Narrativa italiana Romanzi Ragazzo italiano
 

Ragazzo italiano Ragazzo italiano

Ragazzo italiano

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La vita di Ninni, figlio del dopoguerra, attraversa le durezze da prima rivoluzione industriale della provincia lombarda, il tramonto della civiltà rurale emiliana, l’esplosione di vita della Milano riformista. E insieme Ninni impara a conoscere le insidie degli affetti, la sofferenza, persino il dolore che si cela anche nei legami più prossimi. Da ragazzino, grazie alla nonna, scopre di poter fare leva sull’immenso continente di esperienze e di emozioni che i libri gli spalancano di fronte agli occhi. Divenuto consapevole di sé e della sua faticosa autonomia, il ragazzo si scava, all’insegna della curiosità e della volontà di sapere, quello che sarà il proprio posto nel mondo. Nella storia di “Ragazzo italiano” si riflette la storia dell’intero Paese, l’asprezza, la povertà, l’ansia di futuro, la vicenda di una generazione figlia della guerra ma determinata a proiettare progetti e sogni oltre quella tragedia. Un’Italia dove la scuola è la molla di promozione sociale, e l’avvenire è affollato di attese e promesse. Un’Italia ancora viva nella memoria profonda del Paese, nelle peripezie familiari di tanti italiani. Ferrari le restituisce corpo e respiro senza indulgenze né compiacimenti, con uno stile cristallino e austero, non di rado crudo, con un timbro di coraggiosa sincerità. Capace di esprimere la freschezza del protagonista e di una moltitudine di personaggi lampeggianti di futuro.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Ragazzo italiano 2020-09-28 08:05:05 Mian88
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Mian88 Opinione inserita da Mian88    28 Settembre, 2020
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

L'Italia che fu

“Ragazzo italiano” è un romanzo che, stante i “precedenti” in editoria del suo autore, ha destato subito scalpore ed è riuscito anche a far storcere il naso a molti che lo hanno interpretato quasi più come un esercizio di stile o un capriccio che un effettivo esordio.
Sin dalle prime pagine non veniamo colpiti da uno stile erudito o dalla ricerca di tecnicismi lessicali quanto da una penna elegante e veniamo più che altro trasportati nel passato, negli anni del Secondo dopoguerra, negli anni di rinascita di un paese che oggi sembra aver perso il suo nord sotto molteplici aspetti. Siamo catapultati, in particolare, tra i banchi di scuola perché questa è l’istituzione che più ci permette di raggiungere una istruzione e una formazione e che quindi, per rapporto di causa effetto, può portarci a essere migliori.
Ninni nasce nel 1946, trascorre le sue estati nelle campagne del Querciano in Emilia, è protetto dalla nonna materna e dal suo affetto mai mancante e anzi onnipresente che riesce anche nell’impresa di avvicinarlo alla lettura. Siamo di fronte a una Italia rurale, bigotta, vincolata a principi del passato e che non sembrano voler lasciar posto al futuro. E mentre le estati trascorrono tra le campagne emiliane, gli inverni sono scanditi dai ritmi della scuola di Zanegrate in Lombardia, dove il giovane vive con la madre, la sorella minore Lella e il padre. In quel di Milano, ancora, egli conosce la perdita dell’agio e scopre il peso della rinuncia, del pregiudizio e dell’essere vessati. Quale unica possibilità se non la scuola e se non i docenti per poter credere ancora in un futuro possibile e migliore, un futuro fatto di promesse e possibilità?

«Eppure, pensava guardando la sua piccola classe, proprio in quelle notti e in quelle nebbie, in quell’Europa atroce e disperata, loro erano venuti al mondo. Figli della guerra, non c’era dubbio. Ma come nei film inglesi prediletti dalla mamma, anche figli di amori che erano stati grandi, incoercibili.»

Quello di Gian Arturo Ferrari è un titolo che ci invita a riflettere sul ruolo della scuola quale mezzo per eccellenza, anche se vissuto con sacrificio e abnegazione, quale possibilità per il domani. In alcuni capitoli, non a caso, vengono descritti gli incontri con i professori, docenti che con il loro carisma segnavano le vite dei giovani scolari.
Per mezzo della storia della famiglia di Ninnì ha luogo anche la ricostruzione del volto del nostro paese dal momento di incertezza, povertà e asprezza dell'immediato dopoguerra per arrivare agli anni del boom economico. Non mancano riflessioni sui diversi ceti sociali, sull’appartenenza politica, sul binomio partigiano-fascista, sul binomio democristiani-comunisti, sulle disuguaglianze che ostacolano con forza ogni proposito di riscatto.
Un libro che può far discutere ma che rievoca ricordi, che è intriso di nostalgia, che merita una possibilità.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

I delitti della salina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'altra donna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il teatro dei sogni
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Cose che succedono la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Midnight sun
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Jane va a nord
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una grande storia d'amore
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Proprio come te
Valutazione Utenti
 
3.6 (2)
Troppo freddo per Settembre
Valutazione Utenti
 
3.5 (2)
Fu sera e fu mattina
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Il mantello
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Croce del Sud
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri