Narrativa italiana Romanzi Poco più di niente
 

Poco più di niente Poco più di niente

Poco più di niente

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Protagonisti sono Mosè e suo fratello Enrico, lo scatenato Vanni (appassionato di pesca subacquea) e Pedro, immigrato dall'Argentina. Hanno trentanni, sono amici da sempre e hanno molta voglia di divertirsi. Vite qualunque e però piene di avventure sgangherate e divertenti, finché Enrico, improvvisato infermiere e badante, non inizia a occuparsi di Adelaide, un'anziana che, dopo essere stata rinchiusa per trentanni in manicomio, può finalmente tornare a casa propria. Quando entra nell'appartamento di Adelaide, resta sbalordito: la donna ha inciso tutte le pareti con scritte quasi illeggibili, fitte fitte: è il racconto di una vita, forse la traccia di un tesoro.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.9
Stile 
 
3.5  (2)
Contenuto 
 
4.0  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Poco più di niente 2009-06-09 00:19:11 andrea70
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
andrea70 Opinione inserita da andrea70    09 Giugno, 2009
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Vite comuni dei nostri giorni

Quattro amici alle prese con i problemi della famiglia e di un precariato lavorativo quasi costante.

Pur di trovare un lavoro uno di loro accetta di fare da badante ad una anziana donna che è stata rinchiusa in manicomio per 30 anni ed ora viene reinserita socialmente.

La situazione sociale di questi trentenni sentimentalmente respinti o depressi, economicamente "al verde" è talmente dimessa che finiscono per passare molto tempo a casa dell'anziana donna, anche incuriositi dal fatto che sui muri la donna ha inciso un'impressionante serie di graffiti.

Un esame più attento rivela che si tratta di una storia, fatta di poesia soprattutto, la storia di un amore perduto e forse di un tesoro.

Un pò affascinati dalla parte sentimentale , molto attirati dal lato pecuniario, data la pochezza di mezzi a loro disposizione, i 4 amici si inventano una vera caccia al tesoro. In mezzo a vicende che sfiorano la tragedia e che segnano i protagonisti per sempre viene da chiedersi se il tesoro più grande sia dove pensavano o quello che pensavano e non invece qualcosa che hanno perduto forse per sempre...

Non dico niente del finale per non rovinare il piacere della lettura , solo c'è un pò di dolce ma anche di amaro...

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore

Poco più di niente 2009-03-01 19:33:09 Mara
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mara Opinione inserita da Mara    01 Marzo, 2009
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Poco più di niente

Periferia di Firenze.

Quattro amici: Enrico, Mosè, Pedro, Vanni.

Quattro trentenni alle prese con una condizione costante di precariato lavorativo e d’incertezza esistenziale.

Un giorno, Enrico, comincerà per necessità ad occuparsi di Adelaide: un’anziana con gravi disturbi psichici che, dopo aver trascorso gran parte della sua vita in una casa di cura per malati mentali, viene giudicata adatta per un programma di reinserimento in un contesto familiare.

Nell'abitazione della donna, i quattro amici scopriranno qualcosa d’inatteso. La vecchia signora ha riempito tutte le pareti di casa di scritti: si tratta, di una vera e propria storia che si sviluppa dalla cucina al bagno, dalla camera da letto al salotto. E' la vicenda di un amore finito tragicamente, ma anche di un tesoro nascosto chissà dove. Vanni decide allora di trascrivere tutto e di decifrare gli indizi che lo porteranno - è davvero convinto - ad una scoperta che cambierà la loro vita.

La storia narrata in queste pagine, a tratti divertente, non può non coinvolgere il lettore. Calamini, ha il pregio della leggerezza, senza cadere nella banalità.

Buona lettura:)

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
02
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Il signor Cardinaud
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Desiderio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il sale della terra
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri