Narrativa italiana Romanzi Un sabato, con gli amici
 

Un sabato, con gli amici Un sabato, con gli amici

Un sabato, con gli amici

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice


I capitoli iniziali raccontano i piccoli e i grandi traumi dell'infanzia di alcuni bambini. Poi la scena cambia, ed è quella di un gruppo di adulti che si ritrova a cena. Succede qualcosa, durante questa cena, qualcosa di drammatico, e la sua radice è nelle ferite che segnarono quei bambini che sono diventati quegli adulti. Un romanzo anomalo nella produzione di Camilleri, dove si sente, fortissima, la sua voce da uomo di teatro.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 4

Voto medio 
 
3.1
Stile 
 
3.8  (4)
Contenuto 
 
2.8  (4)
Piacevolezza 
 
3.0  (4)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Un sabato, con gli amici 2013-05-18 03:12:32 Bruno Elpis
Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
5.0
Bruno Elpis Opinione inserita da Bruno Elpis    18 Mag, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Elpi-logo n. 19

Il week end secondo Camilleri
Questo romanzo è ritenuto, in maniera pressoché unanime, ‘sui generis’ nella produzione di Camilleri. Effettivamente, non sembra scritto dall’autore di Montalbano, tanto è diverso per stile, concezione e struttura.
Sei amici formano tre coppie apparentemente affiatate. Matteo ha sposato Anna, Andrea è con Renata, Giulia e Fabio vivono insieme. I sei si frequentano regolarmente e tutto sembra procedere ‘normalmente’. Un giorno ricompare Gianni, amico gay che sta per “scendere in campo” in politica. La sua apparizione, almeno simbolicamente, è l’elemento che ‘spariglia le carte’.
In un sabato fatale – che idealmente potrei immaginare come congiungente della commedia “Grazie a Dio è venerdì” con la tragedia di “Domenica, maledetta domenica” – l’impostazione della vita dei componenti della comitiva “salta” e vengono a galla traumi infantili ed episodi rimossi o tacitati per troppi anni, nello schema circolare di una storia ove capitolo iniziale e finale si ricompongono ad unità.
La causa scatenante del processo di emersione è un dramma, che si consuma nella cena del ritrovo, e che allarga ferite in realtà mai rimarginatesi. Perché evidentemente l’emostasi della vita borghese è troppo fragile e non riesce a cicatrizzare le carni lacerate da incidenti e violenza.
Posso dire, in tutta semplicità, che questo romanzo mi è piaciuto? Posso augurarmi, nel caso questa sia la matrice della “diversità” del romanzo, che Camilleri si rivolga ancora allo stesso ‘ghostwriter’?
In ogni caso, qualunque sia la causa della difformità dell’opera dalla restante produzione, posso dire che l’alternanza è gradita e conferma che l’autore siciliano sa sempre come catturare l’attenzione dei suoi affezionati lettori?

Bruno Elpis

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
... L'intermittenza, dello stesso autore
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore

Un sabato, con gli amici 2011-12-29 19:48:01 Giovanni
Voto medio 
 
1.5
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
1.0
Opinione inserita da Giovanni    29 Dicembre, 2011

Mah...

Davvero non riesco a capire perchè Camilleri abbia pubblicato questo libro che per contenuti e atmosfere mi ha riportato indietro nel tempo alle spiacevoli sensazioni regalatemi da Ambarabà di Giuseppe Culicchia. Non è che ha ripescato in qualche cassetto qualcosa che aveva scritto in un'altra epoca lontana anni luce?
Davvero non capisco...
Come già detto da altri, qui manca il dialetto, la Sicilia, l'umanità con la quale il maestro e i protagonisti dei suoi libri guardano il mondo. Manca pure il contesto, cioè, voglio dire il contorno, il paesaggio in senso lato, che nei romanzi di Camilleri si erge sempre a personaggio principale del libro. Qui invece no. E tutto diventa, forse volutamente, claustrofobico.
Vorrei solo fare un appello, per amore dell'autore, a quelli che non hanno letto altri suoi libri al di fuori di questo: Vi prego, non vi fermate. Andate avanti nella lettura di Camilleri. Il resto è completamento diverso. Perdereste davvero un intero mondo se vi fermaste qui.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
20
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un sabato, con gli amici 2010-07-04 08:59:00 NomeUtente
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
NomeUtente Opinione inserita da NomeUtente    04 Luglio, 2010
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Perplesso

L'ho trovato un romanzo confuso, a tratti ci si perde tra i personaggi. Si accavallano le storie, i nomi, i tempi della narrazione, fondendosi in un insieme di vite che nel totale risulta "troppo". Probabilmente la storia di ogni singolo personaggio potrebbe essere un romanzo a se, e il libro risulta un concentrato decisamente incasinato (praticamente un libro in formato .zip)

Devo ammettere però che l'ultimo capitolo da parziale assoluzione: mi ha costretto a percorrere il libro a ritroso per rimettere insieme la storia ... e il giochino mi è piaciuto.

Leggo solo ora le recensioni (dovevo farlo prima) che lo definiscono un libro "quasi sperimentale" di Camilleri, quindi darò una seconda opportunità all'autore, essendo il primo che leggo.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
30
Segnala questa recensione ad un moderatore
Un sabato, con gli amici 2009-02-14 20:19:37 Arcangela Cammalleri
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Arcangela Cammalleri Opinione inserita da Arcangela Cammalleri    14 Febbraio, 2009
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Un sabato, con gli amici di Andrea Camilleri

Senza Montalbano, senza Sicilia, senza dialetto, Camilleri “Esordisce” ottantenne con un romanzo sperimentale, come lui stesso afferma; intraprende strade diverse, con esiti un po’ disorientanti. Non sembra di leggere Camilleri, non lo stesso stile narrativo al quale siamo abituati, non lo stesso sguardo compartecipe verso i suoi personaggi. Il suo estro creativo ci estrania e ci devia verso percorsi insoliti, anche se, in pectore, forse, giaceva una storia borghese di tal fatta con magmi sotterranei di insoluti traumi e drammi a causa dei quali la vita dei protagonisti del romanzo si veste di menzogne e ambiguità. Il titolo sembra echeggiare una pièce teatrale tipo “Metti una sera a cena” di Giuseppe Patroni Griffi o i drammi pirandelliani dell'assurdo o certi film di riunioni amicali dove succede di tutto. La struttura del plot è costruita secondo tecniche teatrali, dalle scene iniziali in cui sette bambini vivono inconsapevoli situazioni scabrose alle scene successive, in un intreccio capriccioso del destino, in cui li ritroviamo adulti e tutti insieme, per relazioni di varia natura intercorrenti tra loro. Alcuni, compagni di liceo o di università, legati da un passato sotterrato che adesso riemerge e rischia di sprofondarli in abissi senza fine. E’ questa storia un dramma borghese intrisa di ogni tipo di nefandezze e obbrobri che si celano come certi incubi notturni o sogni allucinatori che ottenebrano il ben dell’intelletto e scattano meccanismi perversi spacciati per normalità. La trama, in breve, racconta, per istantanee, tranches di vita di Matteo, Gianni, Giulia, Anna, Fabio, Andrea, e Renata, detta Rena, da bambini, vittime di adulti insani e poi nell’età matura una tranquillizzante elaborazione del loro passato, ripugnante, non è catarsi, ma dannazione. Non si sciolgono i nodi dell’intricato vissuto infantile, ma si disvelano solo nella mente dei protagonisti con tutto il loro peso morboso e ineluttabile. Camilleri plasma una materia narrativa profusa a piene mani di miserie e una scrittura non indulgente, ma secca, essenziale, dialogata, scarnificata da qualsiasi pietismo personale restituendoci degli esseri umani che d’umano hanno ben poco. Che dire, spiazzante lo scrittore, non finisce di stupirci e, forse controverso ne risulta il grado di piacevolezza che questo libro ci offre. Certo è che Camilleri impavidamente si mette sempre in gioco come un giocatore d’azzardo che osa ad oltranza o come chi pratica sport estremi per misurare se stesso in una sfida continua.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Camilleri e non può fare a meno di leggere ogni sua opera pubblicata
Trovi utile questa opinione? 
10
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
La legge del sognatore
Valutazione Utenti
 
3.3 (2)

Altri contenuti interessanti su QLibri