Narrativa italiana Romanzi We are family
 

We are family We are family

We are family

Letteratura italiana

Editore

Casa editrice

Al Santamaria è un bambino prodigio, colui che salverà il genere umano appena avrà risolto un problema più urgente: trovare una casa per la sua famiglia. Come tutti i suoi coetanei vive tra realtà e amici immaginari, regni incantati ma soprattutto ha un bellissimo rapporto con il padre Mario Elvis e la madre Agnese che gli fanno sentire di appartenere alla famiglia più bella del mondo. La vita dei Santamaria, vista con gli occhi di Al è un po' uno specchio dell'Italia degli ultimi quarant'anni, sospesa tra voglia di riscatto e illusioni di grandezza, immobilizzata dall'incapacità di credere veramente in ciò che sogna. Al invece, tra mille difficoltà, non ha cedimenti, costruisce pezzo dopo pezzo il suo mondo con l'aiuto della sorella Vittoria e grazie all'energia e alle risorse della sua età. Risorse che sono illimitate perché lui, nemmeno lo sa, resterà bambino per tutta la vita.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.4
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.0  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
We are family 2013-07-01 15:18:53 andrea70
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
andrea70 Opinione inserita da andrea70    01 Luglio, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

STRE-PI-TO-SO

Pochi libri sono riusciti a farmi ridere fino alle lacrime senza traccia di volgarità, ancora meno mi hanno pure commosso.
Fabio Bartolomei è uno splendido cantore di quanto di eccezionale c'è nella quotidianità , nelle persone comuni, nei sogni di ognuno di noi.
Questa è la storia della famiglia Santamaria: sono poveri, perennemente in difficoltà con le spese anche più banali ma felici in quanto si sentono una famiglia unita.
Una famiglia composta da papà Mario detto Elvis per via della forzata somiglianza con la rockstar, mamma Agnese , bella e dolce che è un pò il metronomo della situazione nei momenti di tempesta, la piccola e pasticciona Vittoria ma soprattutto lui, il protagonista indiscusso della vicenda : Almerico detto Al.
Al ha solo quattro anni ma ha già capito di essere un bambino prodigio, non pensate di trovarvi di fronte il classico saputello odioso e arrogante, Al è fresco e sincero, curioso, propositivo , fantasioso e un pò folle.
Ha deciso di salvare il mondo ma "non puoi salvare tutto il mondo, devi cominciare da ogni piccola casa..." e lui comincia da casa sua inventandosene di ogni per aiutare i genitori a sbarcare il lunario...
La parte relativa all'infanzia di Al è qualcosa di assolutamente strepitoso, il mondo degli anni '70 e primissimi anni '80 visto con gli occhi di un bambino che ha il raziocinio di un adulto ma l'ingenuità, il candore, la convinzione che tutto sia possibile, lo stupore di fronte all'ottusità di certi adulti di un bambino appunto.
Questo contrasto crea situazioni esilaranti, mi sono ritrovato a dover chiudere il libro un attimo per riprendere fiato su certi momenti di comicità assoluta. Non leggetelo sulla metrò , vi prenderanno per pazzi mentre sghignazzerete a più non posso o passerete venti minuti filati con un perenne sorriso stampato in faccia.
I genitori di Al, dopo aver provveduto ad una sistemazione malmessa e provvisoria in attesa di tempi migliori e della "casa promessa" quella dove realizzare i loro sogni di famiglia unita in una grande casa tipo grande sogno americano, partono per il viaggio di nozze che non si erano mai potuti permettere, lasciando da soli Al e Vittoria.
I due ragazzi, si ritrovano a vivere in un ex rimessa che non rientra neanche nelle mappe comunali, la burocrazia dell'Italia li ignora, così si inventano una nuova vita come se fossero uno stato a sé , nel "Principato di Santamaria", dove le uniche monete in corso di validità sono l'affetto e la fantasia. Passeranno gli anni, sempre nell'attesa del ritorno dei genitori che sembrano trovare ogni scusa per prolungare il loro viaggio, Al e Vittoria cresceranno tra mille peripezie, e l'incertezza se svelarsi in tutte le loro potenzialità al mondo che li circonda, corrotto e venduto a valori che non sono quelli che hanno permesso a questi ragazzi di sopravvivere.
Il finale è struggente e da ancora più valore al loro bellissimo rapporto di fratelli, ognuno scudo dell'altro quando la vita lancia i suoi dardi avvelenati.
Bartolomei ci ha raccontato l'Italia degli anni '70/'80/'90 con una grazia e un'ironia intelligente davvero uniche, facendoci vedere come sono cambiati i sogni delle generazioni ma non quello che basta per essere felici.
Grandissimo e non sto esagerando.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
220
Segnala questa recensione ad un moderatore
We are family 2013-05-23 11:38:16 Lady Libro
Voto medio 
 
3.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
3.0
Lady Libro Opinione inserita da Lady Libro    23 Mag, 2013
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Le avventure di un piccolo genio

E dopo il bellissimo libro “La banda degli invisibili”, Fabio Bartolomei ci regala un altro splendido capolavoro.
In questo romanzo seguiamo le mirabolanti avventure di Almerico Santamaria (chiamato semplicemente “Al”) , un bambino prodigio (talmente intelligente da ridurre Leonardo da Vinci al ruolo di lustrascarpe), è consapevole di esserlo e se ne vanta parecchio. Non bisogna però pensare che sia antipatico o pomposo: è la sua ingenuità che lo guiderà nelle scelte di vita.
Infatti questo tenero e dolcissimo bambino, che nel corso della storia diventerà uomo (almeno in parte), ha due obiettivi: salvare il mondo da qualunque ingiustizia e aiutare la sua famiglia.
Perché i Santamaria sono sì poveri, ma felici, cercano sempre di essere spensierati, di guardare il futuro con allegria. Perché la cosa più bella di tutte è la famiglia.
Sarà grazie a tutto questo che Al crescerà pienamente appagato, quasi ignaro delle vere difficoltà della vita che apprenderà fino in fondo solo più tardi.
Non a caso i momenti più belli sono sicuramente quelli dedicati alla sua infanzia perché, oltre ad avermi fatto sganasciare più volte dalle risate per le assurdità più svariate, vedere le concezioni di un bimbo come assolute è quasi commovente, come se si aprisse un nuovo mondo davanti agli occhi.
Per questo non ho apprezzato tanto i capitoli dell’adolescenza di Al, che perdono gran parte dell’ironia e della tenerezza presenti all’inizio e rallentano non poco il ritmo del romanzo, riducendosi al ruolo di semplici elenchi.
Ormai non ho più dubbi: Fabio Bartolomei scrive divinamente e dal suo stile traspare un’ironia fresca, originalissima, vera e autentica.
Quindi, leggetelo e se avete qualsiasi problema chiamate Al Santamaria. Ve li risolverà in un battibaleno.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
"La banda degli invisibili" di Fabio Bartolomei
Trovi utile questa opinione? 
200
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Per niente al mondo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La gita in barchetta
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grembo paterno
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Un matrimonio non premeditato
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
La felicità del lupo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Billy Summers
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Smarrimento
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Galatea
Valutazione Redazione QLibri
 
2.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Angeli per i Bastardi di Pizzofalcone
Valutazione Utenti
 
4.0 (2)
Inchiostro simpatico
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Mastro Geppetto
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La sconosciuta della Senna
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri