Il cecchino paziente Il cecchino paziente

Il cecchino paziente

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice


Ad Alejandra Varela, detta Lex, specialista in arte urbana, piacciono le donne. Ma ora che ha perso la sua compagna, Lita, non le resta che il lavoro. Un incarico editoriale la mette sulle tracce di Sniper, uno dei writer più famosi al mondo, protagonista di “interventi” ben oltre i limiti della legalità. Quasi nessuno conosce la sua vera identità. Un artista? Lui dice di non esserlo, ripete che i suoi “pezzi” sono “guerriglia urbana”. Eppure, se qualcuno lo convincesse a esporre le sue opere e a farne un libro, sarebbero in molti ad arricchirsi. Almeno all’inizio, è per questo che Lex lo insegue da Madrid a Lisbona, da Verona a Napoli. Anche qualcun altro, però, sta cercando Sniper, con tutt’altre intenzioni. E pedina Lex per arrivare fino a lui. Quello che allora si scatena è un appassionante duello di intelligenze, un gioco tra schermitori che cercano il fianco debole dell’avversario. E poi colpiscono.

Recensione Utenti

Opinioni inserite: 2

Voto medio 
 
3.3
Stile 
 
3.0  (2)
Contenuto 
 
3.0  (2)
Piacevolezza 
 
3.5  (2)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il cecchino paziente 2015-09-03 18:59:41 Alberto30
Voto medio 
 
3.5
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
4.0
Alberto30 Opinione inserita da Alberto30    03 Settembre, 2015
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

DAL NUMERO UNO SI PRETENDE IL MASSIMO


"Il cecchino paziente" è una storia moderna, ambientata tra Spagna, Portogallo ed Italia ( Verona, Milano, Roma e Napoli ).
Il mondo del writing in questo libro è protagonista almeno quanto i personaggi che lo animano. Graffiti, firme, bombing : Arturo Perez Reverte ci porta per mano in questo mondo nascosto che nasce nel buio della notte per esplodere e consacrarsi alla luce del giorno. Regole che vanno al di là delle canoniche leggi societarie, arte urbana, o meglio, guerriglia urbana, come viene definita nel romanzo.
La trama, in verità non molto complessa, porterà Lex, la protagonista, nei meandri più nascosti di questo mondo alla ricerca di Sniper, il miglior graffitaro in circolazione, il più grande di tutti. Per carpirne i segreti, i pensieri e per provare a "comprarlo" con una proposta economica da parte di un noto editore che vorrebbe acquisirne i diritti.
C' è però chi cerca Sniper anche per vendetta personale e Lex rischia di diventare il mezzo inconsapevole per arrivare ad esso. La verità si scoprirà essere molto diversa!
Forse non il miglior libro di Perez Reverte, comunque di piacevole lettura. Una trama che scorre veloce sullo sfondo di un mondo, quello dei graffiti, che viene svelato e raccontato dettagliatamente e con interesse dall' autore.
Difficile che uno dei migliori scrittori contemporanei qual è Reverte, possa scrivere un "noir" noioso ed infatti non si smentisce. Il problema è che dal narratore spagnolo ci si aspetta sempre l' eccellenza ed "Il cecchino paziente" è semplicemente un buon libro.
A lasciarmi più perplesso è la trama, molto scarna e ricca di personaggi non approfonditi ( Baffi Biondi e Faccia Magra su tutti ). Un Reverte quasi annoiato, come se più interessato al mondo del writing che all' intreccio ed ai suoi protagonisti.



Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
80
Segnala questa recensione ad un moderatore

Il cecchino paziente 2015-03-15 20:01:30 Belmi
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
Belmi Opinione inserita da Belmi    15 Marzo, 2015
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Difficile da giudicare...

"Il cecchino paziente" è un libro per me un pò difficile da recensire perché durante la lettura ho avuto emozioni contrastanti.

Se dovessi giudicarlo in base al genere (giallo, thriller) il voto sarebbe davvero molto basso. Questo romanzo non ti lascia con il fiato sospeso, niente suspense o adrenalina, niente di niente.

L'inizio è anche accattivante ma poi il romanzo si perde un pò.

Dove nasce la mia difficoltà? Nell'argomento. Chi ha letto altre mie recensioni, sa che sono un'appassionata di arte, specialmente di quella moderna e contemporanea.
L'intero libro è una dedica al mondo del writing (graffitismo) e della street art.

Per chi non conoscesse questo mondo, alcuni artisti sono diventati un pò commerciali, ma i veri artisti di strada vivono al di fuori della legge: "Se è legale, non è writing".

Questo argomento è trattato in maniera eccelsa e abbastanza reale.

Lex, giovane cercatrice di talenti è sulle tracce di Sniper, l'artista che si firma con il nome appunto di cecchino. Di lui non si sa niente, ne la sua identità ne dove vive. Non è l'unica però a cercarlo; Sniper ha una bella taglia sulla testa perché a causa sua diversi giovani artisti di strada sono morti per seguire le orme del leggendario cecchino. Da qui la lunga caccia.. diventata appunto lunga a causa dell'omertà che vige nel codice degli artisti di strada.

Arrivando alle conclusioni: per chi cerca un buon giallo da leggere con azione e colpi di scena può tranquillamente evitare questo libro; per chi invece come me è appassionato di arte, non ne rimarrà deluso.

Posso solo fare un appunto ovvero che l'autore poteva impegnarsi un pò di più per renderlo un buon giallo visto che l'argomento si prestava così bene a quel genere.

Buona lettura!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
Trovi utile questa opinione? 
210
Segnala questa recensione ad un moderatore
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

L'ultima canzone del Naviglio
Valutazione Utenti
 
3.3 (1)
Uomini di poca fede
Valutazione Redazione QLibri
 
3.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Violette di marzo
Valutazione Utenti
 
3.5 (1)
Quanto blu
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Le peggiori paure
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Le confessioni di Frannie Langton
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Una donna normale
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La signora del martedì
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Nero come la notte
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Il bambino nascosto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Gli informatori
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
La ricamatrice di Winchester
Valutazione Redazione QLibri
 
4.5
Valutazione Utenti
 
2.8 (1)

Altri contenuti interessanti su QLibri