Voragine Voragine

Voragine

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Ai margini di una città assediata, distrutta, che è ieri ed è domani, è qui ed è altrove, vive qualcuno di nome Giovanni. La sua casa è sulla terra incendiata dal gelo, in una periferia esangue, accasciata sul relitto di un acquedotto romano nei pressi di una ferrovia morta. È la casa in cui Giovanni vive e il padre e il fratello muoiono. È la casa da cui Giovanni viene cacciato e da dove comincia un vagabondaggio tra tunnel, ruderi infestati da cani, carcasse di automobili e uomini spaventati. Uomini dominati da un ferino istinto di sopravvivenza, da un'insensatezza che è costruzione e sfacelo. È destino. Una voce lo segue e lo spinge a testimoniare la fine di un mondo che non smette di finire, perché l'assedio della città c'è sempre stato. La voce atona di un profeta retroattivo, priva di pathos, che registra la violenza senza un sussulto ma rimane ipnotizzata dalla materia; che parla da un buio e da un vuoto, nomina, è interiore e rimbomba nell'ovunque. La voce che accompagna Giovanni fra le macerie mentre uomini ciechi si divorano l'un l'altro, lo scorta fra incubi di bambini in fuga e supermercati saccheggiati, in una regione più scura del sonno, senza fame e senza vita. "Voragine" è un paesaggio metafisico, un'apocalisse di rottami, l'endoscheletro di un romanzo di formazione.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.5  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Voragine 2019-02-18 20:44:37 Antonella76
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Antonella76 Opinione inserita da Antonella76    18 Febbraio, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Una fine che non finisce



Non credo di essere in grado di parlare di questo libro, ma posso dire cosa ho provato nel leggerlo: malessere, disagio, freddo, solitudine, fame, disgusto, disperazione...
Ho trovato gli echi apocalittici della strada di McCarthy, la fame avvolgente di Knut, la bestialità del condominio di Ballard, la disperazione dei ciechi di Saramago, la voracità dei Cariolanti di Naspini...
Tutto condensato in un paio di centinaia di pagine.
Troppo carico, troppo disperato, troppo cupo, troppo tutto.
O forse io non ero preparata a dover incassare così tanta violenza.
Esposito ha voluto raccontare la fine di un mondo che non finisce, un tempo fermo che va avanti all'infinito, un inverno senza fine che inghiotte tutto ciò che prima era "umano".
E lo ha fatto attraverso una narrazione fredda come la morte, priva di pathos, dove tutto accade perché deve accadere, senza spiegazioni, senza stupore.
Ma c'è anche della poesia in tutta questa drammaticità.

Ci presenta Giovanni, che, dopo aver perso un fratello (morto di freddo) e il padre (impazzito), inizia a vagabondare, solo e sperduto, in una terra spettrale, con la sola compagnia di un'ombra e di una voce proveniente dal buio, che pronuncia parole a lui incomprensibili, parole di silenzio che lo conducono verso il vuoto, il nulla...

Giovanni non è portatore di nessun messaggio, di nessun fuoco...sarà soltanto chiamato ad essere testimone della fine dell'umanità.
Non c'è una collocazione temporale, né geografica...tutto è sospeso, anzi...tutto è in caduta libera, fagocitato dal vuoto.

"ANCHE QUESTA FINE NON FINISCE E NON FINENDO FINISCE.
UN TEMPO SMASCHERATO TORNA A FLUIRE."

Un libro disperato e disperante, terribilmente duro.
Un esordio potentissimo, feroce e incisivo, ma che, secondo me, risente troppo del confronto con chi lo ha preceduto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
120
Segnala questa recensione ad un moderatore
Voragine 2018-04-10 06:35:42 Mario Inisi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Mario Inisi Opinione inserita da Mario Inisi    10 Aprile, 2018
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

E dopo quei giorni altri giorni

A metà tra La Strada di Cormac e uno dei deliranti testi di Moresco, la scrittura di Voragine è molto interessante: magnetica, ipnotica, più vicina alla poesia che alla prosa, una poesia che è quasi una cantilena con frasi brevi e ripetizioni che aumentano e potenziano il senso di solitudine, di delirio e alienazione. L’ambiente descritto è metafisico e la situazione è a metà tra realtà, allucinazione e delirio. Si suppone una situazione apocalittica con piaghe di gravità crescente e orrore di vivere crescente, con la follia che prende il sopravvento su ogni elemento di umanità. Non si riconosce il confine tra sogno, allucinazione e realtà: gente che sparisce come fatta d’ombre ma cadaveri reali e corpi smembrati, cani e automobili vuote e abbandonate. I cani (o forse i lupi), che come ombre invadono le città, sono meno feroci degli uomini che si squartano, mutilano e sbranano tra loro. Non è tanto la solitudine, la fame o il freddo e nemmeno la malattia la cosa peggiore. La cosa peggiore è la perdita di ogni barlume di razionalità, sentimento e di umanità.
Molto bella la voce e la figura del protagonista Giovanni che cammina per questo mondo imbastardito muovendosi come un veggente che però non vorrebbe vedere. Bellissime le (rare) incursioni dello scrittore nel testo che suggeriscono contemporaneamente la presenza di una coscienza più vasta di quella di Giovanni ma anche uno sdoppiamento della stessa coscienza di Giovanni e forse un principio di follia. Interessante è la traslazione di coscienza con Io che vede Giovanni come in un rovesciamento di ruoli o di identità dominante. La scrittura è bellissima, senza cedimenti. Anzi andando avanti si fa sempre più intensa. Le prime pagine mi erano sembrate un pochino monotone. Bisogna prendere il ritmo della scrittura, lasciarsi ipnotizzare e trascinare dal fiume di parole. Nel finale la scrittura rende il massimo. Molto bello il tocco di verde sul finale.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Moresco
Trovi utile questa opinione? 
130
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Tre
Tre
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
L'arresto
Valutazione Utenti
 
2.0 (1)
I sette killer dello Shinkansen
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Vecchie conoscenze
Valutazione Utenti
 
4.6 (2)
La stagione dei ragni
Valutazione Utenti
 
4.3 (2)
Il pozzo della discordia
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Le vite nascoste dei colori
Valutazione Utenti
 
3.8 (1)
Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Un bello scherzo
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spiaggia degli affogati
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri