è terrorizzato quando capisce che l’attrazione, con il procedere della frequentazione, va assumendo un’altra sfumatura.

Terzo, quarto e quinto equivoco… Non li posso raccontare!

Ho trovato questo romanzo molto ben orchestrato: una piacevole sorpresa nella produzione di Vichi.
L’ambientazione parigina – qui fosca e malinconica – ha sempre il suo fascino.
Il tema del tempo e di un passato mobile, che si trasforma esso stesso per effetto delle esperienze successive, fanno da sfondo esistenziale al dipanarsi dell’avventura parigina di Antonio. Il senso del tempo poi si complica sotto il pungolo di un rovello: se l’avessi saputo, quale sarebbe stata la mia vita nel ventaglio delle vite possibili?
L’amore senile nelle sue sfumature – è amore paterno? O piuttosto è amore per l’idea della gioventù? O, ancora, è l’ultimo sussulto della vitalità dei sensi? – è un motivo variamente affrontato in poesia e letteratura. Il nostro autore ne fornisce un’interpretazione interessante, divertente e beffarda al tempo stesso.
L’intrigo tra vicende personali ed emozioni si infittisce sotto la regia di Vichi che – non dimentichiamolo – è scrittore di gialli. Quindi si porta appresso dimestichezza e gusto della sorpresa…

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Morte a Firenze.
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.1 (2)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri