Narrativa italiana Romanzi Storie di uno scemo di guerra
 

Storie di uno scemo di guerra Storie di uno scemo di guerra

Storie di uno scemo di guerra

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Nel giorno della Liberazione di Roma un padre e un bambino avanzano contromano nella folla da Porta Pia verso il Quadrato: nel loro racconto i fatti salienti della guerra a Roma si mescolano al libero scorrere della fantasia narrativa. Il testo nasce da una storia vera raccontata all'autore dal padre, Gaetano Celestini detto Nino. Lo spettacolo "Scemo di guerra" ha esordito alla Biennale di Venezia e questo libro, a differenza degli altri volumi di Celestini pubblicati da Donzelli, non è il testo dello spettacolo ma una versione romanzesca dello stesso spunto.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Storie di uno scemo di guerra 2016-09-23 08:16:24 Riccardo76
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Riccardo76 Opinione inserita da Riccardo76    23 Settembre, 2016
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La storia triste in chiave tragicomica

L’Italia nella seconda guerra mondiale con tutto il suo carico di morte, devastazione e disperazione, questa la scenografia di un libricino tanto breve quanto intenso. Storie di uno scemo di guerra è un mescolarsi di realtà e pura fantasia, il vernacolo romanesco ci porta in una realtà piacevole e accogliente nonostante lo strazio della tragedia di quei disgraziati primi anni quaranta. Il vivere semplice apprezzando le piccole cose che la povertà e la miseria della guerra porta con se. Celestini è bravissimo ad orchestrare e districarsi tra diverse sensazioni, la romanità che distingue tutti i personaggi è eccezionale e ben rappresentata, soffrono con un nostalgico sorriso sulla bocca, vivono le tragedie senza essere tragici in questo è racchiusa la bellezza di questo libretto. Eccezionali alcuni passaggi dove anche le mosche, insetti ripugnanti passano per avere una loro dignità, una loro funzione sociale. La deportazione nei campi di lavoro e di concentramento, la morte, la sopravvivenza, la liberazione e le fantasie quasi oniriche in storie inventante o forse scambiate per vere a causa della confusione, della disinformazione, della semplicità di popoli umili e semplici.
La narrazione di Celestini affascina per l’importanza che viene data ai dettagli, alle piccole cose, minuscole parti che compongono grandi storie.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
Storie di uno scemo di guerra 2010-04-07 16:33:05 NomeUtente
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
NomeUtente Opinione inserita da NomeUtente    07 Aprile, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una storia d'altri tempi

Un tuffo nel passato, più precisamente a Roma nel 1944.
Una storia raccontata in maniera magistrale da Ascanio Celestini, che con il suo linguaggio popolare e la sua inflessione dialettale romana, racconta con gli occhi di un bambino la guerra.
Storia e leggenda si fondono in un racconto d'altri tempi, un racconto ingiallito, in bianco e nero.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
40
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Come amare una figlia
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Il castello di Barbablù
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Delitti a Fleat House
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un volo per Sara
Valutazione Utenti
 
4.8 (1)
Il caso Alaska Sanders
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Senza dirci addio
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Run, Rose, Run. La stella di Nashville
Valutazione Utenti
 
4.3 (1)
Il vivo mare dei sogni a occhi aperti
Valutazione Redazione QLibri
 
2.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La casa di marzapane
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una stella senza luce
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Che razza di libro
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le madri non dormono mai
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
4.5 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri

Lingua madre
Per sempre, altrove
Cara pace
L'assemblea degli animali
Le madri non dormono mai
Sono mancato all'affetto dei miei cari
Divorzio di velluto
Cinquecento catenelle d'oro
Le mogli hanno sempre ragione
Ellissi
Nonostante tutte
La meccanica del divano
Conservatorio di Santa Teresa
Beati gli inquieti
Padri
Quaderno proibito