Narrativa italiana Romanzi So che un giorno tornerai
 

So che un giorno tornerai So che un giorno tornerai

So che un giorno tornerai

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


Angela non ha ancora vent'anni quando diventa madre, una mattina a Trieste alla fine degli anni Sessanta. Pasquale, il suo grande amore, è un "jeansinaro" calabrese, un mercante di jeans, affascinante e già sposato. Lui le ha fatto una promessa: "Se sarà maschio, lo riconoscerò". Angela fa tutti gli scongiuri del caso ma nasce una femmina: Emma. Pasquale fugge immediatamente dalle sue responsabilità, lasciando Angela crescere la bambina da sola insieme alla sua famiglia numerosa e sgangherata. I Pipan sono capitanati da un nonno che rimpiange il dominio austriaco, una nonna che prepara le zuppe e quattro zii: uno serio, un playboy e due gemelli diversi che si alternano a fare da baby sitter a Emma. Lei sarà la figlia di tutti e di nessuno e crescerà così, libera e anticonformista, come la Trieste in cui vive, in quella terra di confine tra cielo e mare, Italia e Jugoslavia. Fino al giorno in cui deciderà di mettersi sulle tracce di suo padre, e per lui questa sarà l'occasione per rivedere Angela, che non ha mai dimenticato. So che un giorno tornerai è un romanzo sulla ricerca delle nostre origini, la scoperta di chi siamo e la magia degli amori che sanno aspettare.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
5.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
So che un giorno tornerai 2018-11-02 10:26:03 ornella donna
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
ornella donna Opinione inserita da ornella donna    02 Novembre, 2018
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un amore indimenticabile

Luca Bianchini pubblica So che un giorno tornerai: un libro giovanile, fresco, intenso ed accattivante, anche se torna indietro nel tempo.
Una storia che ritorna ai mitici anni Sessanta, in una Trieste particolare, terra di confine:

“Trieste era una città di frontiera dove le barriere venivano continuamente abbattute liberando ogni sorta di freno inibitorio.”.

Lì vivevano i Pipan:

“I Pipan abitavano in una casa su due piani- non collegati tra loro- in via della Bora, dietro il campanile di Santa Maria Maggiore. Le camere di Angela e dei suoi fratelli erano al piano superiore, mentre la cuna, il bagno e la camera da letto dei genitori si trovavano al piano di sotto. Per accedere alle stanze dei ragazzi bisognava passare da una scala esterna, il che rendeva l’abitazione un po’ scomoda ma anche utile se si voleva uscire indisturbati. Angela era la star della famiglia. La ragazza più bella di San Giusto, e una delle più belle di Trieste. I suoi fratelli erano da sempre orgogliosi di lei, la proteggevano, la spiavano mentre si provava gli abiti e pendevano dalle sue labbra.”

Ed Angela, ora è in preda alla disperazione più assoluta: è diventata madre, ma di una bambina. Non del maschio che poteva essere riconosciuto. E il nascituro non ha un padre. Già il padre. L’amore assoluto di Angela, peccato che costui sia già sposato. Pasquale, infatti, è:

“uno dei primi”jeansinari” del mercato di piazza Ponterosso. Era venuto su dalla Calabria e aveva trovato a Trieste la mecca con cui arricchirsi: vendeva jeans Rifle a centinaia di jugoslavi che inondavano ogni giorno le vie del borgo teresiano per accaparrarsi quel simbolo tanto desiderato dell’Occidente. Era il più bravo a trattare i prezzi, e il rischio era la sua forza. (…) Pasquale aveva conosciuto Angela alla pasticceria La Bomboniera, dove lavorava come commessa, e se n’era subito innamorato, come fanno i latin lover quando ci mettono un po’ di cuore. “.

Angela si assume le sue responsabilità, ma ben presto capisce che non ce la fa. E’ sola, giovane, e ha tanta voglia di vivere. E poi ha conosciuto Ferruccio, originario di Bassano del Grappa. Non è proprio il suo amore vero, ma le offre una scappatoia liberatoria. E lei l’accetta, abbandonando la piccola Emma nelle mani della famiglia Pipan, ben sapendo che sarà ben accudita. Emma viene circondata dall’affetto, libera ed anticonformista. Ma un giorno il confronto emette una amara sentenza:

“Ma che razza di madre sei? (…) Tu ei stata una madre veramente mediocre, lasciatelo dire. Ossessionata da te stessa…. E mi hai abbandonato qui. A me non fregava niente che tu venissi facendo la splendida portandomi i regali. Io volevo solo te. Volevo il tuo calore, le tue sgridate. Tu invece mi permettevi tutto solo perché ti sentivi in colpa ed è un miracolo che io ce l’abbia fatta lo stesso. “.

Un bel libro che raccoglie tanti temi di riflessione: l’amore e le sue differenti angolazioni, il primo amore, gli amori che non si dimenticano mai, l’evoluzione nel corso del tempo…. Una storia che sa di famiglia, di sentimenti. Si sente profonda la dolce malinconia dell’autunno, quella stagione che incanta con i suoi colori, preludio dell’inverno che sta per arrivare, un qualcosa di indefinito che ancora non è, e qualcos’altro che non è più. Una storia che parla al cuore dei lettori, che esalta i sentimenti, con ironia e poesia in ugual misura. Una narrazione ben articolata e congegnata, personaggi indimenticabili, forti e ben descritti, una prosa soave e leggera che conquista.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
100
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Nel muro
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Donne che non perdonano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Uno sporco lavoro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
La misura dell'uomo
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Gli squali
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Andiamo a vedere il giorno
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Dove i pensieri non fanno rumore
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Crooner
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Senza mai arrivare in cima. Viaggio in Himalaya
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Vincoli. Alle origini di Holt
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il Monaco di Mokha
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Ricordi dormienti
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri