Narrativa italiana Romanzi Stjepan detto Jesus, il figlio
 

Stjepan detto Jesus, il figlio Stjepan detto Jesus, il figlio

Stjepan detto Jesus, il figlio

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Stjepan, detto Jesus perché nato a mezzanotte del giorno di Natale, si sente orfano senza esserlo. Figlio della violenza di un soldato su una giovane donna durante la guerra dei Balcani, è stato abbandonato dalla madre, che non sapeva come amarlo e non voleva odiarlo. Cresciuto sotto l'ala protettiva di una bisnonna forte e allegra che però non gli nasconde la verità, a nove anni Stjepan decide di partire alla ricerca della mamma, accompagnato solo dalla sua tartaruga, dal suo cane e dalla sua inseparabile macchina fotografica. Un viaggio sulle tracce di una donna in fuga da se stessa, che cambiava un lavoro dopo l'altro, lasciando dietro di sé molti amici che accolgono Stjepan con grande affetto, lo aiutano a conoscerla e infine a perdonarla. Ma il libro non finisce con il loro commovente incontro. Perché Stjepan ha ancora un desiderio: andare a trovare il padre in carcere, per dimostrargli che la sua esistenza è la risposta umana alla sua disumana violenza e che la sua sola vendetta sarà non diventare come lui. Un romanzo che dà voce alle vite distrutte dalla guerra e all'incredibile coraggio grazie a cui molte vittime sono sopravvissute. E la voce è quella di Stjepan, pieno di speranza e ostinata tenerezza, come solo possono esserlo i bambini che salveranno il mondo. Il ritorno alla narrativa di Maria Rita Parsi, personaggio di spicco di questo Paese, da sempre impegnata con il suo lavoro a renderci tutti più attenti agli altri, più critici davanti al male, più generosi, più giusti, più degni della nostra umanità.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
4.0  (1)
Piacevolezza 
 
4.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Stjepan detto Jesus, il figlio 2021-03-20 15:34:18 luvina
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
luvina Opinione inserita da luvina    20 Marzo, 2021
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Il figlio dal male

Ho scelto di leggere “Stjepan, detto Jesus..” dopo che è stato inserito tra i libri presentati per concorrere alla prima selezione del Premio Strega. E’ un libro molto breve, circa un centinaio di pagine, scritto dalla psicologa e psicoterapeuta Maria Rita Parsi che ci rammenta una delle pagine più atroci della guerra dei Balcani quella degli stupri etnici, trattandola però dal punto di vista delle vittime più innocenti: i bambini nati ma non voluti (odiati) proprio da quegli stupri.
Il romanzo affronta il tema dal punto di vista di un bambino ed è scritto con le parole di un bambino; Stjepan, soprannominato Jesus perché nato proprio la notte di Natale in un istituto di suore cattoliche da Mariaka, ragazza bosniaca musulmana violentata per mesi da un soldato serbo cristiano ortodosso, viene lasciato dalla madre alla bisnonna (abbandonato per non essere odiato) che lo cresce senza nascondergli la verità -”Io ero ferito e insieme ero la ferita e l’arma che continuava a ferire mia madre...”-
Stjepan è un bambino maturo nonostante i suoi nove anni, comunque ben inserito a scuola e amato dai familiari che però, sentitosi sempre orfano pur non essendolo, alla morte della bisnonna va alla ricerca della mamma accompagnato soltanto dalla sua macchina fotografica con cui scatta istantanee di vita e da Tika e Tasko rispettivamente la sua tartaruga e il suo cane. Questo viaggio solitario è uno dei tanti punti inverosimili di questo breve racconto come anche alcuni concetti espressi che non possono proprio appartenere ad un bambino e che tradiscono la mano adulta e sapiente della psicologa.
Nonostante ciò, forse per la semplicità di pensiero del bambino, forse proprio per i sentimenti che esprime, il romanzo ti prende e fa riflettere, molto. Stjepan dopo aver ritrovato la madre andrà anche in carcere a conoscere suo padre biologico proprio per mostrargli che lui, senza colpa, è il frutto indelebile del male fatto, che la sua vendetta sarà non diventare come lui. All’inizio lo tiene a distanza chiamandolo gospodine (signore) ma poi da ometto maturo qual è gli lascia la tartaruga per compagnia.
Anche se tratta di un’atrocità, questa è sapientemente mitigata dall’autrice proprio attraverso lo stile immaturo della scrittura infantile, dalle istantanee che accompagnano i pensieri e il viaggio di Stjepan e anche dal finale intriso di speranza.





Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri