Verderame Verderame

Verderame

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

La memoria di Felice si sta sbriciolando: per tutta la vita si è occupato della grande casa di campagna dove Michelino trascorre le sue vacanze, dell'orto, del verderame da spargere sull'uva. Ma adesso qualcosa sembra non funzionare più. I suoi ricordi riaffiorano sfalsati e contraddittori. Felice all'improvviso si mette a raccontare una balzana storia di esuli russi, di francesi che parlano sottoterra, di scheletri in divisa nazista: e le lumache che appestano l'orto si trasformano in nemici invincibili. Quale sfida migliore, per un ragazzino che si annoia, di un "viaggio al centro della testa" di quest'orco bonario che da sempre accende la sua immaginazione? Così Michelino si ritrova, come un piccolo Sancho Panza, scudiero nella lotta di Felice contro il mulinare impazzito della sua memoria, consigliere e compagno nella battaglia disperata che l'uomo sta combattendo dentro di sé.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0  (3)
Contenuto 
 
4.3  (3)
Piacevolezza 
 
4.3  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Verderame 2020-04-08 08:46:28 Valerio91
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Valerio91 Opinione inserita da Valerio91    08 Aprile, 2020
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Unico nel suo... genere?

Prima di imbattermi in questo autore, avevo un’idea concreta del fatto che non sarebbe stata una lettura comune. Questa idea non è stata disattesa, per diversi motivi, ma andiamo con ordine.
Lo stile di Michele Mari è di altissimo livello, prodotto di una persona evidentemente acculturata, ma anche molto capace e appassionata nel mestiere dello scrivere. Il suo vocabolario è sconfinato, e non capiterà di rado di imbattersi in termini mai sentiti prima che ci permetteranno di arricchire il nostro, di vocabolario. Pur risultando difficoltoso in certi tratti, soprattutto nei dialoghi che coinvolgono Felice, il quale parla soltanto in dialetto strettissimo, credo che il valore della scrittura di Mari sia un dato oggettivo.
Ma di cosa parla questo libro? "Verderame" è un viaggio nella mente di un uomo dal passato e dai natali misteriosi, resi ancor più oscuri dalla sua recente perdita di memoria; un viaggio che verrà condotto dal nostro protagonista: Michelino, probabilmente un piccolo alter ego dell'autore. Nella sua indagine sul passato di questo agricoltore (Felice, che lavora per i suoi nonni), Michelino mostrerà le abilità deduttive di un investigatore già navigato, con una cultura e delle nozioni ampie e già consolidate. Questo aspetto tuttavia è, per quanto mi riguarda, una pecca: Michelino non ha neanche quattordici anni e sembra avere qualità e conoscenze che molti adulti si sognerebbero. Mi è parsa una forzatura e, anche se non me la sento di definirla grave, toglie il racconto dallo spettro della perfezione. Tenendo da parte questo aspetto, il racconto prosegue come fosse un indagine giallistica che appassiona il lettore e lo invoglia a proseguire. Tuttavia, nonostante le peculiarità appartenenti al genere, non può assolutamente esservi confinato.
Felice è un uomo che ha vissuto una vita traumatica, pregna di tragedie personali e attraversata da avvenimenti storici incresciosi. Il periodo della vita di Felice su cui Michelino cerca di fare luce, infatti, comprende anche quello delle lotte partigiane contro i nazisti. Che ruolo ha avuto quell’agricoltore, nella Storia che ha travolto il suo paese? chi erano suo padre e sua madre? cosa ci fanno i cadaveri di tre nazisti dietro una porta del fienile? e perché ce l'ha a morte con le “lumache francesi”?
Questo di Michele Mari è un racconto inusuale, in cui non mancano punti oscuri e inspiegabili; soprattutto in un finale che, in tutta onestà, non credo di aver afferrato appieno, ma che è perfettamente in riga col tono palesemente influenzato dai vari Stevenson, Lovecraft e Poe, che permea un po' tutto il romanzo.

“È già insostenibile sapere di essere amati, ma scoprirlo di nascosto è più osceno che fare il voyeur nascosto dietro ai cespugli…”

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
160
Segnala questa recensione ad un moderatore
Verderame 2016-12-19 12:26:42 Antonella76
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
4.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    19 Dicembre, 2016
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ah...le lumache francesi...



Eccomi qui...confusa (e felice???).
Felice di aver letto questo libro sicuramente, ma il livello di confusione e perplessità scaturiti dal finale del romanzo, raggiunge vette altissime.
Mi trovo di fronte ad un'opera che mi ha spiazzato sotto tanti punti di vista: ero molto intimorita da Mari, temevo un linguaggio ed una comprensione del testo al di sopra della mia portata, ed invece pur trovandomi di fronte ad una scrittura altissima, colta, raffinata, che fa delle parole ciò che vuole, ci gioca, le modella, le anagramma, nonostante tutta la cultura che si manifesta in ogni parola pronunciata dal protagonista, le pagine volano via che è un piacere, tutto è chiaro ( sono riuscita persino a venire a capo delle parti in dialetto varesotto!!!), coinvolgente e affascinante.
È un romanzo di formazione, ma anche di avventura, un giallo tendente al gotico, pieno di atmosfere in bilico tra il magico, il surreale e l'horror.
Abbiamo il mito adolescenziale del "mostro", cantine piene di segreti, cadaveri sotterrati in giardino, lumache fameliche...e l'inquietante concetto del "doppio".
Questo "doppio" che, nel finale, ti lascia di marmo.
Non credo di averlo capito.
Anzi, non l'ho capito di sicuro, ma questo non toglie niente alla bellezza e alla forza del romanzo.
Leggendo Mari ho percepito in tutta la sua potenza la mia "inadeguatezza" (io posso dirlo, non lui), in quanto il personaggio di Michelino rimanda a tutta una letteratura che a me manca (Stevenson, Melville, Poe, Lovecraft...), ad una formazione classica che non possiedo e quindi, ahimè, sento di aver perso per strada molte, moltissime, troppe cose.
Ma il piacere di lasciarsi cullare da una scrittura meravigliosa, ricca e trascinante come la sua mi ha ripagato di tutto, anche della presa di coscienza di tutti i miei limiti e della mia ignoranza.
E quindi...Mari, avanti tutta.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Verderame 2014-09-11 06:56:26 Antony
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Antony Opinione inserita da Antony    11 Settembre, 2014
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Ecco un esempio di vera letteratura

Come spesso mi capita, leggo un incipit di Mari e mi allontano infastidito. Il motivo? Ostentatamente “barocco” e “artificioso”, molto simile a un gomitolo di filo narrativo che si attorciglia sempre più, sino al punto che viene voglia di tagliarlo e proseguire. E’ quello che faccio con i romanzi di Mari e che in genere – ovviamente vale per me – funziona. Tagliato l’incipit si precipita letteralmente nella storia e non se ne esce più. Verderame è semplicemente un pezzo di vera letteratura. Partiamo dai protagonisti: Michélin e Felice. Michélin non è altri che l’alter ego di Mari, l’eterno fanciullo... ma che non ha nulla a che vedere con il fanciullino pascoliano… qui l’infanzia è riempita di mostri. Felice, che lavora come contadino presso i nonni di Michélin, è uno di questi mostri. Felice, nel suo incantevole dialetto, sta perdendo pezzi di memoria e Michélin decide di aiutarlo. Una ricerca nel passato che si trasforma in una ricerca nel subconscio. Lo strumento principe è la parola e la sua incredibile forza di rompere gli schemi “razionali” e attraverso un’apparente insensatezza giungere all’essenza delle cose, ma che non appena cerchi di afferrare-rinchiudere-catalogare-definire ecco che ti sfugge ancora.
Il solo aspetto debole è a mio avviso nelle “rivelazioni” dei fatti passati che compaiono nel dialogo tra Michélin e Carmen piazzato verso la fine. Sinceramente come lettore non ne sentivo il bisogno. Per un po’ l’atmosfera favolistica, misteriosa e maledetta di Verderame s’interrompe. Tolto questo “peccato veniale di razionalità narrativa”, il resto è grande letteratura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri