Pura vita Pura vita

Pura vita

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Lui ha quasi cinquant'anni ed è uno storico, in fuga perenne dal presente e da ogni obbligo; lei ha sedici anni, legge moltissimi libri e vuole sapere come funziona il mondo: stanno viaggiando insieme verso la Camargue, parlando di tutto ciò che passa loro per la mente: i sentimenti che legano un uomo a una donna, la famiglia tradizionale e quella frantumata, i problemi della specie umana, i loro ricordi personali, le loro similitudini e le loro distanze. Sviscerando la realtà, analizzandola, sezionandola e traendone regole generali, interrogandosi a vicenda, i due protagonisti si ritrovano ben presto in un viaggio alla scoperta di quella pura vita che scorre in ogni esistenza animata da aspirazioni e desideri, progetti e sforzi, scelte e sconfitte.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (3)
Contenuto 
 
5.0  (3)
Piacevolezza 
 
4.7  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Pura vita 2018-03-19 17:10:43 Pelizzari
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Pelizzari Opinione inserita da Pelizzari    19 Marzo, 2018
#1 recensione  -   Guarda tutte le mie opinioni

Se stessi a ruota libera

Questa è la storia di un viaggio di un padre e di una figlia, che si trasforma in un lungo dialogo a due, a ruota libera. Libero, spontaneo, pieno di idee, di difficoltà, di silenzi, di arrabbiature. Fra di loro c’è un filo imperfetto ma inscindibile. E questa è anche la storia del viaggio di una vita insieme, e devo dire che mai come con un padre o una madre è bello fare questo viaggio. Ciò che colpisce prima di tutto, leggendo, è senza dubbio il modo di scrivere. Bello, elegante, pieno, intenso, così come ho sempre trovato lo stile di questo autore nei suoi primi libri. Ciò che colpisce della trama è la facilità istintiva con cui padre e figlia riescono sempre a parlare, così come anche il loro lasciarsi un po’ andare, nel senso di assorbire sensazioni dal mondo, con la sicurezza di avere a fianco una persona a cui si vuole bene. Molto particolare anche la copertina del libro, decisamente naif, ed il particolare dei risvolti di copertina scritti a mano. Anche questa è libertà. E forse la libertà di poter essere se stessi è il messaggio più profondo di questo bel viaggio insieme, in cui è stato splendido essere anche solo spettatori.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Pura vita 2016-08-03 08:20:17 Francesco.3.96
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Francesco.3.96 Opinione inserita da Francesco.3.96    03 Agosto, 2016
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un viaggio dentro di noi stessi

Con questo titolo Andrea De Carlo ci porta in viaggio, un viaggio in luoghi non ben definiti, un viaggio dentro noi stessi.
La trama di questo romanzo si basa, come è facile immaginare, su un viaggio compiuto da un ormai uomo insieme ad una ragazzina. Questo viaggio non ha come obbiettivo quello di farci visitare nuovi luoghi, farci conoscere le storie delle località visitate, no. Il viaggio è un susseguirsi di spunti per riflessioni sul senso della vita, e queste discussioni tra queste due persone di età parecchio differente sono alquanto intriganti. Lei spesso in cerca di risposte, lui colui che ha l'esperienza apparente per poterle indicare la soluzione ai propri quesiti; ma spesso le parti sono invertite. Lei nella sua giovinezza e "semplicità" di pensiero va ad analizzare al meglio situazioni della vita di lui, legate per esempio al rapporto travagliato con M. che prende parte al romanzo grazie allo scambio di e-mail e di chiamate con Giovanni (G. il protagonista). Proprio da queste discussioni con M. nascono molti spunti di riflessione, compresi quelli in cui si vanno a criticare comportamenti di Giovanni, che pur avendo unaa grande esperienza alle spalle, non riesce a cambiare; probabilmente perchè non vuole effettivamente cambiare.
Insomma con quest'opera a mio avviso De Carlo gioca a carte scoperte sulle sue idee, riguardanti determinati argomenti legati al senso della vita, posto su vari aspetti. Il tutto spazia su un numero molto elevato di argomenti, dal rapporto tra donne e uomini, meccanismi di sopravvivenza, la noia...e molto altro.
I personaggi, sono stupendi a mio avviso, come solito di De Carlo ci vengono presentati ed ci viene trasmesso, anche implicitamente, moltissimo sul loro carattere e su ciò che li riguarda...lasciando però anche una piccola parte non ben definita che rende tutto più interessante, dando quella sensazione di incompiuto ma allo stesso tempo di chiaro.
Il tutto è piacevole da leggere per chi apprezza lo stile di De Carlo (che ovviamente può piacere come no) e lo consiglio vivamente a tutti coloro che sanno di poter apprezzare un libro del genere, in cui la trama è solo un sottofondo per la grande opera generata da tutto il resto. Insomma questo libro serve per tratte diversi spunti di riflessione e va preso dal giusto punto di vista. Per chi avesse voglia di avvicinarsi per la prima volta a De Carlo, forse è meglio iniziare con libri come Due di Due, per poi passare in caso a titoli del genere.

"Da dove viene la noia?"
"Non viene. È lì. Nella mancanza di scopo e nella mancanza di senso e nell'incapacità di andare oltre. Siamo convinti che si infili a tradimento negli spazi vuoti, e che basti darsi da fare per mandarla via. Invece è il contrario, la noia è al centro dello spazio, e noi per non vederla la copriamo con schermi e paraventi mobili di attività concatenate."
"E cosa dovremmo fare, invece?"
"Dovremmo sapere che la noia è lì. E che ci può spingere a fare le cose più insensate, o a cercare di capire il senso delle cose. Se uno si sottrae sistematicamente alla noia, per quanto corra non va da nessuna parte."
"Perché?"
"Perché tutto nasce dalla noia. Le percezioni e le constatazioni e
le elaborazioni, le idee di ogni tipo."

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Altre opere di De Carlo
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore
Pura vita 2011-10-06 03:25:15 Bruno Elpis
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    06 Ottobre, 2011
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

"Pura vita" di Andrea De Carlo - invito alla lettu

Una copertina naif, disegni infantili di frutta, dolci, alimenti e bevande su fondo azzurro. Rispecchia lo stile in alcuni punti apparentemente puerile di De Carlo. E riproduce, per certi versi, i tratti psicologici e dialogici del protagonista: Giovanni, storiografo un po’ fuori dagli schemi, come molti degli eroi che l’autore ha creato nei suoi romanzi.
E’ la storia di un viaggio vacanza verso la Camargue, che Giovanni affronta con una giovane compagna, la cui identità viene svelata a romanzo inoltrato. Il viaggio, incredibile a dirsi, non è occasione per descrivere gli affascinanti luoghi che costituiscono la meta dell’assortito binomio. I riferimenti geografici sono appena accennati: i paesi e le loro mura, canneti e stagni, un paesaggio avvolto nella nebbia, una campagna acquitrinosa percorsa a cavallo ... Perché l’interesse principale è la conversazione tra i due viaggiatori, che discutono di tutto, in un confronto generazionale ove a volte l’adulto è un bambino e l’adolescente la vera adulta.
I colloqui si articolano su molte questioni essenziali: qualità e difetti, impulsi ecologici e struggente desiderio di una vita più autentica, uomini e donne, meccanismi di sopravvivenza e selezione naturale, atteggiamenti e sostanza degli individui (oggi sono “ottanta per cento di sostanza e venti per cento di atteggiamenti”), noia e traguardi come motori dell’agire umano. Argomenti sempre interessanti, sviluppati senza cliché e con l’originalità di De Carlo. Pura vita, come recita il titolo.
Nel viaggio si insinua, relegata a telefonate e mail, la probabile inquieta eutanasia di un rapporto amoroso. Quello tra Giovanni – “l’agguantatore fulmineo di momenti”, che mal sopporta tutte le fini: dei rapporti, dei libri, dei viaggi - e la sua donna. Una sorta di “nec tecum nec sine te vivere possum”, tra due poli: quello evanescente di Giovanni, (sospeso “nell’eccitazione fibrillante del momento. Senza mai un progetto o almeno un’intenzione di costruire qualcosa di continuativo …”) e quello più concreto della sua donna (M.).
Nel frattempo prosegue il confronto con la giovane compagna di viaggio. Ma poi viene il tempo di tornare e un litigio scoppia con la stessa forza della pioggia che si abbatte sul “quasi fuoristrada”. L’alterco è causa di un’appendice imprevista di avventura e di altre sorprese: atmosferiche, vitali e relazionali.
Mi piace concludere difendendo gli slanci di Giovanni e aderendo idealmente alla sua filosofia. Facendo mia una sua frase:
“Non puoi volere una zebra e non accettare le sue strisce!”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'uomo dello specchio
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Donne dell'anima mia
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
La donna degli alberi
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il libro della polvere. Il regno segreto
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
La biblioteca di mezzanotte
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
L'appello
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Buonvino e il caso del bambino scomparso
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
V2
V2
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Amo la mia vita
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Gli ultimi giorni di quiete
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Dimmi che non può finire
Valutazione Utenti
 
4.9 (2)
La città dei vivi
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri