Il giudice e il suo boia Il giudice e il suo boia

Il giudice e il suo boia

Letteratura straniera

Classificazione

Editore

Casa editrice

Il protagonista è il vecchio ispettore Barlach, incaricato, insieme con il giovane agente Tschanz, di indagare sull'assassinio del tenente della polizia di Berna, Schmied. La scena si svolge intorno alla villa, nei pressi del lago di Bienne, di un avventuriero altolocato, Gastmann, che si vale di amicizie politiche influenti, tanto da indurre un consigliere nazionale e un giudice istruttore a sviare Barlach dai suoi propositi di giustizia. Fra Barlach e Gastmann esiste un legame antico, fin da quando Gastmann, a Istanbul, ha commesso un delitto sotto gli occhi di Barlach e lo ha sfidato a un duello che dura da tutta la vita. Ma l'ispettore, anche se vecchio e malato, prima di morire tesse con astuzia una rete che costringe un carnefice a eseguire una sentenza di morte che egli stesso ha decretato.



Recensione Utenti

Opinioni inserite: 3

Voto medio 
 
4.0
Stile 
 
3.7  (3)
Contenuto 
 
4.3  (3)
Piacevolezza 
 
4.0  (3)
Voti (il piu' alto e' il migliore)
Stile*  
Assegna un voto allo stile di questa opera
Contenuto*  
Assegna un voto al contenuto
Piacevolezza*  
Esprimi un giudizio finale: quale è il tuo grado di soddisfazione al termine della lettura?
Commenti*
Prima di scrivere una recensione ricorda che su QLibri:
- le opinioni devono essere argomentate ed esaustive;
- il testo non deve contenere abbreviazioni in stile sms o errori grammaticali;
- qualora siano presenti anticipazioni importanti sul finale, la recensione deve iniziare riportando l'avviso che il testo contiene spoiler;
- non inserire oltre 2 nuove recensioni al giorno.
Indicazioni utili
 sì
 no
 
Il giudice e il suo boia 2017-04-28 11:44:47 siti
Voto medio 
 
4.8
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
5.0
siti Opinione inserita da siti    28 Aprile, 2017
Top 50 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

SCACCO MATTO

Due individui hanno intrecciato indissolubilmente il loro destino durante la giovinezza per via di una scommessa avente per oggetto il diritto di esistenza del delitto perfetto. Accettandone i termini si macchiano entrambi di una colpa che li lega nel peggiore dei modi. La scelta di Gastmann è quella di compiere il delitto perfetto, quella di Bärlach di provare la colpa di costui. Non riuscendovi, trascorre l’esistenza a seguire e tentare di incastrare il vecchio amico ormai diventato il suo peggior nemico. È giunto ora il momento per il vecchio Bärlach, una vita da commissario, di giocare la sua ultima mossa …
Impossibile svelare oltre onde evitare inutili e dannose anticipazioni, il libro si gusta perché si rivela progressivamente regalando scorci paesaggistici elvetici e una non troppo velata polemica al sistema amministrativo e politico della Svizzera tendente a offuscare il classico rigore e l’efficienza che le si è soliti attribuire. Il romanzo adottando e insieme rigettando la tradizione del genere giallo e del poliziesco si fa portatore di una precisa visione dell’esistenza e con essa della giustizia. La vita è caos, la giustizia invano può porvi rimedio, la ricerca della verità raramente coincide con la giustizia. In questo romanzo quarant’anni non bastano per giungere ad una giustizia che purtroppo pare rivelarsi solo alla fine ma in modo imperfetto e arbitrario, creando a sua volta altra colpa, altra ingiustizia. Su tutti pare trionfare solo la morte come nell’incisione di Dürer “Il cavaliere, la morte e il diavolo”.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Consigliato a chi ha letto...
Sciascia
Simenon
e a chi ha visto "Delitto perfetto"
Trovi utile questa opinione? 
170
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il giudice e il suo boia 2012-04-06 15:53:13 Nick1993
Voto medio 
 
4.3
Stile 
 
4.0
Contenuto 
 
5.0
Piacevolezza 
 
4.0
Opinione inserita da Nick1993    06 Aprile, 2012

assolutamente a leggere

avvincente, enigmatico, incalzante e molto di più. Ho letto questo libro in un giorno e ne sono rimasto affascinato. Gli intrighi psicologici sono formidabili, la stile è estremamente scorrevole, ogni azione e vicenda è perfettamente descritta e immaginabile, mai né troppo divulgata né troppo asciutta. se si vuole passare una giornata in cui si è particolarmente annoiati a fare qualcosa, consiglio vivamente di leggere questo libro che, alla fine, un sorriso di soddisfazione e di appagamento per il tempo trascorso è assicurato!

Indicazioni utili

Lettura consigliata
Trovi utile questa opinione? 
51
Segnala questa recensione ad un moderatore
Il giudice e il suo boia 2011-07-25 11:24:29 darkala92
Voto medio 
 
3.0
Stile 
 
3.0
Contenuto 
 
3.0
Piacevolezza 
 
3.0
darkala92 Opinione inserita da darkala92    25 Luglio, 2011
Top 500 Opinionisti  -   Guarda tutte le mie opinioni

Senza infamia e senza lode

Premetto di non essere esperta di gialli e/o polizieschi, perciò non sono in grado di fare le dovute differenze, ma parlo da ciò che ho sentito dire oppure ho letto di altri gialli et similia.

“Il giudice e il suo boia” (Der Richter und sein Henker – narrativa svizzera) è un giallo che si dipana su intrecci psicologici più complessi. Non serve il solito scenario truculento e sanguinoso per stendere un giallo. A Dürrenmatt è servito solo un assassinio, uno solo. E da là tutto ha avuto inizio. Anzi, sarà proprio la morte di Schmied che metterà fine ad una storia che ormai è andata avanti già per troppo tempo.
“Il giudice e il suo boia” è ambizione, affermazione di se stessi; è lotta per far trionfare la giustizia a qualsiasi costo, pur andando contro le regole; come si suol dire: “il fine giustifica i mezzi”. Questo giallo è un insieme di tante mosse azzardare, coraggiose e pericolose, è un insieme di incastri e di pezzetti che vanno insieme, devono andare per forza insieme. Ma sarà nella mente del commissario Bärlach che si intrecceranno i fili di quello che viene considerato un “giallo emblematico”, costituto da giochetti psicologici che sembrano non irreali, ma di sicuro non alla portata dell'uomo comune, quello quotidiano.

Per me si tratta di un libro senza lode e senza infamia, ma potrei non essere soggettiva perchè non sono affatto amante né di gialli, né di thriller e tantomeno di polizieschi. Non so perchè mi sono ritrovata tra le mani queste 109 pagine. Forse sarà stata quella recensione invitante che mi ha portato a dire “perchè no?”. Di sicuro mi hanno aiutato quelle sole 109 pagine, altrimenti non so come avrei fatto.

Indicazioni utili

Lettura consigliata
  • no
 

Le recensioni delle più recenti novità editoriali

Hozuki
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Quel luogo a me proibito
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tutto il sole che c'è
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Un tè a Chaverton House
Valutazione Utenti
 
3.0 (1)
Un romanzo messicano
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Flora
Valutazione Utenti
 
4.0 (1)
Quando tornerò
Valutazione Redazione QLibri
 
4.3
Valutazione Utenti
 
4.0 (3)
Prima persona singolare
Valutazione Redazione QLibri
 
4.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Tempesta madre
Valutazione Redazione QLibri
 
3.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Spin
Valutazione Redazione QLibri
 
3.0
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)
Later
Valutazione Redazione QLibri
 
3.5
Valutazione Utenti
 
4.5 (1)
Sangue inquieto
Valutazione Redazione QLibri
 
4.8
Valutazione Utenti
 
0.0 (0)

Altri contenuti interessanti su QLibri