Stanza 411 Stanza 411

Stanza 411

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Una donna si guarda allo specchio, nuda in una stanza d'albergo, al centro esatto della città di Roma, a pochi passi dal Pantheon. Come la Shahrazàd delle Mille e una notte, inizia a raccontare una storia, rivolgendosi a un uomo. Racconta la storia di un amore, il loro, ma potrebbe essere benissimo un altro. La storia viene ripercorsa in tutti i suoi momenti, nella nascita della passione, nella voglia di lei di abdicare a sé stessa donandosi a lui, nella scoperta della violenza e del rifiuto. Una storia che somiglia a una confessione, ma è misteriosa come l'architettura di un tempio pagano.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
5.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Stanza 411 2021-04-26 21:01:58 Antonella76
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    26 Aprile, 2021
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Abbiamo tutti una stanza 411


"Se non avessi conosciuto questo amore, e dunque te, sarei più libera, oppure lo sarei meno?
Forse semplicemente continuerei a non sapere niente dell'amore.
E invece, qualcosa la so.
So che passa. So che finisce. Che delude. Illude. Corrode. Che evapora. Che è una pozzanghera d'acqua limpida, e poi sporca. Che è un liquido fatto di umori corporei. Che è cattiveria. Dolcezza. Che credi sia finito e poi torna. Che è indistruttibile. Anche se si sfibra ogni secondo che passa.
So che è imprendibile. E che non si può dire."

La storia di un amore?
La storia dell'impossibilità di un amore? Del suo ineluttabile destino?
Una storia che è storia di tutti, pur non appartenendoci.
Ma per narrare l'universale bisogna analizzare il particolare, il privato.

Abbiamo avuto tutti una stanza 411, una stanza in cui spogliarsi di tutto, in cui avere paura, in cui darsi e ricevere in preda ad una fame cieca, una stanza che poi rimane vuota, ripulita, inconsapevole del nostro passaggio, le cui pareti però hanno visto e sentito tutto, e trattengono all'interno dei loro muri, per sempre, una parte di noi.
Quella parte che il tempo che viviamo si porterà via, perché l'amore è imprendibile, inafferrabile, rimane solo lì, dove non può essere raggiunto.

Pagine scomode, piene di bugie e di verità.
Perché l'amore si traveste, confonde, ti convince di essere altro e poi si reinventa.
Perché amiamo sempre qualcuno che non esiste, "l'altro che tutti aspettiamo da sempre e che non può arrivare".

"Perché proprio lei - o lui - , quale gesto, sguardo, movimento, quale parola, quale assonanza, eco?
Forse, mi sono innamorata di te perché sono io ad averti inventato."

Solitamente i libri che parlano d'amore sono definiti "rosa"... questo, ve lo assicuro, è nero, e fa male, irrita, disturba.
Con una voce scarnificata, poetica, dura ma anche morbida, una voce intera e poi spezzata, la Vinci attraversa il viaggio sentimentale di una donna che ci prova e fallisce, ma continua a crederci.
E continua a guardarsi nuda nello specchio di quella stanza, anche quando ad attenderla fuori non ci sarà più nessuno, ma ci sono ancora i suoi seni, la sua pancia, le caviglie, le costole, i muscoli, i tendini, tutto il suo corpo così amato e così odiato, in attesa di essere messo in salvo.
Ancora.

È proprio vero che "dei bambini non si sa niente", ma non si sa granché neanche degli adulti, soprattutto quelli di cui ci innamoriamo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri