Il canyon delle ombre Il canyon delle ombre

Il canyon delle ombre

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Todd Pickett è un attore di fama mondiale. I suoi film d'azione sono stati un successo tanto da consentirgli di entrare tra le celebrità più pagate e ammirate di Hollywood. Ma Todd è anche vanitoso e , preoccupato che la carriera possa avviarsi ad un lento declino a causa delle prime rughe a segnare un volto perfetto, decide di sottoporsi ad un intervento di chirurgia plastica. Ma l'intervento gli deturpa il volto e Todd fugge da ogni contatto col mondo rifugiandosi in una vecchia e misteriosa villa che si trova in una collina che sovrasta Hollywood denominata Coldheart Canyon, in passato dimora di un'attrice degli anni venti chiamata Katia Lupi. Presto Todd scoprirà che il luogo è ancora abitato da presenze inquietanti tra cui una donna bellissima per la quale il tempo sembra non essere passato.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
4.6
Stile 
 
5.0  (2)
Contenuto 
 
4.5  (2)
Piacevolezza 
 
4.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il canyon delle ombre 2015-06-15 19:25:52 Rebel Luck
Voto medio 
 
4.5
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Rebel Luck Opinione inserita da Rebel Luck    15 Giugno, 2015
Top 100 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Introvabile. Fuori catalogo.

Clive Barker è, secondo me, il miglior scrittore di romanzi brevi o racconti lunghi del genere horror.
"Cabal" e "Schiavi dell'inferno" sono sicuramente i suoi 2 più grandi e visionari capolavori.
Sul romanzo lungo però ha sempre avuto dei problemi.
Tutti i suoi romanzi più "corposi", partono benissimo ma hanno delle sequenze, dei paragrafi troppo lenti, troppo pesanti. Anche il suo miglior libro "Apocalyps" che consiglio a tutti di leggere, ha intorno alla cento/duocentesima pagina un rallentamento che fa venir voglia di abbondonare il libro.
Il canyon delle ombre parte veramente molto bene, il prologo di 57 pagine è un racconto fantastico, tra i sotteranei di un monastero maledetto, alla scoperta di un opera d'arte infernale, la cui descrizione visionaria è sufficiente per giustificare l'acquisto del libro.
Barker è maestro nella descrizione di altri demoniaci mondi, e quando si sofferma sulle minuziose descrizione, fa venire voglia di entrarci.

Il protagonista entra in scena solo alla sessantunesima pagina, Todd Pickett attore Hollywoodiano di film d'azione. Il personaggio è reso reale ai limite del carnale.
La sua bellezza ed il suo fisico da star sono colorati sapientemente da una carrellata di difetti caratteriali ed emotivi, che lo rendono vero. Tanto vero da andare su Google a scrivere il suo nome per assicurarsi che non esista veramente.

La storia è di quelle che si sentono spesso ai TG, un volto noto, rovinato da un intevernto di chirurgia estetica andato male.
Il protagonista viene così incanalato verso "Coldheart Canyon", una casa zeppa di spettri a cavallo tra due dimensioni.
Spettri fantastici ricchi di fascino e creature mostruose, metaumane, metafisiche entrano in scena in un delirio horror erotico ai limiti del malato.
Il romanzo, forse horror, in troppe pagine è erotico ai limiti del pornografico (e sono queste il punto debole del libro), ma Barker è maestro nel fondere i generi, e la storia tiene.
Intriga.
Ammalia.
Emoziona.
Questo libro è come una malattia che ti porta al delirio, in preda alla febbre la mente non si ferma e nonostante il malessere continua a lavorare e creare pensieri mobili indecifrabili irrefrenabili.
Pagina 285 Todd Picket entra nella "stanza della caccia" nel "paese del Diavolo", e di nuovo Barker ci delizia con la descrizione del suo magnifico horrorifico mondo.
Grazie Clive.
La seconda metà del libro è addirittura superiore alla prima, Tammy che nella prima parte era solo uno dei personaggi, esce dall'ombra e diventa l'inaspettata eroina la protagonista.
Personaggio positivo e improbabile, la donna in sovrappeso che gestisce il fans-club di Todd, rende onore a tutti i non famosi, a tutti i non belli, ed il libro ne ha solo da guadagnarci.
Finalmente le trame si illuminano ed i nodi si sciolgono, e mentre il buio incombe Barker sorride.
Grazie Clive.

In conclusione, penso che questo libro sia un capolavoro e che il fatto che sia fuori catalogo ed assolutamente introvabile sia un vero e proprio delitto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
90
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il canyon delle ombre 2013-06-18 14:26:52 andrea70
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
5.0
Contenuto 
 
4.0
Piacevolezza 
 
5.0
andrea70 Opinione inserita da andrea70    18 Giugno, 2013
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Dorian Gray 2000

Ho sempre pensato che Clive Barker si sarebbe rivelato un po' troppo "pulp" per i miei gusti , una sorta di Stephen King incattivito di brutto. A giudicare da quest'opera non direi. La prima parte è davvero ben scritta , come tematiche e avvenimenti non sembra per niente un romanzo horror.
Un attore famoso ma che mostra i primi segni degli anni che passano si sottopone ad un intervento di chirurgia plastica dall'esito nefasto . Abbandonato da tutti, amici e agenti, in un mondo dove l'apparire è tutto o quasi, trova rifugio presso una villa appartenuta ad una star degli anni venti, in una località appartata di Hollywood.
Nella dependance della villa vive ancora , come una presenza che aleggia inquietante , una donna che dovrebbe essere quasi centenaria se è chi dice di essere , ma che dimostra poco più che vent'anni. Per i giardini vagano oscure presenze , sembrano fantasmi ma sono molto reali. Nella villa è stato trasportato molti anni prima dalla Romania uno splendido mosaico " la caccia" , che ha occupato tutte le pareti , i soffitti e i pavimenti dell'enorme sotterraneo. In questa stanza Todd si sente osservato, si odono rumori strani , è come se qualcosa stesse arrivando da chissà dove, c'è un senso di attesa che fa venire i brividi.
Todd non sa più se il pericolo maggiore è l'inquietante mosaico dove alcuni personaggi sembrano essersi spostati da un giorno all'altro o il giardino dove vagano creature abnormi, vecchie stelle del cinema che dovrebbero essere morte da decenni, figure sinistre e bizzarri incroci.
Cosa accade ogni giorno a Coldheart Canyon, e quale evento terribile sta per accadere ? Todd sta impazzendo o è finito in una realtà strana quanto paurosa ? E che rapporto c'è tra il mosaico e i reietti umani in giardino ?
Bellissimo romanzo a cavallo tra l'horror e il dramma, tra Il Ritratto di Dorian Gray e Stephen King.
Il tema è l'incapacità dell'uomo di accettare la propria caducità, il fatto che lo sfiorire del nostro aspetto è solo uno dei segni della nostra provvisorietà .
Il mondo delle stelle del cinema è disposto a qualsiasi compromesso pur di conservare il proprio splendore, il potere che deriva dalla propria avvenenza.
E' una lotta tra esseri ormai vuoti di valori, pieni solo di rabbia , lussuria e crudeltà.
Per chi ama il cinema e ha familiarità con nomi e consuetudini è davvero una chicca, alcune scene sono un po' forti ma è un romanzo molto avvincente.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
110
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ossessione
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il suo freddo pianto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tre gocce d'acqua
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il rogo della Repubblica
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'inverno dei Leoni. La saga dei Florio
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Yoga
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Il grido della rosa
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una rosa sola
Valutazione Redazione QLibri
 
1.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
I demoni di Berlino
Valutazione Utenti
 
4.8 (2)
L'uomo del bosco
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)
Il vizio della solitudine
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
L'uomo del porto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri