Narrativa straniera Gialli, Thriller, Horror Come una bambola di stracci
 

Come una bambola di stracci Come una bambola di stracci

Come una bambola di stracci

Letteratura straniera

Editore

Casa editrice


In una galleria di Manhattan qualcuno ha battezzato una nuova forma d'arte. Il corpo inerme di Dean Star, artista eccentrico e promettente, giace sul pavimento, steso in un ventaglio di sangue. Un cartellino dà il titolo all'opera. Morto. Solo gli ingenui ignorano che la morte di un artista fa lievitare il valore delle sue creazioni. E Kathy Mallory, detective della Crimini Speciali di New York, ingenua non lo è davvero. Il caso per molti aspetti riecheggia un omicidio avvenuto dodici anni prima. stessa modalità, stessa ambientazione, persino le stesse persone a fare da cornice alla scena del crimine. A quell'epoca era stato il padre adottivo di Kathy a incastrare l'assassino, un artista fanatico su cui molti avevano voluto far cadere le colpe. Ma Mallory non crede alle coincidenze, e il dubbio che si trattasse dell'uomo sbagliato si insinua nella sua testa come un tarlo. E l'indagine assume tutto un altro sapore.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 1

Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0  (1)
Contenuto 
 
2.0  (1)
Piacevolezza 
 
2.0  (1)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Come una bambola di stracci 2019-01-22 09:56:17 sonia fascendini
Voto medio 
 
2.3
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
sonia fascendini Opinione inserita da sonia fascendini    22 Gennaio, 2019
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

La forma artistica del reato

Kathy Mallory è un agente della crimini speciali di New York. Figlia adottiva di un poliziotto è cresciuta a pane e indagini. La stima che i colleghi ancora hanno per il padre ormai deceduto viene da lei abilmente sfruttata per eludere le regole con la certezza di essere sempre coperta dai poliziotti più attempati. Anaffettiva, allergica alle regole e testarda dà parecchio filo da torcere alle poche persone che ancora insistono a vedere sotto la sua corazza la ragazzina saccente, ma simpatica di un tempo. Di quella bellezza, poco credibile, che permette a una donna di scendere da una moto, farsi una doccia e essere subito pronta a indossare con disinvoltura un costoso abito da sera, provoca e incanta uomini di tutte le età. Anche il suo fisico è un'arma che con finta ingenuità usa a suo beneficio, abbinandola a una intelligenza e un'abilità informatica sopra la media. Ho iniziato con una lunga descrizione della responsabile delle indagini perché è invadente, con forza cerca di sopraffare gli altri poveri personaggi che relegati a comprimari le stano attorno. Molti solo abbozzati, altri bistrattati dalla O'connel fino a diventare delle patetiche macchiette. Eppure siamo dentro un giallo. Eppure l'idea di parenza era a suo modo originale. Un assassino che decide di inventarsi una nuova forma d'arte dove il protagonista è un morto assassinato dentro un museo. Naturalmente le sue parti anatomiche vengono smembrate e posizione in modo "artistico'. Il reato da cui prende il via il romanzo ricorda alla Mallory un altro delitto avvenuto parecchi anni prima di cui si era occupato suo padre. Il dubbio è che entrambi i delitti siano stati compiuti dalla stessa persona e che quindi un clamoroso errore giudiziario abbia messo in galera la persona sbagliata. Le indagini descritte in modo poco incisivo, i continui ritorni sulle problematiche personali di Kathy, il suo essere nonostante la posizione di responsabilità irragionevole, incapace di collaborare col gruppo o di rispettare le regole mi hanno abbastanza annoiato.Il finale, da buon giallo ci porta il responsabile del delitto e frizzi e lazzi per l'investigatrice che lo ha catturato. però anche quello mi ha convinto poco.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

La misura del tempo
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il colibrì
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
2.3 (1)
La seconda porta
Valutazione Redazione QLibri
 
5.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Lungo petalo di mare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il ciarlatano
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I cani di strada non ballano
Valutazione Redazione QLibri
 
2.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La spia corre sul campo
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutti i miei errori
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
L'ultima intervista
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Bianco
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Sotto un cielo sempre azzurro
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
Assolutamente musica
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri