I sei sospetti I sei sospetti

I sei sospetti

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

La trama e le recensioni di I sei sospetti, romanzo di Vikas Swarup edito da Guanda. Vicky Rai l’ha fatta franca un’altra volta. Grazie all’intervento del padre, il potente ministro dell’Interno dell’Uttar Pradesh, è stato assolto dall’accusa di aver assassinato la giovane barista Ruby Gill e ha deciso di festeggiare la buona notizia nella sua splendida villa vicino a Delhi. Ma cinque minuti dopo la mezzanotte le luci si spengono e un colpo di pistola uccide il padrone di casa. La polizia individua sei sospetti, ciascuno con un’arma, un movente e l’opportunità di sparare a Vicky Rai: un ingenuo aborigeno in cerca di una pietra sacra rubata alla sua tribù, una stella di Bollywood che non perde occasione per citare Nietzsche e Sartre, un funzionario in pensione posseduto dallo spirito del Mahatma Gandhi, un ladro di telefonini finito in un guaio più grosso di lui, un giovane texano venuto in India per trovare moglie e, infine, il padre stesso di Vicky, a cui il figlio aveva soffiato un’amante. A indagare sul caso c’è anche il giornalista Arun Advani, pronto a scavare nel passato per ripercorrere le traiettorie che hanno fatto convergere i sei indagati nel giardino di casa Rai. Sei protagonisti che offrono uno spaccato della società indiana, sei trame i cui fili si inseguono per tutto il paese, dalle baraccopoli di Delhi alle montagne del Kashmir, dalle comunità di eunuchi di Varanasi ai lussuosi ritrovi dei nuovi ricchi.

Vikas Swarup è un diplomatico indiano. Dal suo primo romanzo, Le dodici domande, best seller internazionale tradotto in 35 lingue, nel 2008 è stato tratto il film The Millionaire, per la regia di Danny Boyle, vincitore di otto premi Oscar.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 6

Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0  (6)
Contenuto 
 
4.2  (6)
Piacevolezza 
 
4.5  (6)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
I sei sospetti 2013-06-25 09:53:19 C.U.B.
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
C.U.B. Opinione inserita da C.U.B.    25 Giugno, 2013
Top 10 opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Gli insoliti sospetti

India, paese di mille contraddizioni con un forte disequilibrio nella distribuzione della ricchezza. Dove i poveri sono ridotti alla fame, dove i ricchi possono comprarsi ogni ben di dio, compresa l'innocenza di fronte ad un tribunale.
Il destino di un indigente colpevole di un furtarello e' di essere incarcerato e pestato a sangue, il destino di un ricco pluriomicida e' festeggiare l'ennesima assoluzione tra star del cinema.
India, paese omogeneo di fronte al piombo. Una pallottola conficcata nel petto di uno straccione provoca il medesimo effetto che nel petto di un magnate, égalité direbbero in Francia.
Vichy Rai e' morto, assassinato da un colpo di pistola sparato nella sua villa favolosa durante un party. Vicky Rai l'indiscusso colpevole , Vicky Rai il figlio di un ministro mafioso e potente industriale e quindi Vicky Rai l'immacolato, per la Corte. Sei persone vengono bloccate in possesso di un'arma: l'aborigeno,il burocrate, il politico, l'attrice, il ladro e l'americano. I sei sospetti.
Buongiorno India.
Splendido romanzo di Vikas Swarup, l'autore si conferma essere un ottimo scrittore, il frutto della sua penna e' poliedrico e credo potrebbe piacere ad un pubblico molto ampio. Nelle prime pagine affrontiamo un delitto e le personalita' dei sospetti, il giallo come genere letterario e' l'idea di base che cede il passo a molto altro ancora. L'alternarsi dell'approfondimento dei presunti colpevoli traccia percorsi dissimili nella societa' indiana essendo variegata la provenienza dei protagonisti,spaziando dalle baraccopoli di Delhi al Kashmir , dal Varanasi a Bollywood e alle Andamane.
Spassoso e commovente, a tratti improbabile e grottesco, cio' che piu' mi ha affascinato del romanzo e' stata la capacita' di Swarup di riuscire a proporre un urlo di forte denuncia con estrema leggerezza. Diplomatico indiano, l'autore di fatto sfoga una dissenteria di sacrosanta polemica verso la corruzione dilagante, la poverta' assassina che passa inosservata innanzi agli occhi della classe media e alta, la condizione della donna, l'estremismo religioso.
Questo e' un ottimo lavoro, una lettura fresca e leggera, buffa e divertente perfetta per l'estate (ma anche primavera autunno e inverno) ed allo stesso tempo una fotografia scattata da un indiano di una realta' opprimente, un nitido primo piano della melma che imputridisce il suo paese.
Satirico, brillante, originale un libro lupo mascherato da agnello.
Ops, vi ho detto che un certo Vicky Rai e' stato assassinato ? Ne parlano tutti i giornali...buona lettura.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
250
Segnala questa recensione ad un moderatore
I sei sospetti 2012-11-08 13:40:21 Piersamedi
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Piersamedi Opinione inserita da Piersamedi    08 Novembre, 2012
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

SEI SOSPETTI...O FORSE NO?!?

Ma che libro è?? Intendiamoci sin da subito, il mio è un commento positivissimo e anche più.

Il "classico" libro che inizia dalla...FINE; il "classico" libro che ti fa capire che non è importante la trama del libro, ma come la si porta avanti; il "classico" libro che ti spiazza nel finale e che, dopo aver letto l'ultima pagina, non ti fa capire (subito) se il sapore che ti ha lasciato è quello di delusione o di sorpresa (salvo poi accorgerti che alla fine provi contemporaneamente sia sorpresa che delusione e capisci che il libro ti è piaciuto per davvero!)

La trama potrebbe essere tra le più banali: un uomo viene ucciso in casa sua; si sa qual è l'arma non si sa chi è stato; ci sono sei persone sospette ognuno con un motivo più che valido. stop.

E invece è qui che inizia il bello!
Quello che si instaura con l'autore è un vero e proprio gioco, finalizzato alla scoperta del colpevole, mentre lui gioca con te come il gatto con il topo rilasciando indizi, prima, e minando le tue certezze, poi.

Quello che viene fuori è un libro con uno stile e una scrittura frizzantina, molto scorrevole e allo stesso tempo accattivante, che ti permette di fare un viaggio nella variegata e variopinta cultura indiana, incuriosendoti e senza mai farti annoiare.

E poco importa se poi il finale (e che finale!) non è proprio come lo volevi tu... :)

Credo che ognuno di noi, almeno una volta della vita deve leggere un libro simile: sia che sia "sorpresa", sia che sia "delusione" il sapore che ti lascia in bocca, il bello di questo libro è che, una volta finito, ti fa capire quale piacere si può provare nella lettura.

Un bel libro ti prende e ti porta con sé, decide lui dove portarti, che strada fare e dove arrivare...e tu non puoi fare altro che lasciarti andare...e questo è un BEL LIBRO!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
a chi ha voglia di rompere gli schemi (letterari)...
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
I sei sospetti 2012-04-19 07:43:31 Viridis
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
Viridis Opinione inserita da Viridis    19 Aprile, 2012
Top 1000 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

I sei sospetti

Avevo già avuto modo di apprezzare Vikas Swarup leggendo “Le dodici domande” (che era riuscito a sorprendermi piacevolmente nonostante avessi già visto il film The Millionaire) e anche questa volta non mi ha deluso con la sua capacità di intrecciare varie storie per rendere un insieme complesso e multicolore, descrivendo una realtà piena di difficoltà, di ingiustizie ma anche di fascino.
Qui si seguono le vicende di sei protagonisti, affiancati da un buon numero di personaggi, particolari e ben delineati, che si muovono tra realismo, improbabilità e magia.
Le vicende di ognuno sono raccontate con uno stile particolare che lo contraddistingue, e portano a scoprire come essi si siano trovati nella particolare situazione di essere sospettati dell’omicidio di un potente malavitoso.
Il tutto è coronato da un finale per nulla scontato, capace di tenere avvinto il lettore fino all’ultima pagina.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
I sei sospetti 2010-10-13 08:42:47 maxgrande
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
maxgrande Opinione inserita da maxgrande    13 Ottobre, 2010
  -   Guarda tutte le mie opinioni

Bello bello bello

Bello, divertente, curioso ed appassionante.
Scritto bene, in maniera fluida con le storie dei sei sospetti dell'omicidio dell'odioso figlio del potente politico indiano che si intrecciano tra loro per rivelarsi piano piano.
Alcune trovate veramente geniali e divertentissime, come la storie del giovane e stupido texano.
Leggetelo!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
I sei sospetti 2010-01-03 19:26:47 Mauro
Voto medio 
 
5.0
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
Opinione inserita da Mauro    03 Gennaio, 2010

Stupendo.

Libro stupendo che mi sento assolutamente di consigliare.

Un giallo intricato con una trama ricca, ma in cui è impossibile perdersi.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
I sei sospetti 2009-10-07 11:18:37 piero
Voto medio 
 
2.0
Stile 
 
2.0
Contenuto 
 
2.0
Piacevolezza 
 
2.0
Opinione inserita da piero    07 Ottobre, 2009

i sei sospetti

500 pagine inutili. Velletario e improbabile.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
no
Trovi utile questa opinione? 
00
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Figlia della cenere
Valutazione Utenti
 
5.0 (1)
L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri